locarno-progetto-di-prossimita-uno-strumento-essenziale
Ti-Press
Da Brissago a Cugnasco-Gerra: il Progetto di prossimità dovrà essere mobile come lo sono i giovani
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
31 min

Colpo di scena a Val Mara: lo sfidante sindaco si dimette

Daniele Maffei, tra i motori del progetto di aggregazione, lascia il Municipio dopo essere stato superato in votazione e al ballottaggio
Bellinzonese
37 min

Tiro obbligatorio e in campagna allo stand dei Saleggi

Giovedì 19 maggio dalle 17 alle 19
Mendrisiotto
49 min

Aggregazioni, Gobbi dai Comuni del Mendrisiotto

Tra i temi il progetto di fusione del Basso Mendrisiotto che entrerà nel vivo a inizio giugno
Bellinzonese
53 min

Festa di primavera con la Civica filarmonica di Giubiasco

Appuntamento al Mercato coperto per domenica 22 maggio
Bellinzonese
59 min

Festa del mulino a Calonico

Appuntamento per sabato 28 maggio con dimostrazione, grigliata, musica e mercatino
Bellinzonese
1 ora

Biasca, firmacopie con Gianluca Grossi

Sabato dalle 14 alle 17 con discussione del nuovo libro ‘La libertà è una parola. Sul giornalismo apocalittico’
Bellinzonese
1 ora

Morti a Sementina: ‘vicinanza’ ma non scuse dal Municipio

Il capodicastero Giorgio Soldini ribadisce il sostegno ai vertici che andranno a processo nei prossimi mesi
Ticino
1 ora

TiSin, i leghisti Aldi e Bignasca lasciano il ‘sindacato’

Capogruppo e vicecapogruppo in Gran Consiglio della Lega si dimettono e ritirano la firma dall‘associazione. Ceruso: ’No comment, daremo comunicazioni’
Locarnese
1 ora

Aurigeno, una Chiazza viva ricettacolo di storia e tradizioni

Il Patriziato locale ha promosso recupero e valorizzazione del poggio che si estende sopra la frazione Terra di Fuori. Inaugurazione domenica 22 maggio.
Ticino
1 ora

Nelle case anziani nessun contagio di coronavirus da ieri

Nelle ultime 24 ore registrati in Ticino 113 casi e zero decessi. Negli ospedali si contano 69 pazienti Covid, di cui tre nei reparti di terapia intensiva
21.01.2022 - 13:15
Aggiornamento : 15:21

Locarno, Progetto di prossimità: uno strumento essenziale

Il Municipio pubblica il messaggio inerente alla Convenzione fra Città e Fondazione il Gabbiano per colmare la lacuna in ambito di politica giovanile

“L’evoluzione della situazione e dei bisogni dei giovani impone ai territori di dotarsi di risorse alternative, più flessibili e informali, per rispondere alle nuove forme di disagio giovanile”, con questo presupposto il Municipio di Locarno ha pubblicato il suo messaggio in cui chiede al legislativo di approvare la Convenzione tra il Comune di Locarno e la Fondazione il Gabbiano per la fase di sviluppo del Progetto di prossimità del Locarnese. Come Mendrisiotto, Malcantone e Bellinzonese, anche il Locarnese vuole dotarsi di un progetto di lavoro di prossimità con i giovani.

I fatti di cronaca accaduti negli ultimi mesi in centro città hanno spinto le autorità – non solo locarnesi, ma anche di altri dodici comuni facenti parte del Convivio dei sindaci del Locarnese (Cisl) – a chinarsi una volta di più sulla questione giovanile, con particolare attenzione alle situazioni di disagio, nonostante “la fitta rete di attori pubblici e privati che si occupa dei giovani”.

Nel messaggio è sottolineato come questo percorso vada fatto con un “approccio di prossimità, anello mancante della rete dei servizi della regione del Locarnese, che permetterà di raggiungere e coinvolgere meglio i giovani, specialmente quelli più a rischio”, si legge. Questo tipo di approccio verrà portato e sviluppato nella nostra regione attraverso la Collaborazione con la Fondazione il Gabbiano (circa quattro settimane fa avevamo anticipato il discorso con Edo Carrasco, che ne è il direttore), forte della conoscenza del territorio e di esperienza in materia giovanile guadagnata sul campo in altri centri del cantone. Inoltre, a questo verrà accompagnato l’innovativo approccio che coinvolge i pari (“peer-to-peer”).

“La Convenzione permette alla nostra regione, una delle ultime in Ticino sprovvista di tale approccio, di dotarsi di questo strumento, attraverso la Collaborazione con la Fondazione il Gabbiano (…). La portata regionale della convenzione è indispensabile, vista la mobilità dei giovani e la responsabilità condivisa di prendersi cura delle persone che sono la garanzia del nostro comune benessere futuro”, scrive quindi il Municipio. Lo ricordiamo della Cisl fanno parte Ascona, Brione sopra Minusio, Brissago, Cugnasco-Gerra, Gambarogno, Gordola, Locarno, Losone, Minusio, Muralto, Orselina, Ronco sopra Ascona, Tenero-Contra.

Per i prossimi quattro anni gli operatori del Progetto di prossimità lavoreranno nella regione a contatto coi giovani (dai 15 ai 30 anni), mirando a “prevenzione e accompagnamento nell’inserimento sociale, formativo e/o professionale dei giovani più a rischio”, agendo però in modo tale da avvicinarli in maniera informale e immediata, senza giudizio e imposizioni di sorta, affinché possano sentirsi sicuri, ascoltati, liberi, autonomi, valorizzati, ritrovando magari quella fiducia persa nei confronti degli adulti, di coloro che dovrebbero essere punti di riferimento.

Annualmente al Gabbiano sono richiesti due rapporti sull’andamento del progetto; l’operato della Fondazione verrà altresì monitorato da un Gruppo politico di accompagnamento, composto dai municipali delegati della Cisl. A questo Gruppo è demandato un rapporto annuale con consuntivo. Dopo i quattro anni di questa fase pilota (la cui sede sarà a Locarno), verrà effettuata una valutazione complessiva al fine di comprendere se la Convenzione possa essere trasformata in durata indeterminata.

Leggi anche:

Locarno, ‘papà mi hanno picchiato di brutto’

Locarno, metti un venerdì sera e un posto per sentirsi se stessi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fondazione gabbiano locarnese locarno prossimità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved