ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 sec

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
26 min

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
36 min

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
36 min

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Locarnese
37 min

Muralto, dal ‘Vangelo secondo Harry Potter’

Al Centro Evangelico una tavola rotonda propone una lettura delle tematiche spirituali presenti nel ciclo del noto personaggio
Mendrisiotto
37 min

Cinque Comuni del Mendrisiotto pensano al tutor di comunità

Avviata la formazione di una nuova figura di operatore sociale da parte di Morbio Inferiore, Vacallo, Breggia, Castel San Pietro e Balerna
Locarnese
42 min

Energie rinnovabili, ‘il Municipio che intenzioni ha?’

Interpellanza del Gruppo Plr e Verdi liberali di Gordola sulla possibilità di sfruttare incentivi federali per fotovoltaico e mobilità elettrica
Mendrisiotto
45 min

Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità

Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
laR
 
06.12.2021 - 18:03

Verzasca, l’Associazione deve trovare il giusto equilibrio

Dopo l’aggregazione in un solo Comune della Valle, occorre riorientare le strategie in modo da assicurare un percorso di crescita subregionale

verzasca-l-associazione-deve-trovare-il-giusto-equilibrio

Con l’aggregazione dei Comuni della Valle Verzasca e la nascita, nel 2018, di un solo ente, istituzionalmente il quadro del comprensorio è mutato radicalmente. Questo storico cambiamento tocca, da vicino, anche l’Associazione dei Comuni della Valle Verzasca e del comprensorio del Piano, costretta a riorientare i propri indirizzi strategici. Nata negli anni Settanta, composta allora da 6 Comuni di valle e 4 del Piano, quest’ultima era stata pensata per gestire i crediti Lim e sostenere lo sviluppo delle comunità locali che la costituivano. Il tutto mantenendo in capo ai singoli enti la competenza all’esercizio delle funzioni amministrative caratterizzate da specifiche peculiarità.
«Oggi, a distanza di oltre mezzo secolo e in un contesto profondamente mutato – spiega Damiano Vignuta, sindaco di Gordola, nonché membro del Consiglio direttivo dell’Associazione – occorre chinarsi e riflettere sul futuro di questa realtà; essa deve infatti sempre più diventare fucina di progetti che mettano in relazione Valle e Piano, una piattaforma di sviluppo subregionale che ruoti attorno ai temi del territorio, del turismo e della mobilità. Motivo per cui la revisione degli statuti è un passo necessario a cui stiamo lavorando con i colleghi sindaci prima di affrontare i grandi temi, come il Masterplan 2030 (che giungerà a scadenza nella primavera del prossimo anno)».

Per un territorio di 15mila anime serve centralità

C’è dunque, in coerenza con il percorso strategico di rilancio del sistema intercomunale, un focus importante su entrambe le realtà territoriali (si parla di una popolazione residente di circa 15mila abitanti alla quale assicurare rappresentatività), allo scopo di stimolare la promozione socio-economica dell’intero comparto. L’Associazione dei Comuni, che funge da capofila d’iniziative e che può contare sul prezioso aiuto di un braccio operativo come la Fondazione Verzasca, agenzia di sviluppo locale incaricata di sostenere e coordinare i progetti, intende dunque riportare una certa “centralità” nel rapporto tra Piano e territorio montano, a tutto vantaggio di una promozione omogenea: «Una visione d’insieme che si ottiene coinvolgendo, logicamente, tutti i partner. Penso ad esempio alla realizzazione di un Centro competenze per i rustici, un discorso che abbraccia la Valle come pure il Piano, in grado di stimolare lo sviluppo di queste realtà seguendo le precise disposizioni in materia. Un altro esempio è la recente presa di posizione sul collegamento veloce A2-A13; o, ancora, più recente, quella riguardante la proposta del Decs d’introdurre la pausa meridiana dei docenti di scuola dell’infanzia. Un’idea che pone non pochi problemi ai Comuni, dal momento che occorrerà trovare il personale, formato, disposto a subentrare ai docenti per quel lasso di tempo. Con tutte le sezioni dell’asilo presenti nel nostro comprensorio, la proposta non la riteniamo attuabile».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved