ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
19 min

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
47 min

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
49 min

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
1 ora

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
2 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
4 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
22 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
22 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
laR
 
13.09.2021 - 22:10

Tennis Gordola, con la promozione è servita la polemica

Mentre l’interclub torna in Lega nazionale C, il comitato si lamenta per la mancata copertura dei campi. Ma dal Municipio: “Nessun ritardo, lo sanno tutti”

tennis-gordola-con-la-promozione-e-servita-la-polemica
I campi di tennis di Gordola

Nella Gordola del tennis è difficile separare i successi sportivi dai progetti infrastrutturali che guardano al futuro. Infatti, se da una parte, in una nota, il comitato del sodalizio sottolinea il ritorno della sua squadra interclub in Serie nazionale, dall’altra parte una stoccata al Municipio, ritenuto responsabile dei ritardi per la copertura dei campi.

L’exploit dell’ascesa

La precedenza va alla promozione in Lega nazionale C dell’interclub (e sarà, la prossima, la ventinovesima stagione nella categoria). La bella cavalcata dei ragazzi capitanati da Simone Scettrini si è conclusa con la vittoria sui campi del Grasshopper con il netto e incontrovertibile risultato di 5-1. I neo-promossi, unitamente a Scettrini, sono Nicola Gambetta, Igor Liberti, Boris Croce, Gabriele Crugnola, Enea Nigra, Dylan Jelmoni, Christian Guerra e Andrea Rossetti. La serie C è stata nuovamente raggiunta dopo due anni di militanza in Prima divisione. Nell’ultimo decennio il Gordola aveva giocato per due anni anche in Lega nazionale B.

“Chiaramente per la nostra piccola realtà di società sportiva questi sono traguardi importanti, convincenti e dimostrano ancora una volta la grande vitalità e il valore del collaudato settore giovanile del tennis Gordola – scrive il comitato del sodalizio –, dove anche quest’anno le squadre juniori, nel loro torneo Interclub, si sono distinte raccogliendo lusinghieri risultati e anche un titolo ticinese negli U18 B”. Il tutto “rientra in un lavoro di formazione e socializzazione di bambini e ragazzi che si addentrano nel mondo del tennis”.

‘E le moderne strutture?’

Per altro – e qui arrivano le note meno rosee – “per poter mantenere o migliorare ancora i già ottimi risultati, serve avere a disposizione delle valide e moderne strutture in cui svolgere l’attività”. Il riferimento è al progetto di copertura dei campi da tennis denominato “untettoperladoris” poiché, come noto, dedicato alla grande Doris De Agostini-Rossetti. “Si tratta – sottolinea il comitato – di un progetto di vitale importanza per noi, ma purtroppo fermo da diversi, troppi, mesi nei cassetti del palazzo comunale”.

Il perché la “Regione” lo ha chiesto al Municipio, e in particolare al capodicastero Sport Giorgio Carrara, il quale gira il tema al collega Roberto Balemi, responsabile della Pianificazione. «Questa sorta di polemica mi stupisce non poco – dice Balemi – perché la questione della copertura dei campi è chiara a tutti, comitato del Tennis club in primis. La spiegazione dei presunti ritardi, che per altro non sono tali, è semplice: si doveva attendere la crescita in giudicato della variante di poco conto inerente all’edificazione della tripla palestra cantonale per le Medie, e soltanto dopo sarebbe stato possibile procedere con l’iter per la copertura dei campi. Il tema era stato affrontato con il Dipartimento, e i dettagli messi a conoscenza di tutti. Da parte del Municipio non c’è quindi stato alcun ritardo, ma unicamente la necessità di procedere per passi. Ora che la variante è finalmente cresciuta in giudicato, si può guardare al futuro, e nel caso specifico alla necessaria copertura dei campi, con occhi diversi».

‘C’è il pieno sostegno
da parte del Municipio’

Da operatore turistico (è ristoratore) Balemi aggiunge di «sapere perfettamente il valore di infrastrutture adeguate sul territorio. Il turismo di oggi, in cui, pandemia a parte, si vola con pochi franchi, richiede attrattive che senz’altro presuppongono investimenti importanti, ma che è necessario fare. Non mi dilungo a ricordare i casi del Centro balneare regionale, oppure della Cardada impianti turistici, che senz’altro pesano dal punto di vista economico, ma che sono imprescindibili per arricchiare una destinazione come la nostra».

In questo discorso, prosegue Balemi, «rientrano naturalmente le infrastrutture sportive, anche quelle locali come la copertura dei campi da tennis a Gordola. Il Municipio è il primo a sostenere un’operazione come questa, che in più è valorizzata dal progetto “untettoperladoris”. E ci mancherebbe altro, aggiungo io. Sorprende soltanto che per qualche strano motivo qualcuno arrivi ora a metterlo in discussione».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved