ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
25 min

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
35 min

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
Luganese
35 min

Tesserete, posticipato il mercatino natalizio

L’evento si sarebbe dovuto tenere domenica 4 dicembre, ma è stato spostato all’11 dicembre a causa del meteo
Luganese
35 min

Lugano, il Grand Tour of Switzerland al Parco San Michele

Lugano Region, in collaborazione con Svizzera Turismo, ha installato una postazione fotografica nel celebre punto panoramico
Mendrisiotto
45 min

Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso

Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
48 min

‘In Gendarmeria mancano effettivi’

Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 ora

Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda

Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio incontra i suoi 18enni al cinema

La cerimonia si è tenuta al multisala, dove i festeggiati hanno incontrato il Municipio e assistito alla proiezione del film ‘Domani’
Luganese
2 ore

Parte la decima edizione di MelideICE

Apre il 2 dicembre il villaggio natalizio sulla riva del lago, che resterà in funzione fino all’8 gennaio
Ticino
2 ore

Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’

Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
3 ore

Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar

L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
3 ore

‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’

Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Bellinzonese
3 ore

A Osogna un albero di Natale alimentato a pedali

L’inaugurazione si terrà martedì 6 dicembre alle 15.45 davanti alle scuole elementari
Luganese
3 ore

A Curio l’8 dicembre si terrà il tradizionale mercatino

Un’occasione per scoprire l’artigianato locale, insieme a tante proposte gastronomiche e idee regalo
Ticino
3 ore

Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’

Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Bellinzonese
3 ore

La Fondazione Idea di Helvetia sostiene la ginnastica cantonale

Consegnato un contributo di 5’000 franchi a favore del Galà 2023
29.09.2021 - 17:17
Aggiornamento: 18:36

Orselina, la Madonna del Sasso è apparsa in biblioteca

Per impegno e dedizione, è quasi un’operazione divina la catalogazione e la valorizzazione di oltre 12mila titoli del Convento, ora online nel Sbt

orselina-la-madonna-del-sasso-e-apparsa-in-biblioteca
Ti-Press/D. Agosta
Una visione a 360° sulla biblioteca del Convento

Un lavoro certosino, instancabile, fatto di passione e precisione. Per ridare alla biblioteca del Convento della Madonna del Sasso di Orselina il lustro che merita. Parliamo di un fondo che conta ben 12mila 136 titoli (in 15mila 680 volumi) di cui 3’109 sono libri antichi (editi prima del 1801). Le “chicche” sono i 36 incunaboli e le 525 cinquecentine. Il tutto è finalmente inserito all’interno del catalogo online del sistema bibliotecario ticinese.

Il progetto di catalogazione e valorizzazione, appena concluso, è stato presentato questa mattina da Tiziana Zaninelli e Stefano Gilardi a nome dell’Associazione Pro Restauro Madonna del Sasso, unitamente a Luciana Pedroia e Laura Luraschi, che in prima persone si sono accollate l’onere della mastodontica operazione, coadiuvate secondo modalità e in tempi diversi da Jean-Claude Lechner, Roberto Garavaglia e Davide Dellamonica, nonché dai militi della Protezione civile della Città di Lugano, che in 19 tappe progressive hanno trasportato i volumi alla Biblioteca Salita dei Frati per catalogazione e conservazione.

La proposta di catalogazione della biblioteca del Convento era stata presentata nel 2013. Da allora ci hanno lavorato la Biblioteca Salita dei Frati di Lugano, i Cappuccini della Svizzera italiana (rappresentati da frate Agostino) e il comitato dell’Associazione Pro Restauro Madonna del Sasso, che ha garantito un imprescindibile sostegno finanziario.

«La biblioteca è dotata di due inventari settecenteschi, un catalogo in 18 fascicoli dattiloscritti risalenti agli anni Venti del Novecento e un catalogo su schede risalente agli anni Cinquanta del secolo scorso – ha detto Laura Luraschi –: questi strumenti, seppur preziosi testimoni della storia del fondo librario, non sono più attuali ed era tempo che la biblioteca si dotasse di un moderno catalogo digitale realizzato secondo i più moderni parametri catalografici». Come previsto dal progetto, oltre ai dati relativi all’edizione sono stati rilevati tutti i dati di ogni singolo esemplare (note di possesso o provenienza, timbri, informazioni dedotte dalle legature e dalle antiche segnature di collocazione). «Si tratta di informazioni di grande importanza poiché permettono di ricostruire la storia della formazione della biblioteca identificando i maggiori fondi librari che la compongono: la biblioteca dei Cappuccini di San Rocco di Locarno e quelle francescane di San Francesco di Locarno e della Madonna del Sasso, oltre ad una costellazione di altre provenienze religiose o meno», ha notato Luraschi.

A spasso nei secoli

È affascinante il dato secondo cui i libri più antichi sono stati in movimento per molti secoli, prima di trovare collocazione al Santuario. Una delle particolarità della raccolta risiede nel recupero avvenuto alla fine dell’Ottocento di molti volumi: i frati cappuccini che allora abitavano il convento chiesero la restituzione della maggior parte di quanto era andato disperso a metà Ottocento in concomitanza con la secolarizzazione e la soppressione di diversi conventi locarnesi. Tra Locarno e Orselina gli antichi conventi dei minori conventuali di San Francesco e della Madonna del Sasso, come pure il convento cappuccino locarnese di San Rocco, furono chiusi per decisione governativa e i libri, per la maggior parte, furono incamerati dallo Stato per formare i nuclei delle prime biblioteche cantonali e scolastiche. Solo successivamente i Cappuccini di San Rocco, che non poterono essere espulsi dal territorio e che furono trasferiti da Locarno al Santuario di Orselina poterono recuperare non solo alcuni dei volumi di loro proprietà che da San Rocco erano stati trasferiti alla Scuola tecnica, ma anche i volumi, almeno quelli di argomento religioso, che erano appartenuti ai Conventuali, che invece avevano subito un destino ben più amaro, essendo stati espulsi dal Cantone e costretti a rientrare perlopiù in Lombardia e Piemonte.

Grazie alla catalogazione orientata all’esemplare, oggi possiamo sapere con precisione non solo quanti, ma anche quali volumi sono appartenuti ai diversi conventi soppressi: al Convento di San Rocco sono da ricondurre almeno 1’390 titoli, al Convento di San Francesco 261, mentre al Convento dei minori della Madonna del Sasso 475.

Poi ci sono i possessori privati. Fra essi, spiccano personalità locali come il canonico Giacomo Stoffio, autore della prima guida del Santuario edita nel 1625 (la biblioteca conserva un raro esemplare della seconda edizione datata 1677); numerosi esponenti della famiglia Nessi (tra cui l’avvocato Gian Gaspare Nessi) e e della famiglia Orelli, come il medico Gian Pietro Orelli Barnaba, autore di un’opera medica edita nel 1711.

Accanto alla catalogazione non è mancata la valorizzazione del fondo librario, realizzata oltre che attraverso alcune pubblicazioni riguardanti il progetto di catalogazione e alcune rarità bibliografiche e attraverso l’esposizione in mostre di alcuni volumi, soprattutto con la partecipazione a progetti nazionali e internazionali.

I “magnifici 7” in e-rara

Sette volumi della biblioteca sono stati selezionati e digitalizzati per la piattaforma nazionale di edizioni rare svizzere denominata e-rara, si tratta di quattro edizioni ticinesi del Settecento, due opere di poesia italiana del Seicento e, in ultimo, una raccolta composita contenente 7 testi rari, tra cui un incunabolo che rappresenta l’unico esemplare conosciuto al mondo di un’edizione finora ignota dell’editore Plannck di Roma (Mirabilia urbis Romae, ca. 1495).

Il progetto più recente riguarda i frammenti manoscritti medievali riutilizzati nelle legature: un fenomeno abbastanza frequente tra le edizioni più antiche della biblioteca. Durante la catalogazione, sono stati censiti almeno 150 volumi (perlopiù edizioni quattrocentesche e cinquecentesche), contenenti frammenti. Questi sono ora oggetto di un progetto, a cura del Centro di competenza per il libro antico della Biblioteca Salita dei Frati, che proseguirà nei prossimi anni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved