ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
1 ora

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
3 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
4 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
4 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
4 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
5 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
5 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
5 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
6 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
6 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
6 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
6 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
Ticino
6 ore

Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’

Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Grigioni
6 ore

Adolescenti e sport: serata pubblica con lo psicologo Morinini

La organizza a Roveredo il Raggruppamento calcio Grandinani del Moesano
Locarnese
6 ore

Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze

La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
Ticino
6 ore

Apprendistato, finora i contratti firmati tengono bene

A oggi sono 2’452, cinque meno dell’anno scorso e 75 in più del 2019, ultimo anno pre pandemico. Ancora 115 i posti vacanti
Luganese
7 ore

A Lugano una serata pubblica sulla riforma delle Arp

Il dibattito si terrà l’11 ottobre nell’auditorium del Centro professionale tecnico di Trevano. Interverrà, fra gli altri, il consigliere di Stato Gobbi
Luganese
7 ore

A Lugano in esposizione i progetti di Impact Club

Sabato 15 ottobre gli otto progetti presenteranno i propri modelli di business a impatto e di innovazione sociale (profit e non) nella Svizzera italiana
Bellinzonese
7 ore

Altre tre settimane di lavori per asfaltare a Sementina

Verso la conclusione il lungo cantiere in corso sulla strada cantonale in prossimità della curva a S
Luganese
7 ore

Lavori sulla strada cantonale Lugano-Viganello-Gandria

La Strada di Fulmignano sarà interessata da opere di pavimentazione sabato 8 ottobre, pertanto la strada cantonale sarà chiusa al traffico
Bellinzonese
7 ore

Una serata di proiezioni a Gorduno con Luca Bettosini

Il giornalista fotoreporter sarà ospite il 21 ottobre di AbcdVideo
Locarnese
7 ore

Solduno, il sentiero Piodascia perfettamente agibile

Grazie all’intervento della Protezione civile, il tracciato è stato ripristinato. I ringraziamenti della locale Associazione di quartiere
Bellinzonese
7 ore

Donne in guerra contro la mafia: uno spettacolo a Biasca

Sabato 8 ottobre al Teatro Tan con Luca Maciacchini
Locarnese
7 ore

Locarno, Musica cittadina in assemblea

Appuntamento giovedì nella sede di via delle Aziende 3
laR
 
24.12.2021 - 05:30

Locarno, metti un venerdì sera e un posto per sentirsi se stessi

Incursione nella ‘zona calda’ della città per due chiacchiere con i giovani. Carrasco (Gabbiano): ‘Approccio di prossimità e gestione partecipativa’

locarno-metti-un-venerdi-sera-e-un-posto-per-sentirsi-se-stessi
laRegione
In attesa...

«No, non possono chiudere questa zona. Se lo fanno, dove andiamo?, a Locarno non c’è niente!». La forza dell’esclamazione è significativa per comprendere quanto uno spazio di aggregazione per i ragazzi manchi in città. Soprattutto quando un’area pubblica come la zona fra piazza Castello e la rotonda – da tempo ritrovo per una moltitudine di giovani della regione e non solo – ha rischiato di chiudere in seguito a episodi di violenza giovanile capitati alcune settimane fa; l’ultimo in ordine di tempo sabato 4 dicembre. Dopodiché, l’amministrazione comunale ha deciso di attuare una serie di misure incisive: nel corto termine, sono aumentati i controlli (pattugliamenti, agenti in borghese, “securini” privati). Sul lungo termine, invece, è stato già messo in atto un progetto con operatori di strada della Fondazione il Gabbiano.

‘Se chiudono, dove andiamo?’

È venerdì 17 dicembre, per una manciata di ore notturne, metto da parte i discorsi istituzionali, per andare in strada a vedere che aria tira, consapevole che le misure di controllo potenziate sono già in atto da sette giorni. Arrivo presto, troppo presto per chi esce nel fine settimana. Sono le 21, muretti e rotonda sono quasi deserti: decido di aspettare che inizi a muoversi qualcosa seduta a un tavolino da bar. Il luogo ha il suo fascino, le luci notturne poi fan tutto il resto. Il castello in alto, i resti delle mura che scendono e riaffiorano nel sottopasso della rotonda: un contesto parecchio underground, se si fa astrazione di essere a Locarno. (Che, in verità, nulla ha a che vedere con certi contesti urbani di oltralpe, per restare nei confini). Ecco, all’istantanea, ma per questo difetta per sua natura “bidimensionale” la scrittura, manca la musica, che in realtà per strada c’è… Nel frattempo passa una volante e una coppia di “securini” si aggira guardinga.

Non passa molto tempo che gruppuscoli iniziano ad arrivare, alcuni passano, altri si piazzano secondo una geografia generazionale e d’interessi (musicali, ma non solo) tutta loro, che mappa le rovine del Visconteo. Ho fatto quattro chiacchiere con alcuni di loro. Mi hanno subito colpito l’eterogeneità – seppur non vi fosse la folla – e, soprattutto, l’apertura a discutere, a dire la propria. Non ho chiesto nomi, ma solo età e luogo d’abitazione.

«Sì, nel week-end siamo sempre qui. Ascoltiamo musica, chiacchieriamo, beviamo un paio di birre. Questa sera ci siamo messe qua perché il gruppo lì dietro mette bella musica. Ci sono delle volte che andiamo anche in un bar, portiamo le carte da gioco e passiamo la serata. Ma mica tutte le sere, è troppo costoso e in più adesso con le restrizioni anti-Covid non ci lasciano entrare». Una diciassettenne e una diciottenne sono le prime ragazze, entrambe di Locarno, con cui attacco bottone; sono loro che alla possibile chiusura dell’area hanno sottolineato con forza l’assenza di spazi aggregativi. (A dirla tutta un “temone” comune a generazioni e generazioni e generazioni…).

Come una falena attirata da fasci luminosi e fluo che ballano su un brano techno – ‘Nuovi luoghi’, titolo alquanto emblematico – raggiungo la decina di persone, fra ragazze e ragazzi, che balla poco distante. Mi avvicino a un ragazzo (un 24enne di Locarno) e una ragazza (22enne della Valmaggia): «Veniamo qui spesso. Qualcuno porta le casse e mette musica, ci si invita fra amici. Ascoltiamo, balliamo e parliamo». Chiedo loro se hanno sentito delle restrizioni e dei controlli aumentati dopo i pestaggi; rispondono di non saperne niente. «Le misure contro la violenza servono a poco – osservano –. Se metti più controlli, il problema si sposta da un’altra parte, bisogna agire su un altro piano. Poi quei ragazzi non sono la maggior parte… sappiamo che ci sono, ma non li conosciamo».

‘Ogni gruppo è diverso’

Alla possibilità di chiudere la zona, anche i due ribadiscono che sarebbe un’ingiustizia: «Dove andiamo? Nei bar? Abbiamo bisogno di altro. Sarebbe bello un posto dove sentirci noi stessi e non essere giudicati», spiega la 22enne. Continuiamo a discutere della necessità di un «posto nostro», ma non una struttura istituzionalizzata che dica loro dove, cosa, quando e come passare il tempo libero: «Anche perché non siamo tutti uguali, non tutti abbiamo gli stessi interessi. Ogni gruppo è diverso». Difficile quindi pensare di aprire uno spazio che riunisca sotto lo stesso tetto una moltitudine eterogenea di gusti, interessi, pensieri, storie.

Mi sposto di pochi passi, arrivo nella galleria della rotonda, dove affiorano le rovine: seduti sopra ci sono tre ragazzi fra i 17 e i 18 anni, di Locarno. «L’altra settimana, qui sotto è passata un’auto della “pola”. Mesi fa, con la gente che c’era, sarebbe stato impossibile», dicono aggiungendo che ci si accorge dell’aumento degli agenti in giro, conseguenza delle scazzottate di una “banda” in particolare: «Si sa chi sono, ma non li conosciamo. Una volta hanno cercato di attaccarsi sotto anche con noi, ma li abbiamo lasciati perdere», ricorda uno di loro.

«Qui sotto, noi ci veniamo sempre, tutti i fine settimana. Di solito c’è un amico che porta la cassa per la musica. Stasera ancora non s’è visto». Di solito, raccontano i tre, c’è molta più gente, soprattutto il sabato. «Anche settimana scorsa ce n’era particolarmente poca, perché inizia a essere freddo e nei locali chiedono il Covid pass». Se non si ritrovano in centro, raccontano, «stiamo a casa di uno o dell’altro». E se avessero chiuso la zona?, «ci saremmo spostati e saremmo andati altrove con la musica».

Nel frattempo, altri gruppetti sono arrivati, sembra si conoscano un po’ tutti, «i più piccoli che girano qui sono del 2008», mi dicono. Si parla di 13-14enni – ci penso mentre prendo la strada verso casa – un bel ventaglio generazionale passa le serate in questo perimetro piuttosto contenuto.

Passaggio obbligato

Tutti l’abbiamo vissuta. L’adolescenza è quel passaggio cruciale dall’infanzia alla vita adulta cui nessuno sfugge. Un periodo gonfio di cambiamenti, persino traumatici, in cui si è alla ricerca della propria identità, facendo esperienza di più cose possibili, travalicando spesso il confine di chi siamo stati finora e di ciò che ci è permesso: per capire chi siamo, il nostro posto nel mondo e la persona che vorremmo essere (anche se poi ci vuole ben più di una manciata d’anni per comprenderlo). Questa ricerca adolescenziale, per definizione, va oltre le sovrastrutture, cioè quegli schemi imposti dall’alto – gli adulti in questo caso –, verso la trasgressione, cercando i propri limiti e in certi casi spingendosi anche un po’ più in là; sebbene questo «rituale di passaggio» non giustifichi certe derive.

Progetto di prossimità, gestione partecipativa

«L’approccio di prossimità è alla base del lavoro dell’operatore di strada per entrare in contatto con i ragazzi e comprendere il loro tessuto. Il nostro operato è soprattutto volto alla prevenzione, non alla risoluzione di un problema di ordine pubblico», spiega a ‘laRegione’ Edo Carrasco, direttore della Fondazione il Gabbiano, coinvolta dalle autorità comunali tramite mandato per l’attivazione degli operatori di strada in città. Dallo scorso fine settimana infatti due professionisti hanno iniziato a lavorare nella sua “zona calda”, accompagnati da alcune studentesse della Supsi, per un lavoro “peer”, cioè alla pari. La prima fase (fino a metà gennaio 2022) è di presa di contatto col territorio e i giovani, cercando di conoscere i luoghi aggregativi. Il progetto a Locarno durerà quattro anni ed è iniziato anzitempo (sarebbe dovuto partire il mese prossimo), partendo anche dall’esperienza fatta nel Mendrisiotto. Il Convivio dei sindaci del Locarnese (Cisl) infatti da tempo ha aderito al progetto di prossimità volto alla realtà dei giovani fra i 12 e i 30 anni di tutta la regione.

«Avremo a breve a disposizione un “furgo-salotto” – veicolo donato al Gabbiano dalla Fondazione Rotary Giovani di Locarno, che sostiene vari progetti nella regione –, che ci permetterà di muoverci su tutto il territorio, girando i luoghi di ritrovo e iniziando a lavorare con i giovani». Il metodo «è partecipativo e attivo – sottolinea Carrasco –, condividendo con i ragazzi, da un punto di vista sociale ed educativo, preoccupazioni, bisogni e aspettative». L’intento è dar voce ai giovani «coinvolgendoli anche grazie alla presenza di figure cosiddette “peer”. Un altro obiettivo è andare oltre la proposta di progetti che noi riteniamo opportuni, riuscendo a farli partecipare attivamente, cosicché siano loro a portarli avanti secondo una gestione partecipativa», riassume il direttore.

«Poter avere spazi dove i ragazzi possano decidere come costruire la propria cittadinanza attiva è un bisogno cantonale, non circoscritto al Locarnese – tiene a sottolineare –. I ragazzi vogliono potersi esprimere, vivere cultura, socialità, musica in modo spontaneo e dove si sentono liberi di farlo», chiosa Carrasco.

Leggi anche:

Locarno, ‘papà mi hanno picchiato di brutto’

Giovani e disagio, ‘quattro misure immediate e una strategia’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved