SHAPOVALOV D. (CAN)
0
NADAL R. (ESP)
2
3 set
(3-6 : 4-6 : 2-1)
COL Avalanche
2
CHI Blackhawks
0
fine
(0-0 : 1-0 : 1-0)
CAL Flames
7
STL Blues
1
fine
(3-1 : 4-0 : 0-0)
telefonia-torna-al-mittente-la-licenza-che-fa-acqua
Ti-Press
Fanno sempre un po' paura
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Attraverso i boschi di Stabio, in cerca della salvezza

Bruna Cases è fuggita da Milano con la famiglia per scappare ai rastrellamenti. Il diario dove racconta il passaggio da Montalbano è stato pubblicato
Luganese
8 ore

Pestaggio di Cadempino, slitta ancora il processo

Si sarebbe dovuto aprire domani alle 9.30. Il motivo è il medesimo del primo rinvio: uno dei sei imputati è risultato positivo al Covid.
Luganese
10 ore

Lugano, ‘i giovani vengono ascoltati’

Il Municipio assicura il loro coinvolgimento, mantiene attivi i canali di comunicazione e annuncia la possibile riattivazione del Parlamento
Mendrisiotto
10 ore

Mendrisio riapre lo Sportello energia

In presenza o a distanza per saperne di più su vettori e impianti efficienti e sul mercato
Bellinzonese
10 ore

‘Pensare in grande altrimenti la Bassa Leventina resterà debole’

Il sindaco di Pollegio Igor Righini ribadisce la contrarietà alla fusione. ‘Per contare davvero qualcosa serve un Comune unico delle Tre Valli’
Luganese
11 ore

Campione d’Italia, il casinò apre ai residenti

Venerdì pomeriggio alle 16 i residenti del Comune e i cittadini Aire potranno accedere alla casa da gioco che riaprirà mercoledì
Ticino
11 ore

‘BancaStato abbandoni gli investimenti nelle energie fossili’

Lo chiede il collettivo Campo Climatico che questa sera ha tenuto una breve manifestazione a Bellinzona davanti a Palazzo delle Orsoline
Luganese
11 ore

Aggregazione Malcantone est, Cademario in sala d’attesa

Si è risolto in un nulla di fatto l’incontro con il Dipartimento delle istituzioni: la palla torna ai Comuni di Aranno, Bioggio, Neggio e Vernate
Mendrisiotto
12 ore

Cataloghi civici di Mendrisio, ricorso al Consiglio di Stato

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani chiede di modificarli perché sono stati pubblicati incompleti
Bellinzonese
12 ore

Airolo-Lüina, un pomeriggio sugli sci rivolto ai più piccoli

TiSki e la Scuola Svizzera di Sci di Airolo-S. Gottardo hanno confermato per il 2 febbraio il Raiffeisen Kids Ski Day, nonostante lo scarso innevamento
Mendrisiotto
12 ore

Mendrisio, sedute commissionali anche a distanza

Il Municipio si dice favorevole. Ma prima di modificare il Regolamento comunale, si attenderanno le indicazioni cantonali
Locarnese
12 ore

Gordola, intervento alla rete causerà interruzione di corrente

Interruzione dell’erogazione energetica mercoledì 26 gennaio, dalle 8 alle 11.15 e dalle 13.15 alle 15
Ticino
12 ore

Cdm ad hoc: eletti Torricelli, Crivelli e Pezzati

Il parlamento ha designato tre dei quattro membri non togati del Consiglio della magistratura straordinario, dopo la ricusazione di quello in carica
Locarnese
12 ore

Brissago premierà i suoi giovani sportivi e artisti

Decisa l’assegnazione, annua, di un riconoscimento ai domiciliati e alle società che si distingueranno nella pratica di attività in questi ambiti
Locarnese
12 ore

Locarno diversifica le tasse per i proprietari di cani

I 100 franchi annui finora richiesti per tutte le razze rimangono solo per quelle soggette a restrizione. Sconti per tutti gli altri
Mendrisiotto
12 ore

Monte Generoso, quando si saprà l’ente gestore del parco?

Il deputato Matteo Quadranti chiede spiegazioni al Consiglio di Stato sulla tempistica di presentazione del messaggio atteso dal 2018
Locarnese
12 ore

Cugnasco-Gerra, lavori stradali e possibili disagi

Domattina, martedì 25 gennaio, il traffico veicolare potrebbe essere perturbato a causa di lavori
 
07.07.2021 - 19:000
Aggiornamento : 19:16

Telefonia, torna al mittente la licenza che fa acqua

Il Consiglio di Stato annulla una decisione del Municipio di Locarno per la posa di nuove antenne, e bacchetta il Dipartimento del territorio

Il Dipartimento del territorio non ha fatto le verifiche necessarie, così la licenza edilizia per la posa di nuove antenne adattative di un impianto esistente nel quartiere Locarno Campagna va annullata. Il malloppo torna dunque alla città, che sempre dal Dipartimento dovrà attendersi un nuovo preavviso, ma questa volta completo e che tenga conto anche del piano del paesaggio. Solo così il Municipio potrà decidere se confermare o meno la concessione della licenza.

Swisscom, Salt e Sunrise

È complicata ma significativa, la sentenza del Consiglio di Stato che dà soddisfazione a un importante stuolo di ricorrenti contro l’aggiornamento tecnico, con posa di nuove antenne, di un impianto di telecomunicazione mobile esistente di Swisscom, Salt e Sunrise. Significativa perché al netto del rispetto della famosa Ordinanza sulle radiazioni non ionizzanti (Orni) le cose o si fanno bene, oppure è meglio lasciar perdere.

La licenza edilizia era stata concessa dal Municipio di Locarno nel febbraio del 2020. L’obiettivo delle nuove antenne era (e rimane) migliorare la copertura della regione circostante, compensare la crescente richiesta di capacità dei clienti; e permettere l’implementazione di nuove tecnologie. Vi si erano opposti in diversi, e fra essi un’agenzia immobiliare e l’Associazione di quartiere Locarno Campagna. Fra i temi sollevati dai ricorrenti – sostenuti dall’avvocato di Locarno Barbara Simona Dauchy – quello secondo cui la domanda di costruzione avrebbe dovuto indicare se la tecnologia prevista era di tipo 5G; e il dubbio che l’Orni violerebbe il diritto federale in ambito d antenne adattative (quindi la domanda di costruzione sarebbe illegale). Veniva inoltre chiesta una moratoria precauzionale.

Nell’aprile del 2020 il Dipartimento del territorio aveva espresso preavviso favorevole e aveva subordinato l’autorizzazione all’esecuzione di una misura di collaudo per controllare la bontà dei calcoli e l’effettivo rispetto dei limiti federali vigenti. Ne era scaturita la licenza edilizia (18 maggio 2020) e il ricorso di una legale in rappresentanza di 30 persone.

Fuori zona edificabile: le regole

Nella sua sentenza, il Consiglio di Stato mette l’accento su un fatto solo apparentemente secondario: quello riguardante il rispetto dei presupposti dettati dall’articolo 24 della Legge federale sulla pianificazione del territorio, laddove indica che fuori zona edificabile possono essere rilasciate autorizza­zioni per la costruzione o il cambiamento di destinazione di edifici o impianti se la loro destinazione esige un’ubicazione alternativa, appunto fuori della zona edificabile; e se non vi si oppongano interessi preponderanti. Ebbene, la Sezione della pianificazione territoriale, secondo il Servizio ricorsi del Consiglio di Stato, “non ha esperito alcuna concreta verifica sul rispetto dei presupposti dettati dall’articolo 24 della Legge sulla pianificazione del territorio”. E “non ha neppure acquisito agli atti le informazioni necessarie per poter effettuare correttamente” le verifiche di cui sopra. Quindi “in mancanza di qualsiasi informazione sulle reti di telefonia mobile esistenti, sull’ubicazione degli altri impianti che le compongono e sulla copertura che assicurano, rispettivamente ad ancora su eventuali ulteriori possibili ubicazione, non è dato di vedere come il Consiglio di Stato possa pronunciarsi con la necessaria cognizione di causa sulla giustificazione tecnica del potenziamento”.

Nessuna valutazione è stata fatta dal Dipartimento neppure nell’ambito della ponderazione globale degli interessi contrapposti, un ambito in cui “vanno considerati anche gli aspetti paesaggistici e le esigenze di protezione della foce della Maggia, riserva naturale e zona golenale di importanza nazionale”.

Fra gli altri canonici temi sollevati da chi si oppone alle antenne veniva poi evocato quello secondo cui non è mai menzionato se si tratti di tecnologia 5G. La domanda di costruzione a Locarno Campagna, sentenzia il CdS, “non doveva obbligatoriamente menzionare il tipo di tecnologia previsto poiché l’Orni è neutrale dal punto di vista tecnologico per la telefonia mobile e si applica indipendentemente dal fatto che la tecnologia mobile sia di tipo 2G, 3G, 4G o 5G”. Inoltre, “non è possibile ritenere che le antenne adattative siano illegali, considerato come le stesse siano state finora trattate in maniera più severa rispetto alle antenne convenzionali”.

«Nell’ambito del rinvio degli atti all’Autorità di prime cure, il Consiglio di Stato ha comunque invitato il Dipartimento del territorio a valutare se le misurazioni figuranti sui dati sul sito debbano essere aggiornate, seguendo il Complemento del 23 febbraio 2021 alle raccomandazioni sull’esecuzione dell’ordinanza sull’Orni per le stazioni di base di telefonia mobile e Wll, Ufafp 2002», considera Barbara Simona Dauchy, che continua: «Le raccomandazioni dell’aiuto all’esecuzione citate introducono un fattore di correzione per le antenne adattative, che potranno essere utilizzate in modo diverso da quello attuale. Si riapriranno pertanto nuovamente le discussioni sui potenziali effetti sulla salute di dette antenne e sulla loro legalità. Si sono già infatti levate voci molto critiche sull’utilizzo del ”fattore di correzione”, che costituirebbe uno stratagemma per ovviare agli attuali limiti in Svizzera in materia di radiazioni non ionizzanti, in violazione del principio di precauzione».

‘Potenziali danni anche a livello biologico’

Il dibattito, conclude Simona Dauchy, «si acutizza proprio in un momento in cui il Gruppo consultivo di esperti della Confederazione in materia di radiazioni non ionizzanti (Berenis), ha rilevato effetti e potenziali danni, anche a livello biologico, dei campi elettromagnetici, anche a dosi deboli, su persone vulnerabili, perché molto giovani, o anche più anziane con deficienze immunitarie o malattie (diabete, malattie neurodegenerative), a causa dello stress ossidativo accresciuto».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved