svuotamento-lago-in-verzasca-si-chiude-la-prima-fase
Ti-Press
+4
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
36 min

Teatro e musica all’aperto a Soazza

Sabato 27 agosto alle 16 (ritrovo ai piedi della scalinata della Chiesa di San Martino) andrà in scena lo spettacolo ‘Anime e sassi’
Luganese
45 min

Cantiere stradale in arrivo a Figino

Lunedì 22 agosto partono le opere di pavimentazione fonoassorbente, che dal 29 agosto e al 1° ottobre saranno parzialmente effettuate di notte
Bellinzonese
46 min

Monte Carasso, tradizionale festa del gruppo Amici San Bernardo

Appuntamento per domenica 21 agosto con messa e pranzo
Bellinzonese
54 min

Bellinzona, imparare a massaggiare le mani con Pro Senectute

Appuntamento per giovedì 25 agosto dalle 14.30 alle 16.30 al centro diurno Turrita. Dimostrazione a cura della riflessologa Chantal Bonny
Grigioni
57 min

Musica e arte si incontrano al Castello di Mesocco

Sabato 27 agosto si terrà la prima edizione del Maat Festival che coinvolgerà una serie di deejay. In programma anche installazioni, proiezioni e dipinti
Ticino
1 ora

Contagi in Ticino sotto le mille unità: 739 in una settimana

Coronavirus, in una settimana le nuove positività sono scese di quasi un terzo; in calo pure le persone ospedalizzate: ora sono 60. Tre i decessi
Locarnese
1 ora

Minusio, adattamento fermate bus fermo al palo

La Sinistra chiede lumi al Municipio sui ritardi nei lavori di adeguamento ed eliminazione delle barriere architettoniche
Luganese
4 ore

Svizzeri all’estero, verso il voto elettronico

Durante il 98° Congresso, che si terrà dal 19 al 21, si discuterà di democrazia, voto elettronico e libera circolazione delle persone con l’Unione europea
Mendrisiotto
4 ore

Un gruppo autonomo unito da una passione comune: il Tai Chi

Nessun maestro, non c’è problema. A Riva San Vitale, una decina di persone si riunisce ogni giovedì per dedicarsi alla pratica orientale
Locarnese
7 ore

Turismo, una stagione dorata per lago, valli e monti

Il 2022 non farà registrare record ovunque, ma riporta il settore ai livelli pre-Covid. Volano le prenotazioni nelle strutture alberghiere e nei campeggi
Ticino
7 ore

‘I piccoli commerci resistono ai colossi delle multinazionali’

Sommaruga (Federcommercio) a tutto campo su settore della moda, differenze tra città in Ticino e ruolo - importante - delle botteghe e dei negozi
Ticino
17 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
17 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
17 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
18 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
11.01.2022 - 09:59
Aggiornamento: 14:08

Svuotamento lago in Verzasca, si chiude la prima fase

Nelle vacanze natalizie migliaia di curiosi per ammirare lo scenario lunare. I ricordi del sindaco Ivo Bordoli

L’alveo del lago artificiale di Vogorno, svuotato da quell’acqua smeraldina che è uno dei gioielli della valle locarnese, attualmente appare come un profondo squarcio brullo nel paesaggio. Un territorio spoglio, che offre sfumature di grigio: «Restano una traccia della vecchia strada e i ponti di pietra – descrive Ivo Bordoli, sindaco del Comune della Verzasca –. Ponti rimasti immersi per decenni, ma che hanno resistito. Si vede che una volta li costruivano più resistenti, utilizzando le pietre locali».

Durante la vacanze natalizie migliaia di persone sono salite per ammirare l’inconsueto spettacolo: è infatti la prima volta da quando esiste lo sbarramento – alto 220 metri, edificato tra il 1960 e il 1965 e progettato dagli ingegneri Giovanni Lombardi e Giuseppe Gellera –, che la Verzasca Sa, società che gestisce l’impianto, procede alla vuotatura totale dell’invaso. La prima fase si sta concludendo. La seconda inizierà il 24 gennaio – dopo la schiusa delle uova di coregone – e si protrarrà fino al 5 febbraio. Il bacino rimarrà completamente asciutto. L’operazione in totale smuoverà fino a 17mila metri cubi di sedimenti, principalmente limo e sabbia.

«Attualmente nel lago di acqua non ne entra più – prosegue Bordoli –. Il fiume, che in inverno butta poco, viene incanalato nella presa di Vogorno e deviato. Lo scenario arido e lunare attira ogni giorno centinaia di visitatori, provenienti da ogni dove. Non solo dal Ticino, ma anche dagli altri cantoni svizzeri e dall’estero. Quasi fosse un’attrazione turistica». In molti percorrono la corona della diga, ammirando il panorama sui due lati. Altri lanciano droni in voli spericolati per poi postare video sui social e sulla rete. Altri ancora scendono verso il fondo, percorrendo sentieri o i resti della strada riemersa. Un itinerario non privo di rischi e qualcuno (è capitato negli scorsi giorni) è rimasto intrappolato nella fanghiglia e ha dovuto essere salvato dalla colonna del Soccorso alpino e da un elicottero della Rega.

Sulla questione si è espresso nelle scorse ore, via facebook, il Dipartimento del territorio. Riprendendo le recenti raccomandazioni della Polizia cantonale, il Dt avverte: “In questi giorni il bacino idroelettrico della Verzasca sta raggiungendo il minimo, richiamando diverse persone interessate a dare un’occhiata all’inedito panorama. Ma attenzione: si raccomanda di restare sopra la diga e di non accedere assolutamente all’area sottostante. Le pareti sono sdrucciolevoli e c’è il rischio di rimanere bloccati nel fango”.

Lì c’era la frazione di Pioda

Il sindaco, con nostalgia e un po’ di tristezza, ricorda ciò che c’era prima del lago. «La diga si è mangiata antiche vie di transito, sentieri, vigneti terrazzati e la frazione di Pioda. Gli stabili, prima del riempimento del bacino, furono fatti brillare dai granatieri e rasi al suolo». Nella piccola località cancellata dalle cartine c’erano un ufficio postale, un distributore di benzina e alcune osterie; ma anche le abitazioni di una ventina di persone. Dopo la costruzione dello sbarramento, il lago si riempì abbastanza velocemente: «Il 1963 e il 1964 furono anni piovosi e si registrarono anche delle “buzze”. La Verzasca a un certo momento portò via anche alcuni scavatori e macchinari di cantiere, trascinandoli fino alla foce, nel Lago Maggiore».

L’intervistato, infine, non nasconde la preoccupazione odierna di ritrovarsi con il lago vuoto per molto tempo: «Manca neve in quota e l’unica speranza è che in primavera abbondino le precipitazioni. Se da una parte è vero che l’attuale paesaggio attira visitatori a frotte, dall’altro non mi sembra davvero una situazione ideale».

Resta aperta anche la questione del riversamento dei sedimenti nel tratto di fiume dalla diga al Verbano. Va detto che, per ragioni tecniche, l’unico modo per evacuare il materiale è proprio quello di farlo scendere lungo il corso d’acqua. La società che gestisce la diga, entro fine febbraio, dovrà trasmettere al Cantone un rapporto tecnico intermedio; mentre quello finale andrà inoltrato entro il 31 maggio.
Abbiamo contattato la Verzasca Sa per un bilancio intermedio; tuttavia essendo la prima fase ancora in corso d’opera, il direttore Andrea Papina ci ha spiegato che è prematuro stilarlo poiché la situazione può essere molto mutevole.

Obiettivo: la revisione dell’impianto

L’operazione in corso è stata autorizzata dal Dipartimento del territorio lo scorso ottobre per permettere la necessaria revisione dell’impianto di Gordola, in particolare la protezione anticorrosione di pozzo blindato, camera d’espansione, galleria di restituzione e scarico del fondo di sbarramento. Questi lavori sono considerati urgenti: la durata di vita di tali strutture (20-40 anni) è ormai ampiamente superata (più di 55 anni d’esercizio), con conseguenze negative sulla sicurezza dell’impianto.

Leggi anche:

Recuperato dalla Rega anziano in difficoltà alla diga

Il prossimo inverno verrà svuotata la diga della Verzasca

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diga della verzasca ivo bordoli lago di vogorno svuotamento diga
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved