ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
13 min

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il Partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
39 min

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
49 min

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
50 min

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Locarnese
50 min

Muralto, dal ‘Vangelo secondo Harry Potter’

Al Centro Evangelico una tavola rotonda propone una lettura delle tematiche spirituali presenti nel ciclo del noto personaggio
Mendrisiotto
51 min

Cinque Comuni del Mendrisiotto pensano al tutor di comunità

Avviata la formazione di una nuova figura di operatore sociale da parte di Morbio Inferiore, Vacallo, Breggia, Castel San Pietro e Balerna
Locarnese
55 min

Energie rinnovabili, ‘il Municipio che intenzioni ha?’

Interpellanza del Gruppo Plr e Verdi liberali di Gordola sulla possibilità di sfruttare incentivi federali per fotovoltaico e mobilità elettrica
Mendrisiotto
59 min

Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità

Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Grigioni
1 ora

Porte aperte all’alambicco regionale del Moesano

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 15 vicino al magazzino comunale ed ecopiazza a Roveredo
Bellinzonese
1 ora

Visita in cioccolateria con l’Atte Leventina

Mercoledì 12 ottobre è in programma una visita alla Chocolat Stella di Giubiasco
Luganese
1 ora

Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare

Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Locarnese
1 ora

Cevio, dal brunch in fattoria allo Svuotacantine

Un successo la giornata didattica e benefica in fattoria; la raccolta fondi prosegue domenica con il mercatino sul piazzale della Manor di Ascona
Locarnese
1 ora

Un impegno (milionario) per l’amore della Terra di San Carlo

Concluso in Valle Bavona il progetto settennale di rivalorizzazione storica, paesaggistica e agricola promosso dal Patriziato di Bignasco
Locarnese
1 ora

Festeggiamenti per i 30 anni della Corale Verzaschese

Ricco programma di proposte per sottolineare la ricorrenza nei prossimi mesi
Luganese
1 ora

PatriziAmo, manifestazione al via (in presenza) a Lugano

Quindici Patriziati di Lugano da venerdì nel patio del Municipio per farsi conoscere e per offrire i propri prodotti locali
Bellinzonese
1 ora

Giovani a confronto su servizio pubblico e privatizzazioni

È ancora possibile iscriversi alla giornata di lavoro che si terrà sabato 8 ottobre dalle 9 alle 16.30 alla Scuola cantonale di commercio di Bellinzona
Grigioni
2 ore

Nell’Alto Moesano due giovani lupi potranno essere abbattuti

L’Ufficio federale dell’ambiente ha concesso oggi l’autorizzazione per regolare il branco di Moesola, presente a sud del Passo del San Bernardino
laR
 
07.07.2021 - 19:00
Aggiornamento: 19:16

Telefonia, torna al mittente la licenza che fa acqua

Il Consiglio di Stato annulla una decisione del Municipio di Locarno per la posa di nuove antenne, e bacchetta il Dipartimento del territorio

telefonia-torna-al-mittente-la-licenza-che-fa-acqua
Ti-Press
Fanno sempre un po' paura

Il Dipartimento del territorio non ha fatto le verifiche necessarie, così la licenza edilizia per la posa di nuove antenne adattative di un impianto esistente nel quartiere Locarno Campagna va annullata. Il malloppo torna dunque alla città, che sempre dal Dipartimento dovrà attendersi un nuovo preavviso, ma questa volta completo e che tenga conto anche del piano del paesaggio. Solo così il Municipio potrà decidere se confermare o meno la concessione della licenza.

Swisscom, Salt e Sunrise

È complicata ma significativa, la sentenza del Consiglio di Stato che dà soddisfazione a un importante stuolo di ricorrenti contro l’aggiornamento tecnico, con posa di nuove antenne, di un impianto di telecomunicazione mobile esistente di Swisscom, Salt e Sunrise. Significativa perché al netto del rispetto della famosa Ordinanza sulle radiazioni non ionizzanti (Orni) le cose o si fanno bene, oppure è meglio lasciar perdere.

La licenza edilizia era stata concessa dal Municipio di Locarno nel febbraio del 2020. L’obiettivo delle nuove antenne era (e rimane) migliorare la copertura della regione circostante, compensare la crescente richiesta di capacità dei clienti; e permettere l’implementazione di nuove tecnologie. Vi si erano opposti in diversi, e fra essi un’agenzia immobiliare e l’Associazione di quartiere Locarno Campagna. Fra i temi sollevati dai ricorrenti – sostenuti dall’avvocato di Locarno Barbara Simona Dauchy – quello secondo cui la domanda di costruzione avrebbe dovuto indicare se la tecnologia prevista era di tipo 5G; e il dubbio che l’Orni violerebbe il diritto federale in ambito d antenne adattative (quindi la domanda di costruzione sarebbe illegale). Veniva inoltre chiesta una moratoria precauzionale.

Nell’aprile del 2020 il Dipartimento del territorio aveva espresso preavviso favorevole e aveva subordinato l’autorizzazione all’esecuzione di una misura di collaudo per controllare la bontà dei calcoli e l’effettivo rispetto dei limiti federali vigenti. Ne era scaturita la licenza edilizia (18 maggio 2020) e il ricorso di una legale in rappresentanza di 30 persone.

Fuori zona edificabile: le regole

Nella sua sentenza, il Consiglio di Stato mette l’accento su un fatto solo apparentemente secondario: quello riguardante il rispetto dei presupposti dettati dall’articolo 24 della Legge federale sulla pianificazione del territorio, laddove indica che fuori zona edificabile possono essere rilasciate autorizza­zioni per la costruzione o il cambiamento di destinazione di edifici o impianti se la loro destinazione esige un’ubicazione alternativa, appunto fuori della zona edificabile; e se non vi si oppongano interessi preponderanti. Ebbene, la Sezione della pianificazione territoriale, secondo il Servizio ricorsi del Consiglio di Stato, “non ha esperito alcuna concreta verifica sul rispetto dei presupposti dettati dall’articolo 24 della Legge sulla pianificazione del territorio”. E “non ha neppure acquisito agli atti le informazioni necessarie per poter effettuare correttamente” le verifiche di cui sopra. Quindi “in mancanza di qualsiasi informazione sulle reti di telefonia mobile esistenti, sull’ubicazione degli altri impianti che le compongono e sulla copertura che assicurano, rispettivamente ad ancora su eventuali ulteriori possibili ubicazione, non è dato di vedere come il Consiglio di Stato possa pronunciarsi con la necessaria cognizione di causa sulla giustificazione tecnica del potenziamento”.

Nessuna valutazione è stata fatta dal Dipartimento neppure nell’ambito della ponderazione globale degli interessi contrapposti, un ambito in cui “vanno considerati anche gli aspetti paesaggistici e le esigenze di protezione della foce della Maggia, riserva naturale e zona golenale di importanza nazionale”.

Fra gli altri canonici temi sollevati da chi si oppone alle antenne veniva poi evocato quello secondo cui non è mai menzionato se si tratti di tecnologia 5G. La domanda di costruzione a Locarno Campagna, sentenzia il CdS, “non doveva obbligatoriamente menzionare il tipo di tecnologia previsto poiché l’Orni è neutrale dal punto di vista tecnologico per la telefonia mobile e si applica indipendentemente dal fatto che la tecnologia mobile sia di tipo 2G, 3G, 4G o 5G”. Inoltre, “non è possibile ritenere che le antenne adattative siano illegali, considerato come le stesse siano state finora trattate in maniera più severa rispetto alle antenne convenzionali”.

«Nell’ambito del rinvio degli atti all’Autorità di prime cure, il Consiglio di Stato ha comunque invitato il Dipartimento del territorio a valutare se le misurazioni figuranti sui dati sul sito debbano essere aggiornate, seguendo il Complemento del 23 febbraio 2021 alle raccomandazioni sull’esecuzione dell’ordinanza sull’Orni per le stazioni di base di telefonia mobile e Wll, Ufafp 2002», considera Barbara Simona Dauchy, che continua: «Le raccomandazioni dell’aiuto all’esecuzione citate introducono un fattore di correzione per le antenne adattative, che potranno essere utilizzate in modo diverso da quello attuale. Si riapriranno pertanto nuovamente le discussioni sui potenziali effetti sulla salute di dette antenne e sulla loro legalità. Si sono già infatti levate voci molto critiche sull’utilizzo del ”fattore di correzione”, che costituirebbe uno stratagemma per ovviare agli attuali limiti in Svizzera in materia di radiazioni non ionizzanti, in violazione del principio di precauzione».

‘Potenziali danni anche a livello biologico’

Il dibattito, conclude Simona Dauchy, «si acutizza proprio in un momento in cui il Gruppo consultivo di esperti della Confederazione in materia di radiazioni non ionizzanti (Berenis), ha rilevato effetti e potenziali danni, anche a livello biologico, dei campi elettromagnetici, anche a dosi deboli, su persone vulnerabili, perché molto giovani, o anche più anziane con deficienze immunitarie o malattie (diabete, malattie neurodegenerative), a causa dello stress ossidativo accresciuto».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved