ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
36 min

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
42 min

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
51 min

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
1 ora

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
1 ora

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
1 ora

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
2 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
2 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
2 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
24.02.2021 - 10:10
Aggiornamento: 25.02.2021 - 15:24

Centro balneare, ‘l'albergo all'ex gas-ex macello’

La proposta socialista inoltrata dal Municipio di Locarno con le osservazioni alla variante di Pr Riva Lago, in pubblicazione

centro-balneare-l-albergo-all-ex-gas-ex-macello
La sede della Canottieri, dove sorgerebbe la Marina

“La soluzione più razionale e pragmatica, in grado di permettere un’offerta ricreativo-turistica di qualità che favorirebbe anche il Centro balneare regionale, che non sottragga terreno prezioso alla comunità e sia sostenibile dal punto di vista della natura, dell’ambiente e del paesaggio, è quella di prevedere i contenuti alberghieri nel posto giusto: ovvero nel comparto ex gas-ex macello. Questa è la giusta strada da percorrere per raggiungere uno sviluppo centripeto di qualità e soprattutto per una Locarno migliore in cui vivere”.

È la posizione del Gruppo Territorio e Ambiente della Sezione di Locarno del Partito socialista, che il 24 febbraio ha inoltrato al Municipio le sue osservazioni riguardanti la variante di Piano regolatore Riva Lago, attualmente in pubblicazione. Variante che come noto prevede anche l’edificazione di un albergo in riva al lago, accanto al Cbr, su terreni cittadini attualmente dedicati allo svago e alla ricreazione.

“Nell‘analisi svolta dal gruppo sono state evidenziate molteplici criticità, alcune della quali già peraltro emerse dall’esame dipartimentale cantonale del 2017, che sottolineava l’assenza di una ‘corretta e completa visione d’insieme’ - ricorda il gruppo socialista –; elemento indispensabile per lo sviluppo centripeto di qualità, come richiesto dalle leggi federali e cantonali in materia di pianificazione del territorio”.

Da una parte, comunque, la sezione socialista “loda la sensibilità dimostrata dal Municipio nell’ambito del mandato di studio in parallelo del comparto ex gas-ex macello, situato ad appena 200 metri dal comparto in questione. Riconoscendo l’innegabile qualità del risultato scaturito dalla virtuosa procedura pianificatoria – sostenuta sia dall’esecutivo che dalla stessa Sinistra – in particolare per i contenuti riguardanti il polo tecnologico formativo, l’eco-sostenibilità, le residenze, gli spazi culturali, il centro giovanile, il nido d’infanzia, la casa anziani, gli spazi educativi e multiuso. Senza dimenticare l’elemento più imponente dell’intero comparto, rappresentato dalla torre, che si situa in una posizione strategica rispetto al tessuto urbano e che ricopre un ruolo fondamentale per i suoi contenuti alberghieri e turistici, reputati imprescindibili per il futuro sviluppo di Locarno”.

Dall’altra, invece, vengono appunto criticati i contenuti alberghieri della variante Riva Lago, “i quali, oltre a pregiudicare la sopracitata torre, andrebbero a sottrarre degli spazi verdi e ricreativi tanto cari alla cittadinanza. Oltre a ciò l’albergo attingerebbe a 5'700 m² di superficie utile lorda attualmente previsti per degli spazi espositivi. Le intenzioni del Municipio sono dunque quelle di privarsi di uno dei terreni più pregiati della Città, cedendolo ad un privato e sottraendolo alla popolazione e alle future generazioni”. L’unico elemento positivo della variante, conclude il Gruppo Ambiente e Territorio, “è rappresentato dalla struttura della Marina, che favorirebbe le attività di svago, sportive e ricreative”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved