BUF Sabres
DAL Stars
01:00
 
BOS Bruins
WAS Capitals
01:00
 
PHI Flyers
COB Jackets
01:00
 
PIT Penguins
OTT Senators
01:00
 
centro-balneare-l-albergo-all-ex-gas-ex-macello
La sede della Canottieri, dove sorgerebbe la Marina
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
4 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
5 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
5 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
6 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
6 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
Bellinzonese
6 ore

Infortunio sul lavoro a Bellinzona, gravi ferite per un operaio

L’uomo, un 42enne residente nella Provincia di Varese, ha battuto la testa mentre scendeva da una scala a chiocciola. La sua vita è in pericolo
Ticino
6 ore

‘Il Conservatorio è una scuola, deve essere accessibile a tutti’

Una mozione chiede di modificare la qualifica di due parti dell’istituto che attualmente sottostanno all’obbligo del certificato 2G
Mendrisiotto
6 ore

Vacallo ha perso 19 abitanti in un anno

Lieve calo della popolazione che ora è di 3’343 cittadini. Fanno ben sperare le 20 nascite registrate.
24.02.2021 - 10:100
Aggiornamento : 25.02.2021 - 15:24

Centro balneare, ‘l'albergo all'ex gas-ex macello’

La proposta socialista inoltrata dal Municipio di Locarno con le osservazioni alla variante di Pr Riva Lago, in pubblicazione

a cura de laRegione

“La soluzione più razionale e pragmatica, in grado di permettere un’offerta ricreativo-turistica di qualità che favorirebbe anche il Centro balneare regionale, che non sottragga terreno prezioso alla comunità e sia sostenibile dal punto di vista della natura, dell’ambiente e del paesaggio, è quella di prevedere i contenuti alberghieri nel posto giusto: ovvero nel comparto ex gas-ex macello. Questa è la giusta strada da percorrere per raggiungere uno sviluppo centripeto di qualità e soprattutto per una Locarno migliore in cui vivere”.

È la posizione del Gruppo Territorio e Ambiente della Sezione di Locarno del Partito socialista, che il 24 febbraio ha inoltrato al Municipio le sue osservazioni riguardanti la variante di Piano regolatore Riva Lago, attualmente in pubblicazione. Variante che come noto prevede anche l’edificazione di un albergo in riva al lago, accanto al Cbr, su terreni cittadini attualmente dedicati allo svago e alla ricreazione.

“Nell‘analisi svolta dal gruppo sono state evidenziate molteplici criticità, alcune della quali già peraltro emerse dall’esame dipartimentale cantonale del 2017, che sottolineava l’assenza di una ‘corretta e completa visione d’insieme’ - ricorda il gruppo socialista –; elemento indispensabile per lo sviluppo centripeto di qualità, come richiesto dalle leggi federali e cantonali in materia di pianificazione del territorio”.

Da una parte, comunque, la sezione socialista “loda la sensibilità dimostrata dal Municipio nell’ambito del mandato di studio in parallelo del comparto ex gas-ex macello, situato ad appena 200 metri dal comparto in questione. Riconoscendo l’innegabile qualità del risultato scaturito dalla virtuosa procedura pianificatoria – sostenuta sia dall’esecutivo che dalla stessa Sinistra – in particolare per i contenuti riguardanti il polo tecnologico formativo, l’eco-sostenibilità, le residenze, gli spazi culturali, il centro giovanile, il nido d’infanzia, la casa anziani, gli spazi educativi e multiuso. Senza dimenticare l’elemento più imponente dell’intero comparto, rappresentato dalla torre, che si situa in una posizione strategica rispetto al tessuto urbano e che ricopre un ruolo fondamentale per i suoi contenuti alberghieri e turistici, reputati imprescindibili per il futuro sviluppo di Locarno”.

Dall’altra, invece, vengono appunto criticati i contenuti alberghieri della variante Riva Lago, “i quali, oltre a pregiudicare la sopracitata torre, andrebbero a sottrarre degli spazi verdi e ricreativi tanto cari alla cittadinanza. Oltre a ciò l’albergo attingerebbe a 5'700 m² di superficie utile lorda attualmente previsti per degli spazi espositivi. Le intenzioni del Municipio sono dunque quelle di privarsi di uno dei terreni più pregiati della Città, cedendolo ad un privato e sottraendolo alla popolazione e alle future generazioni”. L’unico elemento positivo della variante, conclude il Gruppo Ambiente e Territorio, “è rappresentato dalla struttura della Marina, che favorirebbe le attività di svago, sportive e ricreative”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved