grand-hotel-e-anche-globus-stefano-artioli-prende-tutto
Stefano Artioli
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
17 min

‘Pensare in grande altrimenti la Bassa Leventina resterà debole’

Il sindaco di Pollegio Igor Righini ribadisce la contrarietà alla fusione. ‘Per contare davvero qualcosa serve un Comune unico delle Tre Valli’
Luganese
35 min

Campione d’Italia, il casinò apre ai residenti

Venerdì pomeriggio alle 16 i residenti del Comune e i cittadini Aire potranno accedere alla casa da gioco che riaprirà mercoledì
Ticino
1 ora

‘BancaStato abbandoni gli investimenti nelle energie fossili’

Lo chiede il collettivo Campo Climatico che questa sera ha tenuto una breve manifestazione a Bellinzona davanti a Palazzo delle Orsoline
Luganese
1 ora

Aggregazione Malcantone est, Cademario in sala d’attesa

Si è risolto in un nulla di fatto l’incontro con il Dipartimento delle istituzioni: la palla torna ai Comuni di Aranno, Bioggio, Neggio e Vernate
Mendrisiotto
1 ora

Cataloghi civici di Mendrisio, ricorso al Consiglio di Stato

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani chiede di modificarli perché sono stati pubblicati incompleti
Bellinzonese
1 ora

Airolo-Lüina, un pomeriggio sugli sci rivolto ai più piccoli

TiSki e la Scuola Svizzera di Sci di Airolo-S. Gottardo hanno confermato per il 2 febbraio il Raiffeisen Kids Ski Day, nonostante lo scarso innevamento
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, sedute commissionali anche a distanza

Il Municipio si dice favorevole. Ma prima di modificare il Regolamento comunale, si attenderanno le indicazioni cantonali
Locarnese
2 ore

Gordola, intervento alla rete causerà interruzione di corrente

Interruzione dell’erogazione energetica mercoledì 26 gennaio, dalle 8 alle 11.15 e dalle 13.15 alle 15
Ticino
2 ore

Cdm ad hoc: eletti Torricelli, Crivelli e Pezzati

Il parlamento ha designato tre dei quattro membri non togati del Consiglio della magistratura straordinario, dopo la ricusazione di quello in carica
Locarnese
2 ore

Brissago premierà i suoi giovani sportivi e artisti

Decisa l’assegnazione, annua, di un riconoscimento ai domiciliati e alle società che si distingueranno nella pratica di attività in questi ambiti
Locarnese
2 ore

Locarno diversifica le tasse per i proprietari di cani

I 100 franchi annui finora richiesti per tutte le razze rimangono solo per quelle soggette a restrizione. Sconti per tutti gli altri
Mendrisiotto
2 ore

Monte Generoso, quando si saprà l’ente gestore del parco?

Il deputato Matteo Quadranti chiede spiegazioni al Consiglio di Stato sulla tempistica di presentazione del messaggio atteso dal 2018
Locarnese
2 ore

Cugnasco-Gerra, lavori stradali e possibili disagi

Domattina, martedì 25 gennaio, il traffico veicolare potrebbe essere perturbato a causa di lavori
Luganese
2 ore

Lugano, legislativo diviso sui tempi delle risposte

Due rapporti contrastanti dalla Commissione delle petizioni sulla mozione intitolata “Anche gli atti parlamentari hanno un costo”
Grigioni
2 ore

Moesano, crescono i nuovi casi Covid ma non le ospedalizzazioni

Anche la regione grigionese ha registrato un aumento esponenziale dei contagi in particolare nel periodo dal Natale all’Epifania
Locarnese
2 ore

Al Lyceum Locarno un incontro su Francesco Chiesa

Relatore della conferenza sarà Ariele Morinini
Locarnese
3 ore

A Piazzogna strada chiusa per taglio alberi

Per due giorni bloccata la via Alabardia
Luganese
3 ore

Prolungato il buono ‘Vivi la tua Collina’

Alla luce dell’incertezza legata alla pandemia e al successo dell’iniziativa, il Municipio ha deciso di confermare il sostegno all’economia locale
Luganese
3 ore

Pregassona alta, dadi in porfido su via Selvapiana

Il Municipio di Lugano ha chiesto una variante di progetto dopo la petizione, le opposizioni, la lettera della Stan e le due interrogazioni
Ticino
3 ore

Ex funzionario Dss, sì del Gran Consiglio all’audit esterno

Via libera parlamentare quasi unanime all’indagine esterna con poteri accresciuti. Bertoli: attendiamo di vedere se risultati distanti da quanto accertato
Bellinzonese
3 ore

Serata dedicata ai campioni olimpici ticinesi dello sci di fondo

Appuntamento per mercoledì 2 febbraio alle 18.30 alla Biblioteca cantonale di Bellinzona
Ticino
3 ore

Diossine nel suolo, valori nella norma

Attorno agli ex impianti di smaltimento dei rifiuti di Bioggio e Riazzino concentrazioni mediamente più elevate ma non critiche
Bellinzonese
4 ore

Il Plr di Lumino in assemblea

La seduta si terrà giovedì 27 gennaio alle 20 nella palestra comunale. Obbligatori certificato Covid 2G e mascherina
Bellinzonese
4 ore

Pistole, coltelli e minacce da gangster

La Corte delle Assise criminali di Bellinzona ha condannato a quasi tre anni un 32enne per estorsione aggravata, truffa e infrazione alla legge sulle armi
Bellinzonese
4 ore

Auto in fiamme a Camorino, nessun ferito ma disagi al traffico

È accaduto intorno alle 14 su via Tirada. Il conducente e la passeggera, vedendo del fumo uscire dal vano motore, hanno abbandonato il veicolo in tempo
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore festeggia un nuovo centenario

Nino Albisetti, assieme ai due figli, ha accolto nella sua casa la sindaca Claudia Casanova per un brindisi e alcune curiosità sul paese
Ticino
4 ore

Aperte le iscrizioni alla scuola per cure infermieristiche

Il termine per inoltrare la richiesta di ammissione è fissato per il 28 febbraio. Organizzati alcuni incontri informativi
 
15.11.2021 - 05:150
Aggiornamento : 14:30

Grand Hotel e anche Globus: Stefano Artioli prende tutto

L’imprenditore: “Per l’albergo non è un bluff: onoreremo il diritto di compera il 30 marzo. Sulla nuova Largo Zorzi un mini Lafayette con Boutique Hotel”

L’uscita allo scoperto dell’Artisa Group di Stefano Artioli riguardo all’acquisto e alla ristrutturazione del Grand Hotel di Muralto «non è assolutamente un bluff». Lo afferma, per spazzare il campo da qualsiasi speculazione o scetticismo, lo stesso imprenditore bellinzonese, in risposta alla prudenza da noi espressa su queste stesse pagine, memori di altri diritti di compera susseguitisi negli anni, ma mai onorati.

Per dimostrare la concretezza delle intenzioni, Artioli mette subito sul tavolo qualche carta: «In primo luogo abbiamo appena creato una società anonima proprio per il Grand Hotel; secondariamente, è già deciso che il 30 marzo 2022 onoreremo il diritto di compera e diventeremo definitivamente proprietari della struttura». La Sa si chiama GHL, ha un capitale sociale di 100mila franchi, ha sede a Lugano e lo stesso Artioli figura come presidente. Fra gli scopi troviamo quelli di “gestire il Grand Hotel Locarno o altre strutture simili oppure correlate a Locarno o in altre ubicazioni. In generale la società può dedicarsi allo sviluppo e alla gestione di alberghi e ristoranti, alla progettazione e alla prestazione di consulenze e all’assunzione di mandati nel settore alberghiero, turistico e commerciale”.

L’albergo, dice Artioli, «sarà aperto 11 mesi all’anno e per riuscirci stiamo creando un concetto basato sulla Spa con le grotte, con 2’500 metri quadrati di terapie naturali per il corpo e per la mente. Senza dimenticare un ristorante 3 stelle Michelin. Questo porta una clientela che soggiorna e lo fa anche nei periodi in cui ce n’è bisogno, fuori dall’alta stagione». La domanda di costruzione sarà depositata all’albo comunale «fra metà e fine gennaio 2022» e la cifra d’investimento non dovrebbe eccedere i 50 milioni di franchi, ai quali vanno aggiunti i 23 necessari per l’acquisto.

Stefano Artioli, ribadiamo che il suo non è il primo diritto di compera sul Grand Hotel. Gli altri però si sono fermati ai preliminari. Che ragioni abbiamo per credere che questa volta vada diversamente?

La struttura è di proprietà di quattro famiglie, cui se n’è aggiunta un’altra, e ci voleva l’accordo di tutti per vendere. Non era facile arrivare a una soluzione condivisa. Con il diritto di compera abbiamo messo la prelazione sull’acquisto, che nella primavera dell’anno prossimo verrà perfezionato.

Quanto avete già versato e quanto vi manca per perfezionare l’acquisto?

Posso solo dire che ho dimostrato alla proprietà di avere i contanti. Non è certo un problema di denaro. Ma quel che interessa al pubblico, se mi consente, è che già stiamo lavorando alla pulizia del parco e approntando un’illuminazione colorata, particolarmente spettacolare, per le feste natalizie. Sarà visibile a tutti considerata la posizione della struttura su un promontorio.

Tutto bello. Ma concretizzare un’operazione da 70 milioni di franchi o più è un altro paio di maniche.

Il discorso è che vogliamo sin da subito ridare vita al Grand Hotel, lanciando un segnale ben chiaro che è il seguente: non iniziamo a litigare facendo opposizione al progetto di ristrutturazione. Parliamo del restauro di qualcosa che serve all’economia di Locarno, una città in cui a furia di togliere alberghi e di non investire sta diventando luogo di un turismo giornaliero da panino e acqua minerale. Bisogna cambiare strada e iniziare e costruire strutture di qualità per portare clientela di qualità che tenga in piedi i negozi, gli alberghi e l’economia locale. E che domani verrà magari a investire essa stessa perché qui è stata bene. Aggiungo che il Grand Hotel deve tornare a essere un’infrastruttura di base per la parte culturale del Festival del film.

Il Piano particolareggiato approvato per il comparto vi dà la possibilità di costruire uno stabile d’appartamenti sul fronte Ramogna: una struttura considerata a suo tempo la stampella economica irrinunciabile per tenere in piedi un’onerosa operazione di ristrutturazione. Quindi ai 70 milioni ne vanno aggiunti almeno altri 20.

Se prima si parlava degli appartamenti era perché c’era dietro il Crédit Suisse, che gestiva l’operazione tramite un fondo. Per noi è diverso perché lo facciamo come famiglia: i soldi sono nostri e quello non è, quindi, un bene speculativo. Non è nemmeno un prodotto da Cassa pensione come ad esempio le 4 torri che abbiamo già fatto a Locarno. L’obiettivo è ristrutturare l’albergo e concentrarsi su quello. Poi vediamo gli scenari, anche per quanto riguarda lo sviluppo sul davanti, fronte viale Stazione, dove è molto importante che avvenga una profonda riqualifica dal degrado attuale, possibile soltanto se c’è chi è disposto ad investire. Mi faccia aggiungere che il Grand Hotel, primo grande albergo al sud della Svizzera in quanto inaugurato nel 1876, è un mio sfizio. Ho vissuto 20 anni a Locarno e per 20 anni mi sono chiesto perché il grande albergo rimanesse lì chiuso nonostante il suo enorme potenziale. Così, da ticinese che lavora e sta investendo in tutta Europa, ho deciso di acquistarlo. Una volta rimesso in sesto sarà una delle strutture più belle del Paese e sono convinto che non solo funzionerà, ma funzionerà alla grande. Lo sa perché?

Me lo dica lei.

In Ticino abbiamo il tempo migliore, con 5-7° di differenza da tutta la Svizzera. Inoltre, abbiamo l’italianità che piace al nord, il secondo lago d’Italia che è il Lago Maggiore. Fra Locarno, Muralto ed Ascona abbiamo una perla di ineguagliabile bellezza. Ma non siamo capaci di valorizzarla, lasciando andare infrastrutture importanti senza sostituirle con altre fresche e moderne che ci permettano di attirare i 30-40enni del ceto medio. A questo non deve pensare la politica, ma i grandi imprenditori di nuova generazione che hanno ereditato.

Entrando nel vivo del progetto, avete già contatti con una catena alberghiera per la gestione?

Non ci serve. L’Artisa Group è uno sviluppatore con 140 fra architetti, ingegneri ed economisti. Risolviamo i problemi dello sviluppo nel settore immobiliare, che rappresentano la parte più complicata del processo. Costruire è facile. Abbiamo anche una società a Zurigo che sviluppa progetti alberghieri, in Svizzera e anche in Europa, ad esempio in Italia e in Cechia. Sono finalizzati proprio alla rigenerazione del corpo. In questo mosaico il Grand Hotel sarà un tassello a sud della Svizzera. In più, cercheremo di abbinarlo ad altre due strutture, sempre in zona, affinché gli ospiti abbiano facoltà di scelta.

Può essere più preciso?

Pensiamo di realizzare anche qualcosa al lago e qualcosa in montagna, a Cardada. Questo perché dobbiamo e vogliamo dare contenuto a strutture che non siano deficitarie. Come contenuto intendo un grande sforzo di progettualità e di capacità. Quella progettualità che serve per dilatare la stagione, e con questo mi riferisco anche al congressuale. Locarno in questo senso è perfetto. Va bene il congresso, ma se possiamo abbinarlo ad una passeggiata al lago o a una Spa di rigenerazione è tutta un’altra cosa. Locarno ha senso se si configura come una destinazione che lavora sulla piazza della Svizzera centrale e su quella germanica (e sicuramente non sul nord Italia, dove hanno già tutto). Ma per farlo deve investire fra i 200 e i 300 milioni in infrastrutture che la promuovano a livello nazionale.

Non bastassero quelli di cui ci ha parlato, ha in mente altri progetti?

Sì. Abbiamo firmato un diritto di compera anche per il Globus in Largo Zorzi.

Con quali prospettive?

Come noto Globus esce nel 2022. Noi abbiamo intenzione di creare una nuova progettualità commerciale diversa rispetto alle solite borsette ai soliti vestiti, ma piuttosto incentrata sull’economia locale legata al cibo e alla nostranità: una specie di “mini Lafayette” con un grande open space su 3’000 metri quadrati per commerci misti (penso a quelle attività gastronomiche tradizionali) e ristoranti. Questo al pian terreno. Sopra realizzeremo invece un Boutique Hotel con un centinaio di camere, nonché appartamenti sul fronte nord. Vogliamo prendere tutto il comparto e farlo crescere a livello di qualità. A maggior ragione se consideriamo il grande progetto di riqualifica degli spazi pubblici del centro urbano di Locarno. Lì cambierà tutto, e sarà il polmone di Locarno. Investire nel Globus e nel Grand Hotel riportando qualità sarà una grande operazione che darà a tutta la città un’immagine completamente diversa.

Investimento previsto al Globus?

Non lo posso dire, ma più importante rispetto al Grand Hotel.

Lì entreranno in gioco le Casse pensioni?

Può essere, ma noi abbiamo il nostro patrimonio immobiliare.

Tempistica?

Stiamo andando avanti con la progettazione. La domanda di costruzione entrerà nel 2022 e l’idea è iniziare i lavori nel 2023.

Ti-Press
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved