ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
19 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
20 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
1 gior

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
1 gior

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
1 gior

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
laR
 
31.12.2021 - 09:48

Progetto intercomunale per valorizzare la golena del Verzasca

I Comuni di Gordola e Tenero aspetteranno la conclusione dello svuotamento del bacino idroelettrico per manutenzione alla diga, iniziato l’1 dicembre

progetto-intercomunale-per-valorizzare-la-golena-del-verzasca
Ti-Press/Alessandro Crinari
Lo svuotamento del bacino idroelettrico è iniziato lo scorso 1° dicembre. Programmato in due fasi per lavori di manutenzione, il ago sarà completamente secco a inizio febbraio
+8

«Si tratta di un’area molto importante dal profilo paesaggistico, ma anche da quello dello svago», osserva il sindaco del Comune di Gordola Damiano Vignuta. Vignuta fa riferimento alla vasta area golenale che va dal piede del bacino idroelettrico di Vogorno alla foce del Verzasca (circa 4,5 chilometri di fiume), che in futuro sarà interessata da un progetto di riqualifica. I Comuni di Gordola e Tenero-Contra sono partiti da due considerazioni di fondo: «È un’area in cui è opportuno investire nella valorizzazione, sia negli aspetti ambientali, sia in quelli di fruibilità, anche sulla scorta di quanto è emerso dalla situazione pandemica: ovvero la riscoperta di un territorio vicino a casa da vivere e (ri)scoprire». L’area, continua il sindaco, «è importante per il nostro Comune, tenuto conto che è vicina a Centro sportivo, parco avventura, centro tennistico e confina con le Bolle di Magadino; quindi se riqualificata può diventare più attrattiva, di conseguenza sarà un valore aggiunto della regione».

Valorizzare, ma non stravolgere

«Sono contento che si metta mano a quel tratto di fiume, ora poco più di un rigagnolo (il deflusso della diga – un metro cubo di acqua al secondo – infatti si disperde nel letto del fiume; ndr)», ammette René Grossi, capodicastero Servizi urbani e verde pubblico, nonché municipale di Gordola e responsabile del progetto intercomunale di riqualifica della golena del fiume Verzasca. Il progetto – di cui si accenna nel periodico ‘TeneroInContra’ di novembre e gode di finanziamenti pubblici – è stato demandato dai Comuni di Gordola (capofila) e Tenero-Contra, cui partecipano anche operatori degli studi EcoControl Sa e Beffa Tognacca Sagl. Trattandosi di una vasta area di territorio naturale compresa in parte anche nel sito protetto delle Bolle di Magadino, nell’elaborazione dell’intervento sono stati coinvolti enti e aziende, nonché l’Ufficio dei corsi d’acqua del Dipartimento del territorio: «Un progetto con cui si mira a valorizzare il comparto (svolgendo anche lavori di pulizia) e le strutture presenti, che hanno una ventina d’anni, rendendolo maggiormente fruibile», chiarisce Grossi. Per il momento, è stato elaborato un progetto di massima, che verrà visionato dagli enti interessati – Comuni sopraccitati, la Fondazione Bolle di Magadino, Cantone, forestale –. Questi hanno tempo fino a metà febbraio per fare le proprie osservazioni, che porteranno dunque alla stesura del progetto definitivo.

La riqualifica ha lo scopo di valorizzare quanto già esiste senza stravolgimenti, incanalando dove serve l’afflusso d’acqua, spiega in grandi linee il municipale di Gordola. I punti cardine dell’operazione, li ripetiamo, sono paesaggio e natura (con i vincoli di salvaguardia per biotopi e zona protetta), nonché particolare attenzione è focalizzata sulla sicurezza idraulica e sulla fruibilità. Per quanto concerne il territorio gordolese, illustra Grossi, fra gli altri interventi si procederà alla realizzazione di punti d’incontro, costruendo anche delle strutture igieniche. Il municipale anticipa ancora che sulla sponda di Tenero verrà sistemato il Percorso vita. In più, aggiunge, si vorrebbe portare avanti una manutenzione ordinaria periodica (potatura), come mantenimento. Ma non è tutto. Fra gli scopi dell’operazione anche la lotta alle neofite. Tuttavia nello specifico è ancora prematuro continuare nell’elenco dei lavori, ribadisce, perché va attesa la versione definitiva del progetto di riqualifica. Inoltre, per il momento «dobbiamo attendere la fine dell’intervento alla diga. A metà febbraio faremo le debite osservazioni sul campo. Verosimilmente, comunque, i lavori di riqualifica dovrebbero partire dall’autunno del prossimo anno», chiosa Grossi.

Lavori di manutenzione alla diga

Nonostante non rientri nel progetto di riqualifica, sarà interesse degli enti coinvolti tenere conto dell’operazione, in due fasi, di svuotamento del bacino idroelettrico della Verzasca fra dicembre 2021 e febbraio 2022, autorizzata dal Dipartimento del territorio lo scorso mese di ottobre. La prima tappa – dallo scorso 1° dicembre al 10 gennaio 2022 – abbasserà il livello dell’acqua del lago da 390 metri sul livello del mare a 350. Prima fase che non dovrebbe avere conseguenze sull’ambiente perché non smuoverà materiale dal fondale. Dal 24 gennaio al 5 febbraio 2022, verrà attuata la seconda tappa di svuotamento aspettando la schiusa delle uova di coregone. In questo frangente è possibile che sedimenti di materiale fangoso (limo e sabbia) vengano smossi. L’intervento di svuotamento – che sarà monitorato con costanza dalla Verzasca Sa di Lugano – è necessario affinché lavori di controllo e revisione dell’impianto possano essere svolti per garantire la sicurezza. Lavori considerati urgenti, tenendo conto che l’esercizio della struttura supera i 55 anni (la “durata di vita” media d’impianti simili è di 20-40 anni).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved