casa-san-carlo-nomi-di-calibro-per-l-ente-autonomo
Ti-Press
Casa San Carlo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
7 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
7 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
8 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
8 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
8 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
9 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
31.05.2021 - 15:57
Aggiornamento : 18:45

Casa San Carlo, nomi di calibro per l'Ente autonomo

Il Municipio di Locarno chiede al Consiglio comunale di ratificare le nomine di Giuseppe Cotti, Nancy Lunghi, Giorgio Pellanda, Brenno Galli e Claudio Filliger

Giuseppe Cotti (capodicastero Istituto per anziani) e Nancy Lunghi (capodicastero Socialità) in rappresentanza del Municipio. Più Giorgio Pellanda (economista), Brenno Galli (medico) e Claudio Filliger (già direttore dell'Istituto). Sono i profili che il Municipio di Locarno chiede di ratificare al Consiglio comunale per il Consiglio direttivo dell'Ente autonomo Istituto per anziani San Carlo. Il messaggio è pronto, poi spetterà al legislativo ratificarne i contenuti.

“L’Ente autonomo è una sfida importante per il Comune, sia a livello gestionale che strategico – scrive il Municipio –. A livello gestionale la Direzione ed il Consiglio direttivo dovranno assicurare le condizioni per sviluppare ulteriormente il benessere dei residenti, valorizzando le competenze di ogni dipendente dell’Istituto. A livello strategico, la nuova entità può inoltre aprire interessanti prospettive in un’ottica di collaborazione regionale. Il progetto di nuova pianificazione integrata LAnz-LACD è infatti orientato verso un modello di reti integrate di prossimità, un modello nel quale l’Ente potrà e dovrà giocare un ruolo di attore. È quindi fondamentale partire con il piede giusto e dotare l’Ente di una struttura composta da persone che vantino una pluriennale esperienza nella gestione di enti pubblici, para-pubblici e privati del settore, sia in ambito amministrativo sia medico”.

Della parte politica si occuperebbero appunto Cotti (membro di diritto e presidente) e Lunghi. Quest'ultima viene proposta per diversi motivi: l'attinenza fra la casa anziani e il dicastero Socialità; le sue competenze sanitarie (è medico dentista); e anche per garantire una presenza femminile nel consesso. Con la nomina di due municipali il Comune manterrà le proprie responsabilità di controllo, così come a suo tempo indicato dalla Gestione. Quanto agli esperti, Giorgio Pellanda, domiciliato a Locarno, è economista ed è stato direttore generale dell'Eoc. Vanta lunga esperienza manageriale e gestionale, essendo stato vicedirettore delle Ofima, direttore dei Servizi alla Schindler Elettronica Sa, nonché “managing director” prima e Ceo poi del Gruppo ospedaliero Ars Medica. All'interno dell'Eoc, specifica il Municipio, è stato il riferimento dei progetti strategici degli ultimi 10 anni. Di una figura simile “potrebbe sicuramente beneficiare il nuovo Ente autonomo San Carlo, in particolare nella fase iniziale della sua costituzione, dove occorrerà definire le scelte strategiche”.

Brenno Galli è medico geriatra. È stato caposervizio alla Carità e si è specializzato in medicina palliativa, conseguendo un Master a San Gallo. Da oltre 25 anni è direttore medico della Clinica Varini di Orselina ed ha nel frattempo assunto il ruolo di co-responsabile del progetto di introduzione delle cure palliative nelle case per anziani nell'ambito della strategia cantonale di cure palliative dell'Ufficio del medico cantonale. Quanto a Claudio Filliger, ha diretto Casa San Carlo dal 1983 al 1994 e lì ha gestito l'ampliamento dell'Istituto con la creazione del concetto di soggiorno temporaneo e del centro diurno. Anche lui ha speso una buona fetta di carriera alla Varini, che ha diretto per 22 anni, fino al 2018. Da maggio ad agosto di quell'anno è stato consulente esterno del Municipio di Locarno nella fase transitoria del San Carlo. Inoltre, è stato esperto a livello cantonale di varie commissioni formative e consultive e membro della Commissione paritetica della Federazione casse malati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
casa san carlo consiglio direttivo ente autonomo istituto anziani locarno
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved