ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
29 min

Anche Tesserete ha la ‘sua’ Oktoberfest

Pronti a varare la prima edizione della manifestazione all’insegna del buon cibo e della buona birra
Luganese
57 min

A Tesserete si torna allo s-cambio

Proposto un Mercatino dove barattare abiti, zaini, giochi e materiale scolastico. Nel segno della lotta allo spreco
Locarnese
1 ora

Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?

Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
3 ore

Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni

Il Dipartimento del Territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
3 ore

Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’

Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori.
Ticino
6 ore

Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’

Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
6 ore

Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn

Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Locarnese
11 ore

Comprarsi mezza Locarno con un lancio di dadi, da oggi si può

Dopo le edizioni dedicate a Lugano e al Ticino, arriva sul mercato anche la versione incentrata sulla Città sul Verbano del gioco da tavolo Monopoly
08.06.2021 - 15:09

Pedemonte, 'troppi ammortamenti, giù il moltiplicatore'

Sul consuntivo 2020 (in attivo) gestione divisa: dito puntato sugli 8,8 milioni spesi dal 2013 a oggi per ridurre le passività di bilancio

pedemonte-troppi-ammortamenti-giu-il-moltiplicatore

Consuntivi 2020 di Terre di Pedemonte, "la storia si ripete". Non è necessario scomodare Karl Marx , filosofo ed economista tedesco, per segnalare che anche stavolta ciò che il consigliere comunale Paolo Monotti (Lega-Udc-Indipendenti) ripropone è già accaduto nel passato e puntualmente ritorna. In vista della prossima seduta di Consiglio comunale, la commissione della gestione è stata chiamata a preavvisare il consuntivo dell'ente. Essa non ha trovato, al suo interno, unità di vedute. Firmatario di un rapporto di minoranza, Monotti si scaglia nuovamente contro la politica degli ammortamenti condotta dal Municipio. In particolare egli osserva come, tra il 2013 e il 2020, siano stati effettuati ammortamenti amministrativi per 8,8 milioni di franchi (incluso il mezzo milione dell'anno in questione). Una politica che egli non lesina a definire "scriteriata" e che "tassa i propri cittadini ben oltre a quello che sarebbe realmente necessario". Nel preavviso negativo l'esponente del gruppo LUI invita a non tirare in ballo "la solita storiella degli investimenti da fare (palestra o passerella) previsti e programmati da tempo, indipendentemente dallo stato finanziario del Comune". Queste scelte dell'Esecutivo, ricorda il firmatario, cesseranno nel 2022 quando anche Terre di Pedemonte dovrà adeguarsi al Modello Contabile Armonizzato 1, con il quale gli ammortamenti straordinari non saranno più permessi. "Unico rammarico - scrive l'interessato - noi lo introdurremo cinque minuti prima di mezzanotte (cioè all'ultimo momento) con la scusa di non averlo potuto implementare prima, ovviamente a causa del covid". Fatte queste considerazioni, Paolo Monotti rimanda al mittente il consuntivo 2020 e attende la riduzione del moltiplicatore d' imposta o ulteriori investimenti.

Comparto monumentale, sicurezza e fluidità innanzitutto

È invece in perfetta sintonia la commissione Piano regolatore, pronunciatasi favorevolmente sul delicato tema del Piano particolareggiato della zona monumentale e della stazione ferroviaria di Verscio. La stessa sottolinea come "i forti condizionamenti legati alla presenza dì due riali e della linea ferroviaria, rendano di fatto irrealizzabili soluzioni urbanistiche più "incisive", che avrebbero permesso di raggiungere obiettivi teoricamente auspicabili (come una diversa organizzazione viaria relativa agli accessi alla campagna e alla zona Barg'aree). I firmatari auspicano pure che la soluzione prospettata per risolvere - dal punto di vista della sicurezza e della fluidità - il "nodo" dell'accesso veicolare e pedonale alla zona della campagna di Verscio, possa essere al più presto concretizzata. Al proposito invitano il Municipio a elaborare una proposta che preveda anche un'adeguata messa in sicurezza del traffico pedonale nella tratta iniziale di via al Mulign (a sud dell'incrocio con via Sot Gèsa), lungo la Carraa du Pròu e nell'area adiacente la stazione".

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved