santa-chiara-i-dipendenti-reclamano-responsabilita-e-chiarezza
All'incontro ha partecipato una cinquantina di dipendenti su circa 260 (foto archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
17 min

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
18 min

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
27 min

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
34 min

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
47 min

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
52 min

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
1 ora

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
1 ora

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
1 ora

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
1 ora

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
1 ora

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
Locarnese
1 ora

Premio Fondazione Verzasca, ecco i primi vincitori

Il riconoscimento è stato istituito per valorizzare la ricerca e la cultura della valle e della cultura subalpina
Locarnese
2 ore

Locarno, ‘vergognoso non proibire il fumo nei parchi giochi’

L’Associazione svizzera non fumatori prende posizione sulla decisione del Consiglio comunale che non approva la mozione ‘verde’. Annunciato il referendum
05.07.2021 - 19:30

Santa Chiara, i dipendenti reclamano 'responsabilità e chiarezza'

Si è tenuta oggi l'assemblea straordinaria: a preoccupare sono la mancanza di trasparenza nelle informazioni e non sapere che cosa aspettarsi dal futuro

«Siamo preoccupati, insicuri; ci sentiamo presi in giro e sotto pressione. La sensazione è quella di non contare nulla», confida un'operatrice sanitaria. «Le informazioni ci arrivano dai media; siamo venuti a conoscenza dei fatti per vie traverse», dice qualcun altro. L'umore è basso e la tensione traspare fra i dipendenti della Clinica Santa Chiara di Locarno, che oggi pomeriggio si sono riuniti in assemblea straordinaria, convocata con i sindacati Vpod e Ocst e a cui anche gli organi d'informazione hanno potuto prendere parte.

Chiarezza e trasparenza sono le parole chiave emerse dalla discussione ed è ciò che i dipendenti chiedono ai vertici, perché non sanno cosa stia succedendo e si sentono in balia degli eventi. Una situazione incerta e per nulla rincuorante, spiegano, e dove non c'è sicurezza si crea un ambiente di lavoro affatto sano, che altro non può che generare malcontento. Tutti concordano nel dire che per lavorare bene ci vogliono trasparenza sul futuro, riferimenti sicuri (la direzione pare essere fantomatica dopo le dimissioni della direttrice Daniela Soldati) e serenità. Fra i rischi dell'attuale condizione è il fuggi fuggi dei dipendenti; di chi di fatto manda avanti l'attività. Per non parlare del calo dei pazienti degli ultimi tempi, di cui si è riferito durante l'incontro; inevitabile conseguenza di una querelle fra i vertici che si sta riflettendo sull'immagine dell'istituto di cura.

Difendere posti di lavoro, condizioni e salari

Nel giardino della dependance ci sono quattro sindacalisti, una manciata di giornalisti e, soprattutto, una cinquantina di dipendenti. Non molti, tenendo presente che l'organico conta circa 260 operatori; ma le assenze possono avere varie e valide spiegazioni. L'incontro era stato convocato la scorsa settimana in ragione del temuto blocco degli stipendi di giugno, ma pure per discutere collettivamente della situazione di pesante incertezza determina, in questi ultimi due mesi, dal cambio di proprietà e gestione.

Ora, seppur caduta la ragione primaria dell'assemblea (i soldi sono stati accreditati la scorsa settimana), dipendenti e sindacalisti si sono incontrati ugualmente. L'intento era trovare un modo per difendere le condizioni di lavoro nella fase transitoria e per il futuro, come recitava il volantino di chiamata a raccolta. Questo affinché il passaggi di proprietà non venga pagato dai dipendenti.

Essenziale riportare serenità fra le corsie

«La situazione non ci lascia soddisfatti, anche se sono stati pagati i salari – commenta il sindacalista Vpod Stefano Testa –. Non si gioca con la vita di lavoratrici e lavoratori». Dipendenti e sindacati chiedono quindi alle due parti in causa responsabilità. Dall'assemblea si sono levati alcuni interrogativi, principalmente a preoccupare è il futuro. Il nocciolo della questione è proprio questo, nessuno sembra sapere quali siano le prospettive, perché è tutto ancora in divenire. «La difficoltà è data dalle informazioni frammentarie, spesso in contrapposizione fra loro», spiega il sindacalista. E aggiunge: «Per riuscire a proseguire nella faccenda in questo momento, l'unico modo per noi è ridurre tutto ai minimi termini. Cioè, non transigere su versamento dei salari, cambiamenti di contratto eccetera, senza tener fede ai tempi di discussione». Adesso è essenziale, prosegue il nostro interlocutore, riportare una certa serenità fra le corsie e placare la preoccupazione. «Ogni situazione che mette il personale sotto pressione genera stress, che diventa potenzialmente pericoloso nel settore sanitario», afferma.

Un punto rimane quindi fermo per i sindacati: indipendentemente da chi dirigerà la struttura c'è l'obbligo di garantire e salvaguardare posti di lavoro e condizioni, mantenendo il contratto collettivo di lavoro specifico per la Santa Chiara e, naturalmente, ricevere paga. «Il concetto base del sindacalista, al di là della retorica, è 'si lavora per essere pagati. Se non si viene pagati, non si lavora'», aggiunge Testa, che sottolinea che l'obiettivo non è il conflitto, ma che si sarà pronti a rispondere qualora fosse necessario.

Il blocco degli stipendi, si ricorderà, era determinato da cavilli giudiziari inerenti al passaggio di proprietà dell'istituto di cura locarnese alla Moncucco di Lugano. Lo aveva deciso la banca della struttura sanitaria, in attesa della firma sia degli azionisti di minoranza, sia di quelli di maggioranza. Tuttavia, la firma di questi ultimi non è ancora valida, non essendo ancora ufficialmente iscritti a Registro di commercio. La vertenza è stata sbloccata perché la Pretura di Locarno ha temporaneamente ha validato le due firme della Moncucco.

Leggi anche:

Santa Chiara Locarno, dialogo in... rianimazione

Santa Chiara Locarno, sbloccati i salari

Santa Chiara, stipendi bloccati e Vpod sul chi vive

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assemblea straordinaria chiarezza dipendenti responsabilità santa chiara
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved