in-estate-piu-alto-il-livello-del-lago-maggiore
Il Verbano, preziosa riserva di acqua (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 min

Federico Soldati a Chiasso tra magia e realtà

Il programma open air della cittadina propone uno spettacolo serale in piazza Indipendenza
Luganese
11 min

Lugano Recovery Conference, le dichiarazioni finali

Secondo e ultimo giorno del convegno in riva al Ceresio. Segui il live della conferenza stampa conclusiva
Bellinzonese
33 min

La capanna Gesero alla Biscia e nuovi orizzonti

Il 2 luglio è stata inaugurata la nuova struttura della sezione Utoe di Bellinzona. Clericetti: ‘una tendenza da sfruttare nella nostra regione’
Locarnese
1 ora

Torna la traversata a nuoto del Lago Maggiore

Il 1° agosto, su una distanza di 3,8 chilometri da Dirinella a Brissago, dopo due anni di stop per Covid
Luganese
1 ora

Urc 2022, è il giorno della ‘Dichiarazione di Lugano’

Al via la seconda giornata della conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina. A fine mattina prevista la firma dell’accordo finale
Luganese
2 ore

Senza lavapiatti e camerieri il ristorante è... bollito

Il presidente di GastroLugano rende attenta la categoria anche della presenza di false attestazioni o di diplomi di scuole inesistenti
Mendrisiotto
2 ore

‘Cine-Bar addio’? A Stabio il caffè lascia il posto a uffici

Depositata in Comune una domanda di costruzione. Avventori amareggiati: ‘Si perde un punto di riferimento’
Locarnese
5 ore

Strada della Vallemaggia, una storia costellata d’incidenti

Due morti nel giro di una settimana. Su quell’arteria d’asfalto torna l’incubo della lunga scia di decessi degli scorsi decenni
Ticino
5 ore

Benzina scontata se paghi in euro, ‘un margine per ridurre c’è’

In alcuni distributori sul confine il prezzo è tornato sotto i 2 franchi al litro, ma bisogna pagare in euro e in contanti. ‘Sleale e insostenibile’
Ticino
14 ore

‘Il lupo ha un impatto su tutta la società’

Il grido d’allarme dei Giovani contadini ticinesi: ‘Il nostro futuro è a rischio! L’autorità reagisca’
Ticino
15 ore

Droni e termocamere per salvare i cuccioli di capriolo

Il sistema per proteggere i piccoli dai pericoli dello sfalcio dei prati è stato messo a punto dal Dt in collaborazione con alcuni agricoltori
Mendrisiotto
15 ore

Mortale Rancate, motociclista e conducente dell’auto indagati

Il procuratore pubblico, Simone Barca, ha aperto un’inchiesta per l’ipotesi d’omicidio colposo. Il motociclista risultato negativo al test dell’alcol
Luganese
16 ore

‘È una conferenza per governi e multinazionali occidentali’

Lo denuncia il Comitato contro la guerra in Ucraina. In serata ci sono state due manifestazioni, una inattesa, in Piazza Dante
Ticino
16 ore

Parto in carcere, la commissione parlamentare verifica

Filippini: ‘Sentiremo detenuta e personale’. Laffranchini: ‘Riteniamo di aver agito correttamente facendo tutto il possibile date le circostanze’
Mendrisiotto
16 ore

Nella Città di Mendrisio i parchi si animano

Fino a settembre in alcune delle aree verdi presenti sul territorio comunale la domenica pomeriggio si gioca e ci si diverte
Luganese
17 ore

Campione d’Italia, le roulette possono continuare a girare

I commissari giudiziali del Tribunale di Como approvano il piano integrativo della casa da gioco a un anno dalla richiesta di concordato
19.01.2022 - 05:30
di Marco Marelli e Serse Forni

In estate più alto il livello del Lago Maggiore

Ma le manovre, volute per evitare le ripercussioni di un’eventuale siccità a valle della Miorina, sono criticate dalle località rivierasche

Lago Maggiore un po’ più alto nella bella stagione. Quest’anno, nel periodo estivo, il livello potrà essere mantenuto un metro e 35 centimetri sopra lo zero idrometrico (10 centimetri in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno). Tuttavia non a un metro e mezzo, come indicato il 22 dicembre scorso dall’Autorità di Bacino del Po. Una comunicazione, quella del mese passato, che ha provocato una sollevazione generale dei sindaci e degli operatori turistici del Verbano. Soprattutto quelli della sponda piemontese, che nei prossimi giorni incontreranno l’assessore regionale all’Ambiente, il leghista Matteo Marnati, finito nell’occhio del ciclone, per aver votato sì all’innalzamento del livello del Lago Maggiore. Una delibera che prevede come entro il 2026 all’occorrenza si potrà arrivare ai famigerati 150 centimetri sopra lo zero idrometrico.

Ma qual è l’occorrenza? La siccità. L’agricoltura della pianura lombarda e i titolari delle centrali idroelettriche chiedono di tenere più acqua nel Lago Maggiore da usare “alla bisogna”. Insomma, il Verbano alla stregua di una riserva di “oro blu”, che salendo rischia però di sommergere le spiagge. Insomma, esigenze contrapposte. Marnati tenta un terza via, e ne parlerà nell’incontro di venerdì a Torino con i sindaci dei comuni lacustri piemontesi. Pensa all’innalzamento del litorale dal confine di Stato di Brissago a Verbania, finanziato con i fondi del Piano nazionale di resistenza e resilienza: «Se il Lago Maggiore è tanto importante per garantire riserve d’acqua ad altri territori chiederò all’Autorità di Bacino di sostenere finanziamenti per riorganizzare le spiagge e le attività ricettive a bordo lago. Perché nessuno ci deve rimettere, né l’agricoltura, né chi vive di turismo».

Cosa significa un livello minimo estivo a 1,35 metri sopra lo zero idrometrico? Lo zero idrometrico si attesta a 193,01 metri di quota sul livello del mare (s.m.l.). Quindi, il Verbano potrà essere mantenuto a 194,36 metri s.l.m. per la bella stagione (finora 194). A titolo di paragone, si può considerare che in questi giorni il livello del lago (basso come capita spesso in inverno) è a circa 192,7 metri.

Criticità anche su suolo locarnese

I problemi delle località rivierasche di oltre confine sono gli stessi che potrebbero trovarsi a fronteggiare i comuni locarnesi attorno al Verbano. Innalzamenti per proteggere il territorio da esondazioni sono in parte già stati eseguiti, ad esempio sul lungolago a Locarno, ma non è una soluzione praticabile ovunque. Il Consiglio di Stato, dal canto suo, affronterà la questione nel corso di una riunione prevista nelle prossime ore. In seguito, se lo riterrà necessario, si esprimerà. Va detto che la decisione di alzare il livello minimo è da anni vista con preoccupazione in Ticino, non solo per l’aumento dei rischi per la popolazione in caso di alluvione, ma anche perché il lago mantenuto artificialmente più alto si mangia aree balneabili e fette di territorio turisticamente importanti. Senza dimenticare le questioni ambientali, con tante zone oggetto di progetti di rinaturalizzazione, che potrebbero venir vanificati dalla decisione presa da parte italiana.

Lo sbarramento di regolazione della Miorina si trova a valle di Sesto Calende ed è gestito dal Consorzio del Ticino (composto a sua volta da grandi consorzi d’irrigazione della Lombardia e del Piemonte, come pure dall’Enel che produce energia elettrica e possiede centrali idroelettriche lungo il fiume). Largo circa 200 metri, lo sbarramento “è costituito da 120 paratoie metalliche, azionate dalle leve di due gru scorrevoli – si legge in una scheda dell’Ufam (Ufficio federale dell’ambiente) dedicata al tema e redatta nel 2016 –. Inoltre dispone di una piccola chiusa, la quale ha perso nel frattempo ogni sua funzione. Le paratoie di metallo possono essere abbassate singolarmente e la loro regolazione è molto precisa, poiché per ogni paratoia sono previste quattro posizioni. In caso di piena, se le paratoie sono completamente abbassate, possono essere risollevate soltanto quando il livello del lago torna a essere di nuovo basso. In una concessione rilasciata nel 1940 dall’Italia è stata fissata l’ampiezza della fascia di regolazione, all’interno della quale il consorzio può decidere liberamente l’entità della portata”.

La regolazione ha l’obiettivo di prevenire livelli troppo alti o troppo bassi del lago. Ridurre il flusso in uscita permette di conservare l’acqua necessaria alle oltre 7’000 aziende agricole e alle cinque centrali idroelettriche a valle come pure per il buon funzionamento della navigazione lacustre e a monte della Miorina.

L’apertura completa dello sbarramento, invece, serve a proteggere al meglio le rive in caso di minaccia di inondazioni. “Tuttavia, le limitate capacità di deflusso a Sesto Calende causano situazioni in cui nemmeno l’apertura completa dello sbarramento riesce più ad attenuare l’aumento del livello del lago – si legge ancora nella scheda dell’Ufam –. Soltanto la modernizzazione e l’ampliamento delle capacità dello sbarramento potrebbero porre rimedio a situazioni simili. Ciò offrirebbe un margine maggiore nella gestione del lago, a beneficio di entrambi i Paesi”. Trovare un equilibrio non sembra facile e da anni è in corso una discussione sui livelli minimi estivi e invernali. Ricordiamo, infine, che in caso di piena il lago (che ha un bacino imbrifero enorme, attorno ai 6’600 chilometri quadrati) a Locarno può essere 30 centimetri più alto rispetto alla quota che si registra alla Miorina.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lago maggiore livello lago miorina siccità
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved