locarno-burkina-faso-cooperazione-oltre-le-difficolta
Promozione e valorizzazione delle colture locali
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
6 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
7 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
7 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
16 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
19 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
19 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
1 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
1 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
1 gior

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
1 gior

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
1 gior

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
Luganese
1 gior

Cantoreggi, l’Appello conferma la condanna di primo grado

Pensione La Santa, la corte di secondo grado infligge 4 anni e tre mesi di carcere all’austriaco, per lesioni, omicidio colposo e omissione di soccorso
Locarnese
1 gior

Festa patronale a Brione Verzasca

Messa, aperitivo e incanto dei doni nel programma mattutino; nel pomeriggio vi sarà la lode vespertina
Mendrisiotto
1 gior

Vacallo, un’altra benna per smaltire carta e cartoni

Sarà introdotta da martedì 16 agosto nella piazza rifiuti di Vacallo Alta-via San Martino
Ticino
1 gior

Torneo di calcio dei parlamenti cantonali, è tutto pronto

Quest’anno sarà il Ticino a organizzarlo, il presidente del Comitato Edo Bobbià spiega l’aspetto sociale: ‘Coinvolta la Fondazione Diamante, li ringrazio’
Mendrisiotto
2 gior

Meride, torna la festa patronale di San Rocco

Il tradizionale evento si terrà domenica 21 agosto. Previsto un concerto della soprano Annamaria Martinetti.
16.10.2021 - 16:25

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista

«Non il Covid. Sono fame, povertà e terrorismo i problemi che la popolazione burkinabé deve affrontare», racconta Franco Losa, presidente di Beogo - Gruppo ticinese di solidarietà con il Burkina Faso. Lo Stato africano conta oltre venti milioni di abitanti a stragrande maggioranza contadini ed è uno fra i Paesi più poveri al mondo segnato da malnutrizione, malattie endemiche, elevata mortalità infantile e analfabetismo. Annualmente l’ong ticinese dispone di circa 150mila franchi da destinare a progetti di cooperazione allo sviluppo; capitale proveniente da donazioni private e contributi pubblici (Comuni, Cantone, scuole e fondazioni).

Ufficialmente dal 2004, Beogo – che in moré significa “futuro, avvenire” – promuove la solidarietà con lo Stato africano finanziando progetti concepiti secondo i principi del rispetto ambientale, culturale, degli equilibri sociali ed economici delle popolazioni locali, grazie alla collaborazione con tre associazioni del posto: Zoodo - per la promozione della donna (attiva nel Nord); Yelemani - per la sovranità alimentare (opera nella periferia di Ouagadougou); Clinica ostetrica rurale a Wolobougou (nel Sud).

Gli appigli per compiere un viaggio di settemila e rotti chilometri sono diversi. Chiediamo pazienza a coloro che si aspettano una cronaca schiettamente regionale. Si diceva dei motivi di questo salto geografico, primo fra tutti l’assemblea annuale di Beogo svoltasi a Losone a inizio mese. E ancora perché non si può raccontare il lavoro delle associazioni locali con cui coopera l’ong ticinese dando per scontato il contesto sociale e politico del Paese. Infine, perché lunedì 11 ottobre si è aperto il processo per la morte del presidente Thomas Sankara (fratello di Blandine) assassinato il 15 ottobre 1987, di cui ricorrono i 34 anni della morte. Imputati principali Blaise Compaoré (ex presidente e forse mandante dell’esecuzione), il suo braccio destro Gilbert Diendéré (condannato a vent’anni di carcere per complotto) e il maresciallo che ha guidato il commando Hyacinthe Kafando, ora latitante. Aperta parentesi: è stato Sankara a istituire il nome dell’ex Alto Volta nel 1984, che in lingua si traduce “Paese degli uomini integri”.

Una destituzione che ha scatenato gli attentati

Assodato che il quadro politico e sociale è imprescindibile per la comprensione, lo tracciamo a spanne – consapevoli di tutti i limiti – con il presidente dell’ong. «Dal nostro ultimo incontro (febbraio 2016; ndr), il contesto è cambiato molto. È più delicato e caotico», spiega Losa. La cesura fra un prima e un dopo l’ha segnata l’attentato del 15 gennaio 2016 all’Hotel Splendid, nel cuore della capitale Ouagadougou. Trenta persone morte, oltre cinquanta i feriti, 176 ostaggi, liberati il giorno successivo. Fra le vittime, si ricorderà, gli ex parlamentari svizzeri Jean-Noël Rey e Georgie Lamon. L’attacco, come molti altri a seguire, aveva matrice jihadista, rivendicato da Al-Qaeda.

L’ombra scura dell’estremismo ha preso piede dalla destituzione dell’ex presidente Blaise Compaoré (fuggito in Costa d’Avorio), nell’ottobre del 2014 (gli è succeduto Roch Marc Kaboré). «Da quel momento – ricorda – gli attacchi si sono moltiplicati», soprattutto nell’area settentrionale. Potrebbe sembrare una coincidenza, ma la destituzione di Compaoré e l’inizio degli attentati avvalorano l’ipotesi di malcelate relazioni (informali) fra l’ex presidente e i gruppi terroristici d’origine islamica: Compaoré trattava con i terroristi e così se ne stavano tranquilli, semplificando molto.

Gli attacchi «hanno causato più di mille morti e un milione e quattrocentomila profughi interni, dal 2015 al 2021. Dopo la Siria, il Burkina è il Paese con il più alto tasso di rifugiati». Le popolazioni scappano dalle regioni colpite e si installano in agglomerati urbani. Il fenomeno comporta «l’affollamento con i conseguenti problemi di convivenza e sopravvivenza, ma anche la chiusura delle scuole e l’abbandono dell’istruzione di molti bambini». Bimbi che finiscono a lavorare nelle miniere d’oro, a diverse decine di metri sotto terra con temperature soffocanti, dove esalano fumi tossici. Scritto per inciso, l’oro equivale al 79% delle esportazioni del Burkina Faso e fra i principali Paesi acquirenti c’è la Svizzera. Sul sito del Dipartimento federale degli affari esteri si legge che lo Stato africano è il primo partner svizzero del Continente, “con un volume commerciale di tre miliardi di franchi costituito quasi esclusivamente da importazioni di oro”.

La situazione politica e sociale destabilizzata «ha portato cambiamenti anche nel lavoro delle associazioni partner», seguita Losa. «Tra tutti i nostri progetti, una parte subisce purtroppo l’impatto del terrorismo, per fortuna è una minoranza. Ad esempio, la scuola nel villaggio di Boundoukamba ha chiuso e i docenti sono scappati».


Beogo
Il pozzo di Gourga in funzione

L’affollamento ha spinto Mariam Maïga, la direttrice di Zoodo, a chiedere «aiuti specifici per la realizzazione di scuole, per poter continuare a scolarizzare i bambini». I finanziamenti sono serviti per la costruzione di una scuola a Souli che può ospitare più di 200 allievi e un’altra, con la stessa capienza e un pozzo, a Gourga. Entrambe le strutture hanno un costo rispettivamente di 45mila e 55mila franchi. La necessità arriva dalle «famiglie sfollate che, costrette a vivere in luoghi precari, chiedono che si riesca per lo meno a istruire i propri figli».


Beogo
La scuola di Souli

Infrastrutture, acqua, educazione

Tornando all’impegno di Beogo, il nostro interlocutore ricorda che da anni «collaboriamo bene con le associazioni femminili, perché il ruolo della donna nei Paesi del Sud è la speranza del futuro». Numerosi i progetti proposti dalle organizzazioni burkinabé che l’associazione ticinese ha sostenuto negli anni.

Zoodo si preoccupa dell’approvvigionamento dell’acqua potabile con la costruzione di pozzi con pompe tradizionali o solari. Inoltre, si occupa di educazione e istruzione, attraverso costruzione di scuole e promozione del sostegno scolastico. Legata all’alfabetizzazione anche la biblioteca nel quartiere povero di Ouhigouya, dotata di dodicimila volumi e frequentata da oltre mille persone, Beogo ne ha finanziato la costruzione e copre le spese di gestione. Sempre con Zoodo, partecipa al progetto ‘Santé mobile’: un’infermiera in motocicletta si reca nei villaggi per visitare i malati e offrire le prime cure. Soprattutto nelle aree rurali scarseggiano medici e infrastrutture sanitarie e questo fa sì che l’assistenza medica sia molto precaria.


Beogo
La sala di studio della biblioteca di quartiere di Ouahigouya

L’associazione Yelemani, presieduta da Blandine Sankara (sorella di Thomas), è attiva negli ambiti di ricerca, produzione e trasformazione dei prodotti agricoli; lo scopo è la sovranità alimentare, riducendo così la dipendenza dai prodotti d’importazione, favorendo produzione e consumo di prodotti locali, coltivati responsabilmente. Una promozione che passa per la sensibilizzazione e la formazione. L’associazione dispone anche di una superficie agricola a Loumbila, alla periferia della capitale, dove si pratica l’orticoltura biologoca e l’allevamento.


Beogo
Parte del raccolto

A Wolobougou, «il lavoro con la clinica ostetrica gestita dalla levatrice Honorine Soma è relativamente recente (dal 2019; ndr). Una piccola realtà con cui abbiamo potuto, nonostante la situazione, cooperare costruendo un pozzo con pompa solare, grazie anche alla collaborazione con Abba, ong della Valle di Blenio. Per la struttura abbiamo anche finanziato un ecografo e la fornitura di materiale sanitario».

Link: www.beogo.ch; www.yelemani.org; www.zoodo.org.

Leggi anche:

A Losone la donna che ‘scacciò’ Monsanto dal Burkina Faso

Al via Burkina Faso il processo per l’omicidio di Thomas Sankara

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
beogo burkina faso cooperazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved