ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 min

Una ticinese, prima donna, eletta giudice del Tribunale federale

La professoressa dell’Usi Federica De Rossa è stata eletta a Berna dalle Camere federali riunite con 212 voti su 217 schede valide
Video
Ticino
28 min

Un meno 40% alle pensioni che non va proprio giù

Entra nel vivo in mattinata la giornata indetta per mercoledì al fine di protestare contro il taglio delle rendite dei dipendenti statali e parastatali
Mendrisiotto
51 min

Polus di Balerna: 110 anni celebrati nella Sala Carlo Basilico

In occasione dei recenti festeggiamenti allo spazio è andata in scena una pièce di teatro della Compagnia Teatro Oltre
Locarnese
1 ora

Al Teatro Paravento si pana attraverso la nebbia

Domenica va in scena un’opera ispirata al Macbeth di Shakespeare e frutto del progetto “La Bottega del Teatro” dell’Associazione Giullari di Gulliver
Bellinzonese
1 ora

Faido, pranzo in compagnia al Centro Atte

Mercoledì 5 ottobre
Ticino
1 ora

79,5 milioni di disavanzo d’esercizio nel preventivo 2023

Inserita anche una spesa di 20,5 milioni per l’adeguamento dei salari dei dipendenti cantonali al rincaro. Il deficit totale ammonta a 164,4 milioni.
Locarnese
1 ora

‘No vax’ in vetta al concorso letterario Salviamo la montagna

Il racconto di Carlo Bava si è imposto nella sezione Narrativa (premio Plinio Martini) dell’evento promosso dalla Fondazione Valle Bavona
Locarnese
1 ora

Locarnese, la Classe 1947 sale in carrozza

Viaggio a bordo del trenino storico della Centovallina fino a Camedo il prossimo 16 ottobre. Vi sono ancora posti liberi
Bellinzonese
1 ora

Coro DesDes e coro virile Scam: porte aperte

Possibilità di avvinarsi all’attività corale a Lavorgo ogni giovedì sera
Luganese
2 ore

Lugano, alle porte il XV open scacchistico internazionale

Appuntamento a Villa Sassa venerdì per la quindicesima edizione con partecipanti provenienti da almeno sei nazioni. Montepremi: 8’000 franchi
Locarnese
2 ore

Cosa farà la Ses per abbassare i prezzi dell’elettricità?

Lo chiede, unitamente ad altri interrogativi, al Municipio di Locarno (azionista dell’azienda elettrica) il gruppo in Consiglio comunale Sinistra Unita
Locarnese
2 ore

Locarno, prevenzione dei tumori al seno

L’Associazione Triangolo organizza il 6 ottobre un incontro informativo sulla malattia con possibilità di dialogo con il pubblico
Mendrisiotto
4 ore

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
03.12.2021 - 17:41
Aggiornamento: 18:23

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza

conciliabilita-lavoro-figli-tre-realta-territoriali-si-aiutano

La conciliabilità tra famiglia e lavoro condiziona oggi più che mai la vita sociale. L’assenza, sul territorio, di servizi di cura per l’infanzia, l’impossibilità, non di rado, di ricorrere al part-time e di usare in modo flessibile l’orario di lavoro, si ripercuotono negativamente sul benessere dei genitori, costretti a rocambolesche imprese per incastrare tutti gli impegni della giornata. Per questo da anni le autorità si sforzano di attuare politiche di conciliazione lavoro-famiglia. Un tema, questo, che ha spinto il gruppo Ppd delle Terre di Pedemonte a presentare, al Municipio, la scorsa estate, un’interrogazione. Atto parlamentare che si rifà a un questionario inviato dal Municipio un anno prima, nell’estate 2020, ai genitori con figli tra gli 0 e i 15 anni, intitolato “Indagine sui bisogni delle famiglie con figli dai 0 ai 15 anni in cui i genitori lavorano - concilibilità tra tempo di cura e tempo di lavoro/formazione”. Secondo il gruppo Ppd, “si tratta di un’iniziativa lodevole, perché anche nelle Tre Terre sempre più giovani famiglie sono confrontate con le difficoltà di assicurare un’adeguata cura dei figli durante il tempo di lavoro”. Purtroppo, però, i risultati di questa indagine sono arrivati solo in queste settimane. Un ritardo che ha dunque spinto la formazione politica pipidina a chiedere spiegazioni all’Esecutivo. In particolare su quelli che sono ritenuti gli interventi più utili da attuare (refezione scolastica, orario scolastico continuato, dopo scuola, asilo nido ecc.).

Pochi i questionari rientrati, il problema non è dunque così presente?

Nella sua risposta, il Municipio, a mo’ di premessa richiama l’attenzione su quello che è un progetto allo studio da un po’ di tempo con i vicini delle Centovalli e dell’Onsernone, dove un’analoga indagine tra le famiglie è stata condotta. Come già riferito su questa testata, si stanno gettando le basi per creare un istituto scolastico unico che raggruppi i tre attuali, così da trovare soluzioni concordate al problema. Nel Pedemonte, purtroppo, la rispondenza al questionario è stata bassa (su 221 formulari solo 67 sono rientrati, vale a dire il 30%). Le famiglie che riscontrano difficoltà nel conciliare lavoro e tempo da dedicare alla cura dei figli sono 19 su 67, nemmeno il 30% quindi. Le maggiori criticità sollevate dalle coppie riguardano, in egual misura, gli orari incompatibili, l’offerta di servizi sul territorio limitata, la lontananza dal luogo di lavoro, la mancanza di posti in strutture apposite. A livello di servizi comunali offerti alle famiglie, dal sondaggio spiccano la refezione scolastica, il trasporto degli alunni, l’orario continuato (7-18), il dopo-scuola e pure l’attività durante le ferie.

Alla precisa domanda del Ppd su come il Municipio valuta la situazione nel comprensorio, l’Esecutivo fa sapere di aver chiesto informazioni pure alla direzione dell’Istituto scolastico. “L’esiguo numero di risposte pervenute da parte di mamme e papà lascia comunque intendere che quella della conciliabilità lavoro-famiglia sia una difficoltà poco presente”. D’intesa con Decs, ispettorato scolastico e Comuni vicini, l’Amministrazione pedemontana guarda comunque con fiducia all’Istituto unificato, dal quale nei prossimi anni potrebbero emergere soluzioni condivise per migliorare l’offerta di servizi alle famiglie.

Una risposta che non soddisfa affatto i firmatari pipidini

Non è assolutamente soddisfatto della risposta del Municipio il gruppo Ppd autore dell’interrogazione, il quale ritiene che ai problemi delle famiglie andassero riservati ben altro riguardo e attenzione, ancora di più nella delicata situazione derivante dalla pandemia Covid.

“Affermare che 19 segnalazioni di necessità su 67 formulari rientrati non meritano si affronti e approfondisca meglio il tema sembra un segno di scarsa sensibilità sociale: quella che viene tanto proclamata nelle campagne elettorali ma poi subito dimenticata nell’agire reale. Sostenere che le famiglie dovrebbero rivolgersi alla direzione delle scuole ci sembra pure un’affermazione poco accorta: non si tratta infatti dei problemi scolastici, ma di quelli sociali. Il nostro gruppo non si arrende qui e continuerà a promuovere i valori della famiglia e il sostegno di quelle meno abbienti”, concludono i firmatari.

Leggi anche:

Sedi unificate, l'Onsernone difende la sua scuola

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved