altra-scazzottata-a-locarno-due-feriti-in-zona-piazza-castello
Ti-Press
La zona è sempre quella
06.01.2022 - 16:55
Aggiornamento : 17:25

Altra scazzottata a Locarno: due feriti in zona Piazza Castello

Mercoledì notte l’ennesimo episodio di violenza giovanile ha coinvolto 4 ragazzi sulla ventina: identificati (ma non fermati) sono volti già noti

È di almeno due feriti lievi, il bilancio di un’ulteriore scazzottata avvenuta in zona Piazza Castello a Locarno. Della zuffa ha dato notizia liberatv.ch.

Stando a nostre informazioni, il parapiglia si è verificato verso la una e mezza di mercoledì notte in zona Bar Castello e avrebbe coinvolto 4 giovani, tutti fra i 20 e i 24 anni. Si tratterebbe di volti noti, residenti nella regione, con precedenti specifici. Tutti quanti avrebbero quindi preso parte ad altre risse in passato. Quella della scorsa notte potrebbe essere stata per così dire facilitata dall’abbondante assunzione di bevande alcoliche e forse di altre sostanze. Lo scontro è iniziato all’aperto e lì si è risolto in una manciata di minuti. Non vi sarebbe quindi stato un prologo di provocazioni all’interno dell’esercizio pubblico. Il bilancio è di due contusi; uno di essi avrebbe riportato ferite a un’arcata sopracciliare.

Tutti i protagonisti sono stati identificati – da lì si è appunto capito che trattasi di personaggi noti per menar le mani –, ma non v’è stata alcuna verbalizzazione. Questo per il semplice fatto che, vista la lieve entità delle lesioni riportate, per l’avvio di un’inchiesta penale è necessaria querela di parte.

L’intervento della polizia è stato pressoché immediato, ma comunque non abbastanza per un confronto diretto con gli autori della rissa, i quali nel frattempo si erano già dileguati. Di conseguenza, gli accertamenti sul posto effettuati da 4 agenti della Polcomunale di Locarno e da 2 della Polcantonale hanno potuto basarsi unicamente sui racconti di alcuni testimoni oculari. Grazie alle informazioni raccolte, come detto, è comunque stato possibile risalire ai protagonisti per dare loro un volto e delle generalità. Nessuno finirà comunque sotto inchiesta se qualcuno non si deciderà a sporgere querela.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved