sedi-unificate-l-onsernone-difende-la-sua-scuola
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
3 ore

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
3 ore

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
3 ore

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
9 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
10 ore

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Ticino
10 ore

Sanitari non vaccinati, i test obbligatori restano in vigore

Il Tribunale federale ha negato l’effetto sospensivo al ricorso che contesta la risoluzione del Consiglio di Stato dell’8 settembre
Ticino
12 ore

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale
Bellinzonese
13 ore

Bellinzona, ‘blocchiamo il contributo per la nuova Valascia’

Lo chiede il gruppo Lega-Udc alla luce della notizia secondo cui la Valascia Immobiliare Sa sarebbe confrontata con problemi di liquidità
Bellinzonese
14 ore

Le Colonie dei sindacati cercano volontari

Per i due turni di giugno-luglio 2022 un appello per coinvolgere personale educativo, di servizio e cucina
Bellinzonese
14 ore

Annullato il mercatino di Ambrì

Era previsto mercoledì 8 dicembre
Locarnese
29.04.2020 - 06:200

Sedi unificate, l'Onsernone difende la sua scuola

Con Centovalli e Terre di Pedemonte si sta valutando la possibilità di un solo istituto per le tre realtà. Ma i problemi, sul tavolo, non mancano

a cura de laRegione

Esiste un direttore unico per tre istituti scolastici. Ma non esiste, ancora, l'istituto scolastico unificato. Ed è proprio a questo che i capi dicastero educazione dei Comuni di Terre di Pedemonte, Onsernone e Centovalli stanno riflettendo. Un progetto, quello che intende riunire sotto un solo tetto tre sedi di scuola elementare oggi ancora separate, che a dire il vero già diversi anni fa era stato preso in considerazione dalle autorità amministrative di allora. Nel frattempo sono giunti a termine i progetti aggregativi nei tre comprensori e l'idea di una migliore collaborazione tra Comuni tocca, da vicino, anche il mondo scolastico.

'Di principio favorevole, ma bisogna soppesare attentamente tutti gli aspetti'

«Il discorso è appena stato riavviato - spiega il sindaco di Centovalli, Ottavio Guerra - prova ne è che anche a livello di singoli Municipi occorrerà approfondirlo. Di principio posso dire che l'idea non ci dispiace affatto,  ma le valutazioni da fare sono veramente tante e bisognerà soppesare tutti gli aspetti (penso ad esempio al trasporto alunni da una sede all'altra, ai costi di gestione della nuova realtà, alle impostazioni didattiche ottimali, al parere delle famiglie su su fino all'organizzazione delle classi) prima di potersi esprimere in merito. In ogni caso, se il progetto dovesse andare in porto, non sarà prima dell'anno scolastico 2021-2022».
Per le Terre di Pedemonte è il capo dicastero Dario Trapletti a commentare l'iniziativa: «Non si tratta di un tema nuovo, perché già i precedenti esecutivi avevano ipotizzato un plesso scolastico unificato. Bisognerà ovviamente soppesarlo e vedere i pro e i contro. Ogni Municipio porterà al tavolo delle discussioni, a tempo debito, le proprie esigenze. Le consultazioni per ora vanno avanti, siamo solo all'inizio, anche se qualche voce contraria si è già alzata».

Chi rischia di perderci maggiormente

 Per la Valle Onsernone, la presenza della scuola è la ragione stessa della vita del suo territorio. Attirare nuove famiglie con figli in valle, senza mettere loro a disposizione asilo e scuola, sarebbe compito impossibile. Malgrado la popolazione in età scolastica in Onsernone non sia numerosa, grazie agli sforzi del Municipio due anni or sono era stato possibile salvare sia la scuola dell'infanzia, sia quella elementare attraverso una deroga cantonale (con il concordato scolastico Harmos) e all'aiuto dei granconsiglieri Nicola Pini e Giacomo Garzoli. Era invece andata persa la sottosede di Scuola Media di Russo (che offriva ai ragazzi i primi due anni). Stephan Chiesa, municipale e capo dicastero educazione, ribadisce quelle che sono le criticità per il suo Comune. «Anche se i numeri ci condannano, riusciamo pur sempre ad assicurare la scuola dell'infanzia (8 i bambini iscritti) e quella delle elementari (con 5 alunni in prima e seconda classe e 10 nella sezione di terza e quarta). Abbiamo dunque 23 alunni in tutto. Chiaramente sono cifre fluttuanti, ma per ora riusciamo a garantirci le scuole in valle. Vi sono alcune nascite e l'arrivo di una nuova famiglia con figli che potranno esserci di aiuto».

Distanze tra sedi e idee innovative

 A pesare sul discorso sono anche la distanza che separa le tre sedi (tra Loco e Tegna sono, ad esempio, una decina di km) e le questioni organizzative. Quel che è certo è che l'esecutivo onsernonese, che ha investito anche parecchie risorse economiche per sistemare l'edificio scolastico di Loco, non può permettersi il lusso di veder chiuse le sue due attuali realtà educative, difese dunque a spada tratta. «Non possiamo smantellare l'esistente - conclude il sindaco Cristiano Terribilini - Anche se l'ultima parola in merito spetta pur sempre al Cantone. Sono convinto che i tre Comuni possano lavorare a delle soluzioni anche per certi versi innovative (penso al doposcuola o all'orario continuato per aiutare i genitori che lavorano entrambi). Si tratta di valutazioni che andranno fatte coinvolgendo, ovviamente, anche le famiglie degli alunni».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved