centro-balneare-cade-la-ghigliottina-ma-il-giudice-e-zoppo
Ti-Press
Acque agitate alla Cbr
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
38 min

Locarno, alla Gestione piacciono gli orti comunali

Il rapporto commissionale preavvisa favorevolmente la richiesta di credito municipale per la realizzazione di 16 appezzamenti in zona Morettina
Bellinzonese
1 ora

Torna il Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

L’Associazione MeTeOra annuncia che il prossimo appuntamento è in programma per mercoledì 2 febbraio
Luganese
1 ora

Meditazione, silenzio e riflessioni al Convento del Bigorio

Nel mese di febbraio ci saranno tre appuntamenti. Il primo è dedicato a un aspetto della figura di S. Francesco d’Assisi
Locarnese
2 ore

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
2 ore

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
2 ore

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
2 ore

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
2 ore

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
3 ore

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
3 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
Locarnese
3 ore

Gordola, oltre 750 firme contro il ‘mastodonte’ alle Campagne

Abitanti preoccupati per l’inserimento del progetto immobiliare da circa 30 milioni. “Urge soluzione confacente, il Municipio faccia da mediatore”
Luganese
3 ore

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021
Bellinzonese
4 ore

Danni del nubifragio, ‘nessuna responsabilità del Municipio’

L’esecutivo di Lumino risponde all’interrogazione Plr rispedendo al mittente ‘insinuazioni e speculazioni’ sull’alluvione del 7 agosto
Mendrisiotto
4 ore

Il Gran consiglio è con India e lancia ‘un messaggio forte’

Deputati compatti, tranne sui banchi della Lega (che si astiene). Critiche alla legge e all’attitudine del Cantone. Ma Gobbi non ci sta
Ticino
7 ore

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
Locarnese
7 ore

Verzasca, tutti i lavori dopo lo svuotamento del lago

Al via le opere di manutenzione a più di cinquant’anni dalla prima messa in servizio del bacino per la produzione di energia idroelettrica
 
30.11.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:26

Centro balneare, cade la ghigliottina ma il giudice è zoppo

Ampio rinnovamento del Cda: ‘Fatto fuori’ l’amministratore delegato sulla base di una perizia il cui autore non ha potuto richiedere informazioni interne

Una perizia commissionata all’esperto di turno sull’operato di una società, ma con l’indicazione aggiuntiva di “non contattare né richiedere informazioni o complementi da parte degli organi e/o collaboratori” della società stessa. Come se quelle informazioni o quei complementi rischiassero di fornire dei chiarimenti utili per interpretare una situazione con maggiore cognizione di causa o concedere delle attenuanti a chi si ritrova imputato.

Da qualunque parte lo si voglia osservare non fa davvero un bel vedere, il colpo di mano operato dalla maggioranza cittadina in seno al Consiglio d’amministrazione della Centro balneare regionale Sa. Pochi giorni fa, subito dopo la seduta di Cda, agli organi di informazione era stato comunicato il cambiamento ai vertici della Sa. Ne veniva indicata la nuova composizione, ma non una parola sui partenti. A cominciare dall’amministratore delegato Gianbeato Vetterli, di fatto sfiduciato e fatto fuori, e dal presidente Luca Pohl, in carica dal 2012 come delegato dai Comuni azionisti Orselina (di cui è sindaco), Brione sopra Minusio, Cugnasco-Gerra e Ronco s/Ascona. Pohl che ha ritirato la sua disponibilità a rinnovare il mandato proprio dopo aver preso atto dei metodi utilizzati con Vetterli, finora suo braccio operativo nella Sa.

‘Analisi esterna, con tutti i limiti che comporta’

La prima anomalia riguarda, come detto, i paletti imposti al perito (il professor Orlando Nosetti), invitato appunto a non conferire con la parte in causa. Indicazioni che lo stesso Nosetti ha del resto in seguito sottolineato, ammettendo la limitazione del suo mandato e presentando infine un rapporto che, parole sue, è “un’analisi esterna della situazione della società, con tutti i limiti che ciò comporta”. Perché Nosetti abbia accettato simili condizioni è un’altra questione aperta.

Ma non è finita qui, perché lungo la strada che ha portato all’allontanamento dell’amministratore delegato troviamo una seconda anomalia: il committente della perizia risulta essere il Convivio dei sindaci, consesso in cui sono rappresentati Comuni neppure tutti azionisti della Centro balneare regionale. Formalmente, un incarico del genere può essere affidato soltanto dall’Assemblea generale, su richiesta di almeno un azionista.

Di tutti questi elementi troviamo traccia nel fitto scambio epistolare che ha preceduto la seduta di Cda del 17 novembre. Un esempio è la lettera del 21 settembre partita dal Lido (la Cbr) all’indirizzo dei Comuni azionisti, più Ascona. Emergeva che la perizia era datata gennaio ‘21 ma la Cbr aveva avuto la possibilità di visionarla solo a fine agosto. Il Cda si diceva inoltre “sorpreso per i quesiti posti al perito. Il tema del costo di investimento e delle sue conseguenze finanziarie (ammortamento e risultato d’esercizio) è noto da anni”. Il rapporto, quindi, “non ha potuto fare altro che riprendere quanto già precedentemente appurato”. Più pertinente, restando nel cuore della perizia, la questione della politica dei prezzi, “mentre nessun quesito riguarda l’operato della Cbr con riferimento a strutture analoghe in Ticino e/o in Svizzera”. A proposito della documentazione fatta avere a Nosetti dal Cisl, mancava addirittura l’ultima relazione annuale, il che determinava un “rapporto non solo parziale, ma anche incompleto e non aggiornato (non tiene neppure conto delle questioni legate al Covid) e persino contraddittorio rispetto al noto rapporto dell’esperto del ramo Spengler”, che era stato chiamato in causa a suo tempo dai Comuni azionisti per esprimere un parere sul progetto di costituzione e sulla futura gestione della Cbr”. Una parzialità imposta che ha fuorviato Nosetti, il quale “non ha potuto accorgersi che talune questioni altro non erano che il frutto di decisioni degli azionisti, di autorità o di discussioni a carattere politico con singole autorità comunali, in primis di Locarno”. La Cbr proponeva infine di far completare all’esperto il suo parere, affinché esso fosse basato su “conoscenze interne e gestionali del caso, comprese le problematiche di cui il Cda ha sempre riferito alle assemblee”.

A ottobre la stessa Cbr aveva riscritto ai Comuni azionisti. Il Cda si diceva preoccupato per la decisione della Città di non rinnovare la fiducia ai suoi 3 delegati uscenti, più l’amministratore delegato: così facendo “mancherebbe continuità tra il vecchio e il nuovo gremio, anche considerando le competenze necessarie nella gestione di un’azienda assai complessa sotto molteplici aspetti quali la gestione tecnica, i continui necessari rinnovamenti della struttura e dell’offerta”, nonché la collaborazione con i partner e con i Comuni azionisti. La proposta del Cda era di mantenerne invariata la composizione fino all’assemblea (che dovrà comunque svolgersi entro il 30 giugno 2022) limitandosi a sostituire il solo rappresentante della Città che non si ricandidava.

A questa missiva ne era seguita un’altra, a firma del presidente Pohl, indirizzata ai suoi Comuni di riferimento. Ricordava che un cambio generazionale era già previsto fra il ‘21 e il ‘24 e chiedeva ai Comuni di formulare “una proposta concreta e condivisa” per trasferire al meglio le conoscenze e garantire al Cda le necessarie competenze. “Congedando anche l’ad in quel (malo) modo – scriveva ancora Pohl – al Cda viene a mancare una trasmissione progressiva, costruttiva e completa delle conoscenze e dei dossier aperti. Ma questo non sembra preoccupare”. Era proprio in quell’occasione che il sindaco di Orselina aveva comunicato di ritirare formalmente la sua disponibiltà a ricandidarsi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved