ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
5 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
6 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
7 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
7 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
8 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
8 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
8 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
9 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
9 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
22.09.2021 - 12:21
Aggiornamento: 16:31

Caso ‘La Palma’, la difesa: ‘Omicidio colposo e rimessa in libertà’

Yasar Ravi e Luisa Polli ridimensionano le responsabilità del 32enne accusato della morte della 22enne all’albergo La Palma di Muralto

caso-la-palma-la-difesa-omicidio-colposo-e-rimessa-in-liberta
Ti-Press
Gli avvocati difensori Yasar Ravi e Luisa Polli

«Che l’imputato non sia uno stinco di santo è un dato acquisito, ma questo non dimostra che sia in grado di assassinare qualcuno». Con queste parole l’avvocato Luisa Polli, per conto della difesa, ha aperto l’arringa difensiva a favore del 32enne cittadino germanico accusato per la morte della 22enne inglese nella stanza 501 dell’albergo “La Palma” di Muralto. Arringa che si è chiusa oltre tre ore dopo con la richiesta, formulata pochi minuti fa dal collega Yasar Ravi, di una condanna non per assassinio, ma per omicidio colposo, con la conseguenza che l’uomo tornerebbe immediatamente libertà: «Gli oltre due anni di carcere già sofferto – ha detto Ravi – già compensano ampiamente la sua colpa». Stando alla difesa, dunque, la morte della ragazza fu causata dall’asfissia provocata da un gioco erotico finito male, e non da uno strangolamento fine a se stesso con movente economico, così come indicato dalla pubblica accusa per giustificare una richiesta di pena di 19 anni e 6 mesi di detenzione.

«Ipotesi, intuizioni e pregiudizi in un’aula di tribunale non bastano – ha sottolineato Polli –. Ci vogliono riscontri oggettivi. Bisogna condannare l’imputato se risulta colpevole, non se si presume possa esserlo. La colpevolezza va stabilita oltre ogni ragionevole dubbio».

Polli ha ripercorso la storia d’amore fra imputato e vittima, sbocciata per caso in Thailandia fra fine gennaio e inizio febbraio 2019, durata due mesi in vacanza «frequentandosi 24 ore su 24 per due mesi» e proseguita fino al fatidico soggiorno a Muralto, terminato in dramma nella notte del 9 aprile. La difesa ha smentito il movente finanziario e chiesto alla Corte di riconoscere che la vittima era solita praticare del sesso estremo già prima di conoscere l’imputato, il che rende appunto credibile la tesi del gioco erotico «sostenuta fin dal primo momento dell’imputato».

In arringa è poi subentrato Yasar Ravi, che ha ripercorso i fatti dal rientro in camera della coppia verso le 2.30 del mattino, fino agli allarmi e al rinvenimento del cadavere, avvenuto circa 4 ore dopo. «Entrambi erano ubriachi, specialmente lui. Basti dire che alle 6 gli era stato riscontrato un tasso alcolemico variante fra l’1.06 e l’1.75 per mille. Quanto al presunto litigio, fu niente più di una banale discussione, un battibecco motivato dal fatto che lei voleva rimanere in giro, mentre lui no. Lei parlava di più e a voce alta, lui a voce bassa, quasi piagnucolando. Si è detto poi che la camera fu trovata in estremo disordine: innanzitutto ordine e disordine sono soggettivi, e comunque va ricordato che la coppia viaggiava con ben 6 valigie e si era trasferita nella camera 501 solo il pomeriggio precedente».

Ma la domanda definita «essenziale» è se ci furono o meno rapporti sessuali quella notte. «L’accusa li nega, ma le analisi della polizia scientifica dimostrano senza alcun dubbio che invece ci furono eccome. Le tracce di sperma ritrovate un po’ dappertutto sulla vittima e nella stanza sono inequivocabili».

Tutto ciò, per il legale di difesa, «ci fa escludere anche l’ipotesi di omicidio intenzionale in assenza di rapporti intimi. Questo reato richiede coscienza e volontà; l’autore deve sapere dell’esistenza del rischio di causare la morte ma si assume la responsabilità di continuare nel suo agire. Nel caso specifico il nostro cliente era sicuramente consapevole che c’era un rischio, ma l’asfissia erotica era stata praticata già svariate altre volte con la vittima. Il confine fra ciò che determina il piacere e ciò che determina la morte è spesso sottile. Il rapporto complementare richiesto all’Università di Losanna dal Ministero pubblico sottolinea che i decessi per strangolamento erotico arrivano in modo improvviso e imprevisto».

Leggi anche:

'Caso La Palma', la procuratrice va in Germania

Giallo di Muralto, il 30enne è in esecuzione anticipata della pena

‘Alla Palma fu assassinio’. L’accusa chiede 19 anni e mezzo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved