locarno-sull-autosilo-aveva-ragione-la-sinistra
Ti-Press
Dal punto di vista contabile, è un bene amministrativo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
47 min

Violento temporale nel Luganese causa smottamenti e allagamenti

I pompieri sono stati sollecitati più volte. Colpito in modo particolare il Malcantone
Ticino
2 ore

Premi cassa malati +10%, Dss: ‘Nel campo delle speculazioni’

La cifra dell’aumento indicata da uno studio di Accenture è ancora solo un’ipotesi, secondo Paolo Bianchi: ‘Indicazioni precise arriveranno prossimamente’
Luganese
3 ore

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

In pericolo di vita il giovane. È accaduto stamane in via Aeroporto. Arrestato l’autore. Gli inquirenti indagano sul movente.
Luganese
5 ore

Alla Biblioteca di Lugano, letteratura e colazione offerta

Domani doppio incontro sul tema del viaggio. Matinée sulla cronaca locale di prossimità
Luganese
5 ore

StraLugano, seconda edizione per il trofeo dedicato a Borradori

La 10 chilometri CityRun in programma il 10 settembre aggiudicherà il titolo speciale in memoria del sindaco scomparso un anno fa
Locarnese
5 ore

Muralto, prosegue la rassegna Jazz al lago

Giovedì 11 agosto alla Palma au Lac si esibisce il ‘Cool guitar trio’; musica dalle 19 alle 22
Bellinzonese
6 ore

PerBacco! è già tempo di Festa della vendemmia a Bellinzona

La manifestazione invaderà il centro storico cittadino dal 1° al 4 settembre
gallery
Bellinzonese
6 ore

L’alpe Arami di Gorduno diventa ‘un patrimonio di tutti’

Inaugurato l’importante lavoro di recupero e ristrutturazione della baita con ristorazione, dotata di dormitorio, e dei pascoli
Mendrisiotto
6 ore

Otr Mendrisiotto forma altri due selvicoltori

L’Organizzazione turistica regionale dà anche il benvenuto alle nuove leve. Ci sarà per la prima volta anche una donna
27.06.2021 - 18:02

Locarno, sull'autosilo aveva ragione la Sinistra

Il governo accoglie il ricorso Mellini-Sirica in merito al mancato ammortamento della struttura di Largo Zorzi nei preventivi 2019

La distinzione fra beni amministrativi e beni patrimoniali “dipende primariamente dallo scopo per il quale sono stati acquistati o che viene loro assegnato: di prevalente interesse pubblico (beni amministrativi) oppure di investimento finanziario (beni patrimoniali)”.

È l'assunto del Consiglio di Stato che permette alla Città di Locarno di meglio capire la differenza fra gli uni e gli altri, ma soprattutto è l'impalcatura su cui si basa la sentenza del governo che bacchetta il Municipio sui preventivi 2019 e dà ragione alla Sinistra.

Il ricorso era stato inoltrato da Pier Mellini e Fabrizio Sirica, che contestavano il mancato ammortamento dell'autosilo comunale di Largo Zorzi, precedentemente trasformato da bene amministrativo in bene patrimoniale. Nella sua sentenza datata 23 giugno il Consiglio di Stato indaga dunque le differenze fra beni amministrativi e beni patrimoniali. L'autosilo di Largo Zorzi, acquistato dalla Città nel gennaio del 2017 per 13,3 milioni, era stato trasformato dal Consiglio comunale in bene patrimoniale “per effettuare un'analisi più vicina alla realtà del patrimonio della Città, snellire la struttura a bilancio, valorizzare meglio e in maniera più consapevole il patrimonio cittadino ed evitare un ammortamento troppo accelerato in particolare di alcune opere importanti recenti, il tutto indipendentemente dall'introduzione del nuovo piano contabile armonizzato”. Il risultato della trasformazione – che riguardava non solo l'autosilo, ma anche altre proprietà – sarebbe stato un mancato ammortamento annuale, ma solo un deprezzamento nel caso in cui il valore di mercato fosse stato inferiore a quello registrato a bilancio. Da qui, un risparmio complessivo sugli oneri di ammortamento calcolato in circa 800mila franchi all'anno. 

Statuendo sul ricorso Mellini-Sirica, il Consiglio di Stato sottolinea che “l'autosilo dev'essere considerato a tutti gli effetti un bene amministrativo, essendo stato inserito a livello pianificatorio nel Piano particolareggiato del centro urbano quale parcheggio pubblico, ma soprattutto poiché finanziato parzialmente (per 3,7 milioni) facendo capo all'accantonamento contributi sostitutivi posteggi”. Il tutto “senza dimenticare la necessità, indicata dallo stesso Municipio, di sopperire, con l'acquisizione, ai bisogni di posteggi pubblici nel comparto cittadino”. Nei conti preventivi 2019, dunque, “il Comune avrebbe dovuto procedere all'ammortamento, inserendo il relativo importo nel centro costo 104 Autosilo Largo Zorzi ‘addebito interno per ammortamenti’”, così come sempre sostenuto dal gruppo socialista.

Se non ha più senso correggere retroattivamente i conti preventivi '19, bisognerà inserire l'ammortamento 2019 nei consuntivi 2021 (oltre che procedere così come indicato anche negli anni successivi).

Non è da escludere un ricorso al Tram

Da una prima sommaria verifica, la decisione del governo potrebbe gravare gli esercizi contabili di una cifra variabile fra i 300 e i 600mila franchi all'anno, a dipendenza del tasso di ammortamento applicato. Stando a Davide Giovannacci, capodicastero Finanze, in tutti i modi non vorrebbe comunque compromessa la forza finanziaria del Comune. Non è escluso per altro che il Municipio, presa visione e valutata la sentenza, possa decidere di ricorrere al Tribunale amministrativo. 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
largo zorzi mancato ammortamento preventivi ricorso mellini-sirica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved