navigazione-l-ente-regionale-sbotta-contro-i-vizi-italiani
Ti-Press
Navigazione, ‘così non va’
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
41 min

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
1 ora

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
1 ora

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
2 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
2 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
3 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
3 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
4 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
5 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
Luganese
6 ore

Cerimonia per la maggiore età a Vernate e Neggio

Presenti oltre i neo diciottenni anche le autorità dei due comuni malcantonesi
Locarnese
7 ore

Società bocciofila Brissago in assemblea

Soci convocati venerdì prossimo, dalle 20, al bocciodromo comunale
Bellinzonese
7 ore

Due nuovi defibrillatori automatici esterni a Biasca

Gli apparecchi sono stati posati in prossimità dell’entrata della Scuola dell’infanzia Nord e dell’entrata sud-ovest del Palazzo scolastico
Ticino
7 ore

A2-A13: il governo è soddisfatto per le scelte di Berna

Il Consiglio di Stato si rallegra per le decisione del Consiglio federale d’includere i progetti A2-A13 e PoLuMe nel Programma di sviluppo delle strade
Bellinzonese
8 ore

Chiesta l’introduzione dei City Angels anche a Bellinzona

In una mozione Manuel Donati e Tuto Rossi del gruppo Lega/Udc ritengono che possano essere di supporto alla polizia comunale e agli ‘educatori di strada’
18.11.2021 - 10:020
Aggiornamento : 16:54

Navigazione, l’Ente regionale sbotta contro i ‘vizi’ italiani

‘Situazione di monopolio esclusivo utilizzata per interferire sulle scelte del traffico interno svizzero. La Convenzione internazionale va denunciata’

a cura de laRegione

“Complessa e per molti versi paradossale”. Non usa perifrasi, l’Ente regionale per lo sviluppo per il Locarnese e la Vallemaggia (Ers) per definire quanto sta succedendo con la navigazione nel bacino svizzero del Lago Maggiore.

Attualmente, ricorda, “operano sullo specchio d’acqua ticinese del Verbano due compagnie di navigazione: la concessionaria italiana ‘Gestione Governativa dei Servizi Pubblici di Linea di Navigazione sui Laghi Maggiore, di Garda e di Como’, che si occupa del traffico internazionale Italia-Svizzera, e la società di navigazione ticinese Snl, che gestisce la navigazione interna. Secondo logica il traffico viaggiatori interno dovrebbe essere gestito da Snl in autonomia e nel rispetto delle esigenze del territorio e del mercato turistico di riferimento, prevalentemente svizzero. Questo era anche l’intendimento del memorandum d’intesa firmato dai ministri Leuthard e Delrio nel 2016 e confermato dal piano industriale di Snl del 2017, che tra le altre cose prevedeva entro pochi anni un rinnovo della flotta con almeno due nuovi natanti svizzeri e completamente elettrici sul Lago di Locarno”. Ebbene, “scaduto il termine di 5 anni che si era posto il memorandum d’intesa, che cosa ne è stato di questi intendimenti?”, si chiede l’Ers. E “come mai nonostante i lodevoli propositi, piani e sforzi di Snl, sostenuti dal territorio locarnese, nel bacino svizzero del Verbano si vedono circolare tutt’oggi solo vetusti battelli alimentati a diesel e portanti bandiera italiana (caso unico in Svizzera di navigazione interna con bandiere estere)?”.

‘Interferenze sulle scelte interne’

Come sempre il diavolo si nasconde nei dettagli, considera l’Ente regionale per lo sviluppo, “e in questo caso il dettaglio non trascurabile è che la concessionaria italiana utilizza le sue credenziali di monopolista esclusivo sul Lago Maggiore anche per interferire sulle scelte del traffico interno svizzero quando queste non si allineano con i suoi interessi diretti. Quindi una situazione che doveva essere temporanea – il noleggio di natanti italiani nel periodo di transizione che doveva permettere la costituzione di una flotta svizzera – è stata resa di fatto la regola dalla concessionaria italiana, e pure aumentando nel tempo i prezzi di noleggio dei suoi natanti. L’ulteriore beffa è che l’affitto di natanti italiani alla Svizzera, sulla carta, non dovrebbe nemmeno avvenire, perché per l’Italia si tratta di una distrazione di mezzi pubblici italiani verso l’estero e per la Svizzera non vi è la possibilità di un corretto e completo sdoganamento e quindi si è in un regime continuo di deroga”.

Pertanto, “con fermezza” parte una “chiara denuncia dal territorio locarnese”, che vede la propria navigazione interna “vincolata a perseguire gli interessi di una compagnia statale estera contro i propri interessi nazionali”. Una situazione “non solo lesiva degli interessi svizzeri, ma anche del pieno rispetto della sovranità sul nostro territorio, in questo caso lacuale all’interno dei confini nazionali”. Ed è pure “illogico – secondo l’Ers – che una navigazione puramente interna sia disciplinata da una convenzione internazionale piuttosto che dalle leggi interne sulla navigazione e sul trasporto viaggiatori”. Una denuncia che l’Ente regionale per lo sviluppo chiede al Cantone di far arrivare a Berna “con forza”, affinché “si prendano al più presto dei provvedimenti concreti”.

Le cifre

II bacino svizzero del Lago Maggiore pesa in termini di viaggiatori trasportati più di 500mila all’anno, pari a circa il 60% del mercato ticinese, mentre i viaggiatori trasportati dalla concessionaria svizzera nei bacini italiani del Ceresio non superano le 15mila unità. “Non esiste quindi alcuno scambio sui due laghi che giustifichi la cessione all’Italia del controllo sulla fetta principale del mercato ticinese”, afferma l’Ers, secondo cui “una soluzione in accordo con l’Italia potrebbe essere la limitazione degli accordi internazionali alla disciplina della sola navigazione trans-nazionale, disciplinando internamente ai propri stati nazionali la navigazione interna”.

Se queste trattative non dovessero sortire esito positivo, “la soluzione che risolverebbe alla radice il problema sarebbe la denuncia dell’attuale Convenzione internazionale che disciplina i diritti di navigazione sul Lago Maggiore, prendendo come esempio anche le convenzioni in vigore sul Lemano o sul Bodanico, nessuna delle quali così limitativa come quella in vigore sul Verbano”.

Nella trattativa per una nuova Convenzione potrebbero essere coinvolti anche i Comuni, le province e le regioni italiane affacciate sul lago, sottolinea l’Ente regionale per lo sviluppo del Locarnese e Vallemaggia; tutti attori “che da anni chiedono miglioramenti sostanziali anche nel bacino italiano, se non anche un trasferimento della gestione della navigazione dallo stato centrale alle regioni, trasferimento già deciso oltre vent’anni fa ma mai applicato. Ciò aprendo anche ad un maggior coinvolgimento dell’iniziativa imprenditoriale privata”.

Quanto all’Unione europea, infine, “potrebbe solo plaudire al superamento di uno degli ultimi ingiustificati monopoli di Stato nei servizi di trasporto internazionali, come quello statale italiano via acqua sul Lago Maggiore”.

Ti-Press
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved