SJ Sharks
4
WIN Jets
3
fine
(0-1 : 2-1 : 2-1)
EDM Oilers
5
CAL Flames
2
fine
(2-0 : 1-1 : 2-1)
LA Kings
2
MIN Wild
3
fine
(0-0 : 1-3 : 1-0)
velodromo-ticino-a-tenero-con-i-soldi-arrivano-piu-certezze
L’ampia superficie a nord del centro commerciale su cui dovrebbe sorgere il Velodromo Ticino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
13 ore

Minispettacoli, si parte con ‘Chissadove’ di Scintille

Torna all’Oratorio San Giovanni Bosco di Minusio la rassegna di teatro per ragazzi. Domani il debutto con la compagnia locarnese
Grigioni
14 ore

Bregaglia, collisione frontale fra due macchine

L’incidente è avvenuto all’entrata della galleria situata dopo il valico doganale di Castasegna. Ferito uno dei due conducenti
Locarnese
15 ore

Locarno-Burkina Faso, cooperazione oltre le difficoltà

Da quasi vent’anni Beogo opera sostegno di progetti di cooperazione e sviluppo nello Stato africano, vessato dagli attentati di matrice jihadista
Locarnese
1 gior

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 gior

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
1 gior

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
1 gior

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
1 gior

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
1 gior

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
1 gior

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
1 gior

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
1 gior

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
1 gior

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
1 gior

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
1 gior

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
1 gior

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Locarnese
23.09.2021 - 15:490
Aggiornamento : 17:07

Velodromo Ticino a Tenero, con i soldi arrivano più certezze

Votati dagli Stati i crediti Cisin: 5 milioni andranno all’impianto, che ne costerà circa 17. Ospiterà ciclismo e atletica, forse uno stand di tiro e un centro medico

Il Velodromo Ticino previsto a Tenero (l’ipotesi Losone è praticamente scartata) avrà sicuramente anche contenuti per la pratica dell’atletica e forse addirittura per il tiro, con uno stand a 50 metri. Ticino Cycling, capofila dell’importante progetto, sta valutando il da farsi unitamente a Coop (proprietaria del terreno) e non esclude il coinvolgimento di partner non prettamente sportivi, come ad esempio un centro medico.

Alla “Regione” lo dichiara Fabio Schnellmann, presidente di Ticino Cycling, cui Swiss Cycling ha demandato i compiti organizzativi e di pianificazione dell’investimento. I dettagli del progetto emergono nel giorno in cui, all’unanimità, il Consiglio degli Stati ha approvato i cosiddetti “crediti di impegno” per aiuti finanziari a impianti sportivi di importanza nazionale. Nel messaggio del Consiglio federale – che forse già a dicembre andrà al Nazionale – si parlava di un volume complessivo di 67 milioni di franchi per il periodo 2022-27, ma gli Stati ne hanno concessi addirittura di più, arrivando a quota 79,83 milioni. Cinque di questi milioni andranno al Velodromo Ticino, l’impianto combinato per, appunto, atletica leggera e ciclismo, promosso dalle rispettive federazioni nazionali e previsto – ormai è sicuro al 90% – sul terreno a nord del centro commerciale di Tenero, di proprietà Coop. «La scelta dell’ubicazione su Tenero piuttosto che su Losone è motivata in primis da questioni logistiche, vista la necessità di prevedere la struttura nelle adiacenze del Centro sportivo nazionale di Tenero – rileva Schnellmann –. Con Coop c’è un accordo verbale e assieme stiamo valutando diverse ipotesi di contenuto che affianchino le superfici per la pratica del ciclismo e dell’atletica».

L’atletica co-protagonista

Il messaggio del Consiglio federale riguarda la Concezione degli impianti sportivi di importanza nazionale 5 (Cisin 5). A proposito del Velodromo Ticino vi si legge che il modello di struttura combinata per l’allenamento indoor “si è rivelato efficace in Francia e nei Paesi Bassi”. Nello specifico, “un velodromo ha corsie di lunghezza di 250 metri e richiede di conseguenza uno spazio considerevole. La superficie all’interno dell’ovale dovrà essere usata principalmente per le necessità dell’atletica leggera”. L’idea di progetto prevede un circuito da 200 metri con 4 corsie, un impianto per lo sprint di 60 metri, installazioni per il salto in alto, il salto con l’asta e il salto in lungo, nonché un impianto per i lanci.

Si sa dunque che l’impianto dovrà essere utilizzato per l’allenamento e le competizioni di entrambe le discipline sportive: l’atletica leggera lo sfrutterà soprattutto d’inverno, mentre il ciclismo tutto l’anno, sia con Swiss Cycling, sia con Ticino Cycling. Già nelle considerazioni federali viene evidenziato che “l’impianto dovrà essere accessibile anche ad altre federazioni e associazioni sportive nonché allo sport del tempo libero (analogamente al velodromo di Grenchen)”. I costi per la costruzione ammontano a circa 17 milioni di franchi e l’aiuto finanziario previsto dalla Cisin è di 5 milioni di franchi al massimo.

Parlando di tempistica, Schnellmann rimane prudente, soprattutto «considerando i tempi della politica e il fatto che sarà necessario seguire la procedura della Legge sulle commesse pubbliche. Difficile quindi fare delle ipotesi plausibili. In ogni caso, si parla di crediti per il periodo 2022-27, quindi entro la scadenza bisognerà avere almeno un progetto definitivo». Del progetto di massima si è occupato lo studio d’ingegneria Passera & Associati, ma il lavoro, aggiunge Schnellmann, «è naturalmente in continua evoluzione, vista… l’entrata in pista dell’atletica e la prospettiva di avere altri contenuti».

Va ricordato che sul terreno in questione continua a svettare la ciminiera dell’ex cartiera, per cui Coop ha recentemente presentato una domanda di demolizione (ma, si suppone, non in relazione all’arrivo del Velodromo Ticino) che il Comune ha osteggiato.

Cinque milioni anche per Cornaredo

Nell’ambito del pacchetto Cisin 5 sarà sostenuto anche il centro polisportivo e degli eventi (Pse) di Cornaredo, a Lugano, dove i costi per l’intera ricostruzione dell’area ammontano a quasi 200 milioni di franchi. Il volume d’investimento per il complesso sportivo in sé è di 65 milioni di franchi, con un aiuto finanziario previsto dalla Cisin di 5 milioni di franchi al massimo.

Allo scopo di rendere ancora più flessibile la concessione di crediti (evitando, come accaduto in passato, di dover approvare finanziamenti transitori per progetti urgenti) i senatori a netta maggioranza hanno praticamente raddoppiato la voce di bilancio “Diversi ulteriori impianti sportivi di importanza nazionale”, portandola a 15 milioni. Dal 1998 la Confederazione concede aiuti finanziari alla costruzione di impianti sportivi nel quadro del Cisin. È la quinta volta che Berna lo proroga.

Grazie a questi contributi è stato possibile promuovere lo sviluppo delle prestazioni degli atleti dei quadri nazionali nel confronto internazionale e posizionare la Svizzera come luogo di svolgimento più competitivo per le gare internazionali di alto livello. Gli impianti Cisin non sono però destinati unicamente allo sport di prestazione, ma sono a disposizione anche dello sport per i giovani e di massa, principalmente per scopi formativi, ha precisato all’Ats-Keystone il relatore commissionale, Hannes Germann. La Confederazione, ha proseguito il democentrista sciaffusano, partecipa ai costi di costruzione per ogni impianto o progetto con una quota tra il 5 e il 25%. Con i progetti Cisin sinora realizzati è stato generato un volume complessivo di investimenti di circa 1,7 miliardi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved