centro-balneare-quel-virus-del-disinteresse-indigeno
Ti-Press
La piscina olimpionica esterna
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 min

Chiusa la A2 in direzione sud per un veicolo in fiamme

All’altezza di Mendrisio. Lo comunica su Twitter la Polizia cantonale. Il tragitto in direzione nord è stato ripristinato
Bellinzonese
7 min

Sorpassi a Giubiasco, ex Oratorio archiviato fra le critiche

Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
27 min

Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio

All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
1 ora

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
2 ore

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
2 ore

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
2 ore

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
2 ore

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
2 ore

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
3 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
3 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
3 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
3 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
Ticino
3 ore

‘Incentivare le ditte che possono a munirsi di pannelli solari’

Dipartimento del territorio e Camera di commercio promuovono un incontro con le aziende per sfruttare al meglio le potenzialità delle energie rinnovabili
Locarnese
3 ore

Colonia diurna estiva di Losone, iscrizione criticata

Il metodo ‘chi prima arriva meglio alloggia’ non è piaciuto alla Lista della sinistra, che chiede di cambiare modalità
laR
 
18.05.2021 - 05:30
Aggiornamento : 14:58

Centro balneare, quel ‘virus’ del disinteresse indigeno

Il “sonderfall” locarnese nel contesto nazionale: gli utenti locali sono la metà rispetto alla media dei lidi svizzeri. Cercasi (più) appoggio dai Comuni

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Non un'azione della Centro balneare regionale come società anonima (di diritto privato ma con azionisti pubblici), ma un'iniziativa dei Comuni stessi, azionisti e non, promossa per favorire l'utilizzo del Lido di Locarno. Si situano in questa differenza – più di forma che di sostanza – i buoni gratuiti d'entrata alle piscine recapitati in questi giorni ai domiciliati di diversi Comuni del Locarnese. Perchè proprio nella differenza sta il senso ultimo dell'operazione: spingere la popolazione locale ad utilizzare le infrastrutture balneari, per maggiormente conoscerne (se non addirittura scoprirne) il potenziale, e magari rendere abitudine quella che molto spesso è ancora una rara eccezione. Il sopportabile sforzo finanziario richiesto ai Comuni per coprire i costi andrebbe quindi inteso come un impegno assunto da ognuno di loro per sostenere il Lido, e con lui la Centro balneare, contribuendo a trascinare la società fuori dalle secche delle due annate pandemiche. Quei Comuni che ancora non hanno deciso di aderire, è proprio a questa predisposizione che dovrebbero pensare; egoisticamente parlando, per dirla in altre parole, è un dare per avere.

Il discorso non è nuovo: l'antidoto contro il virus che, fin dalla sua nascita, si è impadronito del Lido, è proprio quello di un certo disinteresse da parte della popolazione indigena. Dati alla mano, lo sottolinea l'amministratore delegato della Sa, Gianbeato Vetterli: «In effetti sin da subito ci siamo accorti che gran parte del successo del Lido è dovuta ai turisti, quindi a chi viene da fuori. Sull'arco di un anno normale, questi rappresentano una nettissima maggioranza delle entrate. Questo significa una sola cosa: che ancora e sempre c'è un'eccessiva timidezza, se così vogliamo chiamarla, da parte dei residenti». Guardando le statistiche fornite dall'Associazione delle piscine pubbliche svizzere si nota che in tutto il Paese la tendenza è molto diversa: i fruitori locali sono praticamente dappertutto almeno il 30% del totale, mentre nel Locarnese si situano fra il 15 e il 20%. «Oltretutto – prosegue Vetterli – a Locarno l'identificazione delle tipologia di ospiti è facilitata dall'esigenza, iscritta a statuto, di un controllo sulle facilitazioni concesse ai locali (sconti che in riferimento alla balneazioni variano fra il 15 e il 25 per cento sui prezzi d'entrata). Anzi, grazie a questo monitoraggio osserviamo che una parte di questi utenti locali si dedica unicamente al fitness. Tutto questo per dire che Locarno, situandosi al 50% dello standard nazionale, è in Svizzera un autentico “sonderfall”. Lo abbiamo appunto constatato fin dal principio, e poi sempre sottolineato nel corso degli anni, cercando di sensibilizzare i Comuni. Purtroppo, va detto, una parte di essi non sempre ha agito come era lecito attendersi per stimolare l'utilizzo da parte dei domiciliati, ma ha spesso rinunciato ad attuare quella politica attiva che sarebbe invece nel suo stesso interesse».

Allo stesso disequilibrio è per altro da sempre confrontata anche la Cardada impianti turistici, che come il Lido si distingue fra l'offerta per il tempo libero fra i forestieri, mentre ancora fa fatica a farsi apprezzare dai locali. “Nemo propheta in patria”, dicevano i saggi.

Nonostante tutto, minimizzati i danni

Il 2020 del Lido è stato fortemente condizionato da un “apri e chiudi” di oggettiva difficile gestione: il 12 marzo era stata decretata la chiusura totale; l'11 maggio era stato riaperto il fitness; il 6 giugno le piscine; e il 22 dicembre era stato nuovamente chiuso tutto. Tradotto: 210mila 436 entrate (media giornaliera di 715) contro le 311mila 993 del 2019 e le 320mila 613 del 2018. In soldi: mancate entrate per circa un milione di franchi. Milione che se abbinato al deficit medio strutturale degli ultimi anni – sui 700mila franchi all'anno, coperto dai 13 Comuni azionisti fino ai primi 540mila franchi, poi assunto dalla Città di Locarno, maggiore azionista per distacco – avrebbe potuto indurre un'autentica voragine finanziaria. In realtà, sebbene confrontata con un fronte critico piuttosto esteso, la Cbr è riuscita a contenere i danni, riducendo a circa 150mila franchi l'entità del disavanzo maggiorato (assestatosi nel complesso a 843mila franchi). «E lo ha fatto, nota importante, senza artifici contabili», sottolinea Vetterli. Ci è semmai riuscita grazie alla provvidenziale àncora di salvataggio del lavoro ridotto, richiesto e ottenuto dallo Stato per evitare licenziamenti, e ai prestiti a tasso zero contratti per non entrare in crisi di liquidità. Sull'altro piatto della bilancia pesano per altro i tentennamenti assicurativi riguardanti la seconda parte dei risarcimenti per interruzione d'esercizio dovuta a pandemia, nonché il mancato riconoscimento del “caso Lido” fra quelli di rigore: nonostante fossero ottemperate tutte le condizioni richieste (cifra d'affari oltre i 50mila franchi, diminuzione di almeno il 40% e costrizione alla chiusura per almeno 40 giorni consecutivi), l'Ordinanza del Consiglio federale non considerava gli enti pubblici e le aziende di diritto privato con una partecipazione azionaria pubblica di oltre il 10% (e la Cbr è interamente di proprietà dei Comuni).

Nonostante tutto, la Centro balneare ha chiuso il 2020 con un utile operativo di poco inferiore a quello del 2019, e con un grado di copertura dei costi del 112,86%, quindi decisamente superiore a quell'80% già ritenuto soddisfacente per il settore degli impianti balneari pubblici in Svizzera.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro balneare cifre 2020 locarno utenti locali
Ti-Press
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved