ANA Ducks
1
MIN Wild
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-1)
funivia-verdasio-rasa-l-architetto-si-chiama-fuori
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
1 ora

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
11 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
12 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
12 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
12 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
12 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
12 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
12 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
12 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Locarnese
 
13.09.2021 - 22:510

Funivia Verdasio-Rasa, l’architetto si chiama fuori

Divergenze di vedute con ingegneri e committente l’hanno portato ad abbandonare l’incarico. Con l’opposizione della Stan lui, quindi, non c’entra

Opposizione Stan contro la passerella d’accesso alla Funivia Verdasio-Rasa, l’architetto Francesco Buzzi, dell’omonimo studio, prende le distanze. Lo fa portando delle dovute precisazioni a quanto apparso in queste pagine lo scorso 9 settembre. Soprattutto per quanto riguarda la paternità dell’elaborato (il progetto “Umbrela”) oggetto del contendere, “lo Studio Buzzi intende puntualizzare che non si tratta del progetto “Umbrela” come riportato, bensì di un progetto d’ingegneria voluto e determinato dal Comune delle Centovalli, in cui prevalgono unicamente aspetti di funzionalità senza che fossero integrati in un progetto d’architettura”. Per vederci un po’ più chiaro in questa vicenda, è necessario fare un salto indietro nel tempo.
Nell’aprile del 2020, lo studio Buzzi si aggiudica con il progetto “Umbrela" il concorso d’architettura a invito indetto dal Comune Centovalli per le nuove stazioni funivia a Verdasio e Rasa. A Verdasio l’architetto prevede un volume di basso impatto paesaggistico, situato a monte della ferrovia e a diretto contatto con la strada.Lo studio approvato per le sovvenzioni cantonali prima del concorso, prevedeva unicamente la ristrutturazione delle stazioni esistenti. Il budget per nuove costruzioni era pertanto esiguo e l’onorario per le prestazioni di architetto e ingegnere civile, sottostimato. Alla partenza del progetto nel giugno del 2020, l’ingegnere assunto dal Comune come coordinatore informa che la posizione della stazione a monte della ferrovia presuppone un tunnel di protezione per i binari sottostanti. Il Comune lo ritiene troppo oneroso e richiede allo studio Buzzi di studiare progetti alternativi a quello premiato dal bando”.

Lo spostamento della stazione di partenza

Alla fine di agosto 2020 – rileva Buzzi – contrariamente al parere dell’architetto, l’ente pubblico decide di situare la stazione a valle, 10 metri sopra ai binari, collegandola alla strada con una passerella carrozzabile, da completare in un secondo tempo con un ascensore d’accesso ai treni. Il committente dichiara a verbale che, trattandosi primariamente di un progetto d’ingegneria, dell’architettura si terrà conto solo nella misura del possibile. All’ingegnere civile competerebbe il primato di determinare forma e geometria non solo della struttura portante ma dell’intero progetto, fuorché la piccola parte di edificio dove si trovano cassa e sala comandi. Motivi di risparmio economico, statica e logistica di cantiere determinano quindi la forma e il materiale di stazione e passerella: dal cemento armato previsto si passa all’acciaio.

Divergenze di vedute alla base del ritiro

“Divergenze di vedute con i due ingegneri e il committente precludono la possibilità d’integrare esigenze architettoniche e paesaggistiche nel progetto. All’inizio di gennaio 2021, di comune accordo, lo studio Buzzi si ritira e l’incarico viene affidato integralmente all’ingegnere civile. In febbraio viene consegnata la domanda di costruzione, con piani che arrecano ancora il nome dello studio Buzzi, senza che ne fosse informato, li avesse approvati o autorizzati”.
“Il ricorso della STAN conferma che la delicata situazione di Verdasio esige un progetto d’architettura come richiesto dal concorso vinto dallo studio Buzzi. Contrariamente a quanto avrebbe dovuto accadere secondo la decisione di aggiudicazione, l’architetto non ha potuto influenzare il progetto né portarlo avanti correttamente: dell’Umbrela non è rimasta neanche l’ombra”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved