ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 min

Le Terre del Ceneri nella Toile de Jouy

Appuntamento martedì 13 dicembre alla biblioteca cantonale di Bellinzona per la vernice della mostra
Locarnese
5 min

Gordola, Gruppo Alternativa in assemblea

La formazione politica si riunirà venerdì prossimo, alle 19, nella Sala Patriziale. Al termine vi sarà un rinfresco
Luganese
30 min

Anche Paradiso festeggia i suoi volontari

Il sindaco ha ringraziato tutte le persone che continuano a mettersi a disposizione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato
Bellinzonese
40 min

Densità e urbanità. Quartieri, una socialità di prossimità

L’ultima serata pubblica de ‘Verso nuovi modi di vivere insieme: abitare il nostro territorio in tempi di crisi’ si terrà martedì 13 dicembre a Bellinzona
Mendrisiotto
41 min

Chiasso, quasi pronto il rapporto di sostenibilità

Il documento che indica le dimensioni della qualità della vita sarà pronto per il prossimo mese di marzo
Luganese
1 ora

Coro di Natale alla chiesa di Breganzona

Il concerto dell’Avvento si terrà domenica 11 dicembre alle 16.30. Dirige il maestro Guido Mollica.
Bellinzonese
1 ora

La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria

Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Bellinzonese
1 ora

La volpe rossa continua ad animare le domeniche di Bellinzona

Domenica 11 dicembre alle 17.30 al Teatro Sociale Andrea Fazioli rivelerà il terzo capitolo del racconto. Fra calcio e musica prosegue Natale in Città
Luganese
2 ore

Lugano-Massagno, due milioni per l’acqua potabile

Chiesto un credito di 2,19 milioni di franchi per sistemare la rete, oltre alla costruzione di una nuova stazione di pompaggio
Luganese
2 ore

Teatro, musica e ballo al Foce di Lugano

Dal 12 al 18 dicembre, vasta scelta tra concerti e cultura, oltre a serate dedicate al ballo
Luganese
2 ore

Concerto di Natale alla chiesa di Tesserete

Il Coro Santo Stefano eseguirà ‘Oratorio di Natale op.12’ domenica 11 dicembre
Locarnese
2 ore

Centovalli, riaperta la strada

Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
2 ore

Il ‘Buone feste’ degli allievi agli anziani di Riva San Vitale

Bambini e Municipio hanno incontrato la popolazione con più di 80 anni, consegnando un pensiero e proponendo musiche natalizie
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire

La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Bellinzonese
3 ore

I Verdi del Bellinzonese rinnovano il proprio comitato

Nell’annuale assemblea sono stati nominati Cristina Fusi e Zaman Ammadia; Giulia Petralli nuova coordinatrice sezionale
18.11.2021 - 10:02
Aggiornamento: 16:54

Navigazione, l’Ente regionale sbotta contro i ‘vizi’ italiani

‘Situazione di monopolio esclusivo utilizzata per interferire sulle scelte del traffico interno svizzero. La Convenzione internazionale va denunciata’

navigazione-l-ente-regionale-sbotta-contro-i-vizi-italiani
Ti-Press
Navigazione, ‘così non va’

“Complessa e per molti versi paradossale”. Non usa perifrasi, l’Ente regionale per lo sviluppo per il Locarnese e la Vallemaggia (Ers) per definire quanto sta succedendo con la navigazione nel bacino svizzero del Lago Maggiore.

Attualmente, ricorda, “operano sullo specchio d’acqua ticinese del Verbano due compagnie di navigazione: la concessionaria italiana ‘Gestione Governativa dei Servizi Pubblici di Linea di Navigazione sui Laghi Maggiore, di Garda e di Como’, che si occupa del traffico internazionale Italia-Svizzera, e la società di navigazione ticinese Snl, che gestisce la navigazione interna. Secondo logica il traffico viaggiatori interno dovrebbe essere gestito da Snl in autonomia e nel rispetto delle esigenze del territorio e del mercato turistico di riferimento, prevalentemente svizzero. Questo era anche l’intendimento del memorandum d’intesa firmato dai ministri Leuthard e Delrio nel 2016 e confermato dal piano industriale di Snl del 2017, che tra le altre cose prevedeva entro pochi anni un rinnovo della flotta con almeno due nuovi natanti svizzeri e completamente elettrici sul Lago di Locarno”. Ebbene, “scaduto il termine di 5 anni che si era posto il memorandum d’intesa, che cosa ne è stato di questi intendimenti?”, si chiede l’Ers. E “come mai nonostante i lodevoli propositi, piani e sforzi di Snl, sostenuti dal territorio locarnese, nel bacino svizzero del Verbano si vedono circolare tutt’oggi solo vetusti battelli alimentati a diesel e portanti bandiera italiana (caso unico in Svizzera di navigazione interna con bandiere estere)?”.

‘Interferenze sulle scelte interne’

Come sempre il diavolo si nasconde nei dettagli, considera l’Ente regionale per lo sviluppo, “e in questo caso il dettaglio non trascurabile è che la concessionaria italiana utilizza le sue credenziali di monopolista esclusivo sul Lago Maggiore anche per interferire sulle scelte del traffico interno svizzero quando queste non si allineano con i suoi interessi diretti. Quindi una situazione che doveva essere temporanea – il noleggio di natanti italiani nel periodo di transizione che doveva permettere la costituzione di una flotta svizzera – è stata resa di fatto la regola dalla concessionaria italiana, e pure aumentando nel tempo i prezzi di noleggio dei suoi natanti. L’ulteriore beffa è che l’affitto di natanti italiani alla Svizzera, sulla carta, non dovrebbe nemmeno avvenire, perché per l’Italia si tratta di una distrazione di mezzi pubblici italiani verso l’estero e per la Svizzera non vi è la possibilità di un corretto e completo sdoganamento e quindi si è in un regime continuo di deroga”.

Pertanto, “con fermezza” parte una “chiara denuncia dal territorio locarnese”, che vede la propria navigazione interna “vincolata a perseguire gli interessi di una compagnia statale estera contro i propri interessi nazionali”. Una situazione “non solo lesiva degli interessi svizzeri, ma anche del pieno rispetto della sovranità sul nostro territorio, in questo caso lacuale all’interno dei confini nazionali”. Ed è pure “illogico – secondo l’Ers – che una navigazione puramente interna sia disciplinata da una convenzione internazionale piuttosto che dalle leggi interne sulla navigazione e sul trasporto viaggiatori”. Una denuncia che l’Ente regionale per lo sviluppo chiede al Cantone di far arrivare a Berna “con forza”, affinché “si prendano al più presto dei provvedimenti concreti”.

Le cifre

II bacino svizzero del Lago Maggiore pesa in termini di viaggiatori trasportati più di 500mila all’anno, pari a circa il 60% del mercato ticinese, mentre i viaggiatori trasportati dalla concessionaria svizzera nei bacini italiani del Ceresio non superano le 15mila unità. “Non esiste quindi alcuno scambio sui due laghi che giustifichi la cessione all’Italia del controllo sulla fetta principale del mercato ticinese”, afferma l’Ers, secondo cui “una soluzione in accordo con l’Italia potrebbe essere la limitazione degli accordi internazionali alla disciplina della sola navigazione trans-nazionale, disciplinando internamente ai propri stati nazionali la navigazione interna”.

Se queste trattative non dovessero sortire esito positivo, “la soluzione che risolverebbe alla radice il problema sarebbe la denuncia dell’attuale Convenzione internazionale che disciplina i diritti di navigazione sul Lago Maggiore, prendendo come esempio anche le convenzioni in vigore sul Lemano o sul Bodanico, nessuna delle quali così limitativa come quella in vigore sul Verbano”.

Nella trattativa per una nuova Convenzione potrebbero essere coinvolti anche i Comuni, le province e le regioni italiane affacciate sul lago, sottolinea l’Ente regionale per lo sviluppo del Locarnese e Vallemaggia; tutti attori “che da anni chiedono miglioramenti sostanziali anche nel bacino italiano, se non anche un trasferimento della gestione della navigazione dallo stato centrale alle regioni, trasferimento già deciso oltre vent’anni fa ma mai applicato. Ciò aprendo anche ad un maggior coinvolgimento dell’iniziativa imprenditoriale privata”.

Quanto all’Unione europea, infine, “potrebbe solo plaudire al superamento di uno degli ultimi ingiustificati monopoli di Stato nei servizi di trasporto internazionali, come quello statale italiano via acqua sul Lago Maggiore”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved