Ambrì
5
Langnau
6
fine
(2-1 : 0-5 : 3-0)
Lakers
6
Zurigo
5
fine
(2-1 : 3-1 : 1-3)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
fine
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
fine
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
fine
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
3
fine
(0-1 : 0-0 : 0-2)
locarno-burkina-faso-cooperazione-oltre-le-difficolta
Promozione e valorizzazione delle colture locali
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
4 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
4 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
5 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
5 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
5 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
6 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
8 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
9 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
10 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
10 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
11 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
11 ore

Dopo un anno di pausa torna Gospel & Spirituals

Per la 31esima edizione sono previsti sei concerti con artisti di varia provenienza
Bellinzonese
11 ore

La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere

L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
12 ore

Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva

Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
17 ore

Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo

Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
17 ore

Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo

A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
17 ore

Gole profonde... per legge

Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
17 ore

Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360

Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
23 ore

Locarno, ancora un caso pestaggio in centro

Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
1 gior

Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’

Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
Ticino
1 gior

Sanitari non vaccinati, i test obbligatori restano in vigore

Il Tribunale federale ha negato l’effetto sospensivo al ricorso che contesta la risoluzione del Consiglio di Stato dell’8 settembre
Ticino
1 gior

Gli Stati: no al divieto di licenziamento delle neo mamme

La Camera dei Cantoni respinge l’iniziativa ticinese (27 voti a 13, quattro le astensioni). Il dossier passa ora al Nazionale
Bellinzonese
1 gior

Bellinzona, ‘blocchiamo il contributo per la nuova Valascia’

Lo chiede il gruppo Lega-Udc alla luce della notizia secondo cui la Valascia Immobiliare Sa sarebbe confrontata con problemi di liquidità
Bellinzonese
1 gior

Le Colonie dei sindacati cercano volontari

Per i due turni di giugno-luglio 2022 un appello per coinvolgere personale educativo, di servizio e cucina
Bellinzonese
1 gior

Annullato il mercatino di Ambrì

Era previsto mercoledì 8 dicembre
Locarnese
16.10.2021 - 16:250

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista

«Non il Covid. Sono fame, povertà e terrorismo i problemi che la popolazione burkinabé deve affrontare», racconta Franco Losa, presidente di Beogo - Gruppo ticinese di solidarietà con il Burkina Faso. Lo Stato africano conta oltre venti milioni di abitanti a stragrande maggioranza contadini ed è uno fra i Paesi più poveri al mondo segnato da malnutrizione, malattie endemiche, elevata mortalità infantile e analfabetismo. Annualmente l’ong ticinese dispone di circa 150mila franchi da destinare a progetti di cooperazione allo sviluppo; capitale proveniente da donazioni private e contributi pubblici (Comuni, Cantone, scuole e fondazioni).

Ufficialmente dal 2004, Beogo – che in moré significa “futuro, avvenire” – promuove la solidarietà con lo Stato africano finanziando progetti concepiti secondo i principi del rispetto ambientale, culturale, degli equilibri sociali ed economici delle popolazioni locali, grazie alla collaborazione con tre associazioni del posto: Zoodo - per la promozione della donna (attiva nel Nord); Yelemani - per la sovranità alimentare (opera nella periferia di Ouagadougou); Clinica ostetrica rurale a Wolobougou (nel Sud).

Gli appigli per compiere un viaggio di settemila e rotti chilometri sono diversi. Chiediamo pazienza a coloro che si aspettano una cronaca schiettamente regionale. Si diceva dei motivi di questo salto geografico, primo fra tutti l’assemblea annuale di Beogo svoltasi a Losone a inizio mese. E ancora perché non si può raccontare il lavoro delle associazioni locali con cui coopera l’ong ticinese dando per scontato il contesto sociale e politico del Paese. Infine, perché lunedì 11 ottobre si è aperto il processo per la morte del presidente Thomas Sankara (fratello di Blandine) assassinato il 15 ottobre 1987, di cui ricorrono i 34 anni della morte. Imputati principali Blaise Compaoré (ex presidente e forse mandante dell’esecuzione), il suo braccio destro Gilbert Diendéré (condannato a vent’anni di carcere per complotto) e il maresciallo che ha guidato il commando Hyacinthe Kafando, ora latitante. Aperta parentesi: è stato Sankara a istituire il nome dell’ex Alto Volta nel 1984, che in lingua si traduce “Paese degli uomini integri”.

Una destituzione che ha scatenato gli attentati

Assodato che il quadro politico e sociale è imprescindibile per la comprensione, lo tracciamo a spanne – consapevoli di tutti i limiti – con il presidente dell’ong. «Dal nostro ultimo incontro (febbraio 2016; ndr), il contesto è cambiato molto. È più delicato e caotico», spiega Losa. La cesura fra un prima e un dopo l’ha segnata l’attentato del 15 gennaio 2016 all’Hotel Splendid, nel cuore della capitale Ouagadougou. Trenta persone morte, oltre cinquanta i feriti, 176 ostaggi, liberati il giorno successivo. Fra le vittime, si ricorderà, gli ex parlamentari svizzeri Jean-Noël Rey e Georgie Lamon. L’attacco, come molti altri a seguire, aveva matrice jihadista, rivendicato da Al-Qaeda.

L’ombra scura dell’estremismo ha preso piede dalla destituzione dell’ex presidente Blaise Compaoré (fuggito in Costa d’Avorio), nell’ottobre del 2014 (gli è succeduto Roch Marc Kaboré). «Da quel momento – ricorda – gli attacchi si sono moltiplicati», soprattutto nell’area settentrionale. Potrebbe sembrare una coincidenza, ma la destituzione di Compaoré e l’inizio degli attentati avvalorano l’ipotesi di malcelate relazioni (informali) fra l’ex presidente e i gruppi terroristici d’origine islamica: Compaoré trattava con i terroristi e così se ne stavano tranquilli, semplificando molto.

Gli attacchi «hanno causato più di mille morti e un milione e quattrocentomila profughi interni, dal 2015 al 2021. Dopo la Siria, il Burkina è il Paese con il più alto tasso di rifugiati». Le popolazioni scappano dalle regioni colpite e si installano in agglomerati urbani. Il fenomeno comporta «l’affollamento con i conseguenti problemi di convivenza e sopravvivenza, ma anche la chiusura delle scuole e l’abbandono dell’istruzione di molti bambini». Bimbi che finiscono a lavorare nelle miniere d’oro, a diverse decine di metri sotto terra con temperature soffocanti, dove esalano fumi tossici. Scritto per inciso, l’oro equivale al 79% delle esportazioni del Burkina Faso e fra i principali Paesi acquirenti c’è la Svizzera. Sul sito del Dipartimento federale degli affari esteri si legge che lo Stato africano è il primo partner svizzero del Continente, “con un volume commerciale di tre miliardi di franchi costituito quasi esclusivamente da importazioni di oro”.

La situazione politica e sociale destabilizzata «ha portato cambiamenti anche nel lavoro delle associazioni partner», seguita Losa. «Tra tutti i nostri progetti, una parte subisce purtroppo l’impatto del terrorismo, per fortuna è una minoranza. Ad esempio, la scuola nel villaggio di Boundoukamba ha chiuso e i docenti sono scappati».


Beogo
Il pozzo di Gourga in funzione

L’affollamento ha spinto Mariam Maïga, la direttrice di Zoodo, a chiedere «aiuti specifici per la realizzazione di scuole, per poter continuare a scolarizzare i bambini». I finanziamenti sono serviti per la costruzione di una scuola a Souli che può ospitare più di 200 allievi e un’altra, con la stessa capienza e un pozzo, a Gourga. Entrambe le strutture hanno un costo rispettivamente di 45mila e 55mila franchi. La necessità arriva dalle «famiglie sfollate che, costrette a vivere in luoghi precari, chiedono che si riesca per lo meno a istruire i propri figli».


Beogo
La scuola di Souli

Infrastrutture, acqua, educazione

Tornando all’impegno di Beogo, il nostro interlocutore ricorda che da anni «collaboriamo bene con le associazioni femminili, perché il ruolo della donna nei Paesi del Sud è la speranza del futuro». Numerosi i progetti proposti dalle organizzazioni burkinabé che l’associazione ticinese ha sostenuto negli anni.

Zoodo si preoccupa dell’approvvigionamento dell’acqua potabile con la costruzione di pozzi con pompe tradizionali o solari. Inoltre, si occupa di educazione e istruzione, attraverso costruzione di scuole e promozione del sostegno scolastico. Legata all’alfabetizzazione anche la biblioteca nel quartiere povero di Ouhigouya, dotata di dodicimila volumi e frequentata da oltre mille persone, Beogo ne ha finanziato la costruzione e copre le spese di gestione. Sempre con Zoodo, partecipa al progetto ‘Santé mobile’: un’infermiera in motocicletta si reca nei villaggi per visitare i malati e offrire le prime cure. Soprattutto nelle aree rurali scarseggiano medici e infrastrutture sanitarie e questo fa sì che l’assistenza medica sia molto precaria.


Beogo
La sala di studio della biblioteca di quartiere di Ouahigouya

L’associazione Yelemani, presieduta da Blandine Sankara (sorella di Thomas), è attiva negli ambiti di ricerca, produzione e trasformazione dei prodotti agricoli; lo scopo è la sovranità alimentare, riducendo così la dipendenza dai prodotti d’importazione, favorendo produzione e consumo di prodotti locali, coltivati responsabilmente. Una promozione che passa per la sensibilizzazione e la formazione. L’associazione dispone anche di una superficie agricola a Loumbila, alla periferia della capitale, dove si pratica l’orticoltura biologoca e l’allevamento.


Beogo
Parte del raccolto

A Wolobougou, «il lavoro con la clinica ostetrica gestita dalla levatrice Honorine Soma è relativamente recente (dal 2019; ndr). Una piccola realtà con cui abbiamo potuto, nonostante la situazione, cooperare costruendo un pozzo con pompa solare, grazie anche alla collaborazione con Abba, ong della Valle di Blenio. Per la struttura abbiamo anche finanziato un ecografo e la fornitura di materiale sanitario».

Link: www.beogo.ch; www.yelemani.org; www.zoodo.org.

Beogo
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved