alla-palma-fu-assassinio-l-accusa-chiede-19-anni-e-mezzo
Ti-Press
La procuratrice Petra Canonica Alexakis
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
4 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
4 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
5 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
5 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
5 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
5 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
5 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
5 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
6 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
6 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
6 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
6 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
6 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
6 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
21.09.2021 - 16:42
Aggiornamento : 17:02

‘Alla Palma fu assassinio’. L’accusa chiede 19 anni e mezzo

Giallo di Muralto, la richiesta di pena per il 32enne imputato giunge dalla procuratrice Canonica Alexakis dopo oltre 5 ore di requisitoria

«Qualcuno, in corso d’inchiesta, dell’imputato ha detto che quando avverte un pericolo scappa dalla realtà, dalle proprie responsabilità, inventando bugie ininterrottamente». Fra queste, «c’è quella del gioco erotico finito male. Qui parliamo di un atto di violenza estrema, che sfocia in omicidio. Un gioco è a parità di condizioni. Quella notte non ci fu nessun rapporto sessuale. La ragazza è stata assassinata dall’imputato, che durante un litigio ha perso le staffe. Poi ha occultato la carta di debito della compagna e inscenato un rapporto sessuale, simulando infine l’allarme». Lo ha detto la procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis prima di chiedere, per il 32enne a processo per l’omicidio della 22enne inglese avvenuto all’albergo “La Palma” di Muralto, il 9 aprile 2019, una condanna a 19 anni e 6 mesi di detenzione per il reato principale di assassinio e per le altre imputazioni minori inserite nell’atto di accusa.

«Chi mente ripetutamente deve assumersene la responsabilità – ha affermato la magistrata – così come del venir meno della propria credibilità. L’imputato ha fatto capo a selettivi vuoti di memoria, le sue affermazioni non hanno riscontri oggettivi. Sono le parole di un bugiardo. Nel principio “in dubio pro reo” il dubbio non può derivare unicamente da quelle parole, a maggior ragione se abbiamo a che fare con un mentitore sistematico».

L’inchiesta è stata lunga (19 mesi), faticosa e non semplice, ha ricordato la procuratrice; questo, «anche a causa dell’atteggiamento fastidioso e banalizzante dell’imputato, reticente, soggetto a importanti vuoti di memoria ma autentico fiume in piena quando si trattava di esaltare il proprio io. Non ha mai mostrato alcun rimorso, nessun momento di abbattimento». Un assassinio, dunque, in cui «l’occultamento della carta di credito emerso per caso 4 mesi dopo i fatti conferma che l’aspetto economico ha giocato un ruolo fondamentale nell’intera vicenda».

Quanto agli accertamenti sui corpi della vittima e dell’imputato, la procuratrice ha ricordato che «su di lui sono state ravvisate svariate lesioni superficiali sul corpo, più alcuni tagli alla mano sinistra. Si tratta di lesioni compatibili con graffiature e unghiature inferte dalla ragazza durante la colluttazione per liberarsi dalla stretta al collo». La ragazza presentava invece «lesioni alla bocca e dietro la mandibola, escoriazioni dietro l’orecchio, altre lesioni ecchimotiche ed escoriazioni sul collo, così come alla clavicola, più altri segni in zona addominale e alle gambe e un importante edema polmonare». Ne emerge che «la bocca è stata chiusa con una mano quando la ragazza era ancora in vita. Non voleva farla urlare, il che spiega perché i vicini di camera non hanno sentito nessuna richiesta di aiuto. La pressione a livello del collo è stata tale da fratturare la cartilagine cricoidea». Il tragico risultato è stato «un decesso per asfissia meccanica da strangolamento». E non è ancora tutto: l’imputato avrebbe riempito per metà di acqua calda la vasca da bagno per immergervi il corpo della ragazza senza vita allo scopo di mantenerne alta la temperatura e ritardare l’ora apparente del decesso. «Non è stato trovato del Dna solo perché nell’acqua si disperde facilmente. Ma le impronte dell’accusato sono state trovate sul vetro divisorio della vasca. Cosa ci facevano lì? Lui stesso ha asserito di non aver mai fatto la doccia in quel bagno dopo il trasferimento di camera, chiesto e ottenuto per avere una vista sul lago piuttosto che verso la montagna».

Canonica Alexakis ha poi liquidato la relazione tecnica presentata dalla difesa parlando di «inesattezze ed errori», di un lavoro «fuorviante e inaffidabile, di fatto inutilizzabile ai fini del processo».

Sull’orario della morte (elemento mai chiarito viste le manchevolezze ravvisate anche dal giudice a livello medico-legale), «sappiamo che l’imputato è rimasto in camera con il cadavere almeno mezz’ora, ma forse anche per 2, 3 ore o persino di più. Perché ha atteso così tanto per chiamare i soccorsi? E come ha occupato il tempo? La risposta è che ha pensato a cosa fare, a cosa dire, a come cavarsela, come fuggire da quell’enorme problema. Non poteva scappare, se non metaforicamente sulla via della menzogna. Così ha ideato una messinscena, sfruttando il fatto che la ragazza era oggettivamente disinibita e poteva essere messa in relazione con pratiche erotiche estreme».

Chi era l’accusato quel 9 aprile di due anni fa?, si è chiesta infine la procuratrice. «Era un uomo senza una casa, senza un soldo e senza un lavoro, che fingeva di essere ricco e che stava per essere scoperto. In realtà, era uno spiantato: il suo attivo bancario ammontava complessivamente a poco più di 200 franchi. Lei voleva lasciarlo, privandolo di ogni mezzo economico».

Contrariamente a quanto previsto in un primo momento, gli avvocati difensori Yasar Ravi e Luisa Polli parleranno soltanto a partire da domani mattina. La sentenza della Corte presieduta dal giudice Mauro Ermani e completata dai giudici a latere Monica Sartori-Lombardi e Luca Zorzi è attesa entro la fine della prossima settimana.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assise criminali locarno la palma muralto omicidio petra canonica alexakis processo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved