ex-caserma-di-losone-tra-pianificazione-e-velodromo
Un'area con tanto verde (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
50 min

Luci e Ombre, altri eventi e la copertura del ‘buco’ pandemico

L’Ente iniziative del Locarnese, in assemblea al Fevi, ha annunciato gli estremi della grande festa che torna dopo 2 anni, dal 7 al 9 luglio
Bellinzonese
58 min

A Giubiasco sarà costruita una centrale a biogas

L’impianto promosso da Amb e Ses permetterà di smaltire i rifiuti verdi e organici urbani producendo allo stesso tempo pregiata energia
Bellinzonese
1 ora

Ritom, la funicolare riprende l’attività dopo la pausa invernale

Da sabato 21 maggio sarà di nuovo possibile raggiungere il comprensorio e i suoi innumerevoli laghetti alpini
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio: Ata in assemblea, con dibattito su PoLuMe e Tir

L’evento è previsto domani sera alla Filanda e avrà come ospiti Maurizio Agustoni (Ppd) e Ivo Durisch (Ps). Modera Daniela Carugati.
Luganese
1 ora

Record per la Comano Run con oltre 500 partecipanti

La manifestazione podistica si è tenuta ieri e ha visto il trionfo di Ivan Boggini per gli uomini e Sara Solari per le donne
Ticino
1 ora

Coronavirus, 173 casi e un decesso da venerdì

Rispetto a lunedì della settimana scorsa si registra un calo dei test positivi e delle ospedalizzazioni
Bellinzonese
1 ora

Spettacolo dei liceali di Bellinzona al Teatro Sociale

Venerdì 20 e sabato 21 maggio alle 20.30 andrà in scena ‘Rinoceronte’ del drammaturgo Eugène Ionesco
Locarnese
3 ore

Il traguardo della Pro Monti: l’assemblea numero 100

Giovedì sul Piazzale delle Scuole un appuntamento di portata storica per l’associazione di quartiere di Locarno
29.11.2019 - 06:00

Ex caserma di Losone tra pianificazione e velodromo

La Variante di Pr approda in Consiglio comunale e il progetto per le gare ciclistiche raccoglie consensi a Berna

È pronta la “Variante di Piano regolatore” per il comparto ex caserma di Losone; la dovrà approvare il Consiglio comunale nella seduta del prossimo 16 dicembre. Ieri le spiegazioni ai giornalisti da parte del sindaco Corrado Bianda: «È un passo fondamentale per lo sviluppo dell’intera area, che ci permette di andare avanti con le discussioni in corso tra il Comune, proprietario degli stabili e del sedime, e diversi partner». I contenuti futuri dovranno essere legati a cultura, sport e tempo libero. «È noto che siamo stati contattati dall’Accademia Dimitri della Supsi, come pure da altri enti che si sono palesati dopo l’esperienza del “Base camp”, dedicato ai giovani, durante l’ultimo Festival del film. L’idea di un polo multidisciplinare per le arti sceniche, a mio avviso, è buona. Altrettanto buona è la proposta di un velodromo, per il quale, tuttavia, bisogna dapprima avere certezze sui finanziamenti. Ma la pianificazione è la condizione essenziale per concretizzare proposte e progetti». La variante prevede ampi spazi verdi: resterà il parco alberato di fronte all’edificio principale, così come le aree naturali sulla piana d’Arbigo (una parte potrà essere attrezzata per lo svago e lo sport all’aria aperta). Per il resto, la superficie edificabile sarà di circa 48’600 metri quadri (ma il 70 per cento dovrà essere sgombra da costruzioni), con edifici alti al massimo 11,5 metri e una distanza di almeno 10 metri dai vicini. Il Cantone ha già dato l’ok nell’ambito di un esame preliminare; dopo l’approvazione da parte del Legislativo ci sarà la pubblicazione. Infine il dossier tornerà al Cantone per il nullaosta definitivo: «Speriamo che la variante possa entrare in vigore dalla prossima primavera», ha concluso il sindaco.

Ulteriore colpo di pedali

Nel frattempo, ieri pomeriggio il velodromo è approdato a Berna. Una delegazione ticinese, capitanata da Fabio Schnellmann, presidente di Ticino cycling – con lui il segretario Rubens Bertogliati, il vicepresidente Bernardino Rossi, nonché, per il Cst di Tenero, Bixio Caprara – ha presentato il progetto all’Ufficio federale dello sport (Ufspo). «Il direttore Matthias Remund si è detto entusiasta dell’idea di creare un velodromo in Ticino – afferma Schnellmann –. Hanno garantito una partecipazione finanziaria all’investimento. Un contributo che sarà inserito nel credito per le nuove infrastrutture sportive e che sarà votato entro la fine del 2020. Da parte nostra, allestiremo un documento più dettagliato da presentare nuovamente all’Ufspo la prossima primavera».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved