locarno-un-orto-tra-scuola-e-quartiere-rigoglioso-di-idee
Un luogo in cui convivono le diversità in tutta la loro ricchezza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
15 min

Incidente e disagi sull’A2, all’altezza di Collina d’Oro

Urto fra un’auto e un camioncino poco dopo la galleria. E l’autostrada va in tilt: lunghe code in direzione nord
Ticino
29 min

Lettura, un problema per quasi un quindicenne su cinque

L’Associzaione leggere e scrivere: il nostro cantone supera comunque la media svizzera e si situa in quella dei paesi più performanti
Ticino
1 ora

Giornate da ‘bollino rosso’ in arrivo sulle strade ticinesi

Ascensione, Pentecoste e Corpus Domini porteranno con sé un considerevole aumento del traffico sulla rete viaria cantonale
Bellinzonese
2 ore

Giubiasco, Piazza Grande sarà presto zona d’incontro a 20 km/h

Il progetto è in pubblicazione al Dicastero territorio e mobilità a Sementina. Il 16 settembre prevista una festa di inaugurazione
Ticino
2 ore

Contagi, ospedalizzati e pazienti in cure intensive in calo

Buone nuove nelle ultime 24 ore sul fronte coronavirus in Ticino. Dove per il terzo giorno consecutivo non si registrano decessi
Luganese
3 ore

‘La massa critica per riportare i tifosi a Cornaredo c’è’

Con Roberto Badaracco, vicesindaco di Lugano, ripercorriamo le vicissitudini che hanno caratterizzato l’ultimo anno dell’Fc Lugano
Bellinzonese
4 ore

Il Social Truck cerca nuovi partner per aiutare ancora i giovani

Il servizio offerto ai ragazzi di Bellinzona necessita di nuovi fondi visto che a settembre finiranno i sussidi della Confederazione
Gallery
Locarnese
4 ore

Violento incendio in un appartamento in via San Jorio

Vasto dispiegamento di pompieri a Locarno: palazzina evacuata. Due persone intossicate e un ferito portati all’ospedale per le cure del caso
Locarnese
7 ore

‘Non rissa, ma aggressione. Dobbiamo dire basta tutti insieme’

Festa liceale interrotta, parla la vittima: ‘Quei violenti venivano da fuori. Cercavano solo un pretesto per attaccar briga. Le istituzioni reagiscano’
Ticino
7 ore

Un Arcobaleno per ogni deputato? ‘Il santo non vale la candela’

L’iniziativa di Ermotti-Lepori e Berardi (Ppd) per favorire l’uso del trasporto pubblico non convince a Commissione parlamentare ‘Costituzione e leggi’
Ticino
7 ore

‘Chi propone la polizia unica non conosce la realtà ticinese’

Felice Dafond, Associazione dei comuni: non ci sono motivi per rivedere l’organizzazione attuale, le polcom garantiscono la sicurezza di prossimità
Grigioni
15 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
16 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
17 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
17 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
17 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
17 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
14.03.2021 - 21:20

Locarno, un orto tra scuola e quartiere rigoglioso di idee

Sostenibilità e varietà (di prodotti, esperienze, storie) sono alla base del progetto del Centro professionale tecnico. Per migliorare la società

«Un pezzo di terra incastrato tra i palazzi, che fa forma di resistenza». Così si presenta l’Orto scuola-quartiere, sotto le finestre del Centro professionale tecnico di Locarno (Cpt - Spai). La descrizione è di Lorenzo Scascighini, docente responsabile de ‘La scuola al centro del villaggio’, progetto che da una decina d’anni propone una serie di attività che vanno dalle conferenze, alle Giornate multiculturali, dal gemellaggio con la Romania al progetto “mais” e al pranzo a km 0, fino alla Settimana del gusto con una variegata offerta di proposte sul tema ‘dalla terra al piatto’. Di questo panorama, da quattro anni, fa parte anche l’Orto scuola-quartiere.

La sinergia ideale

«L’idea è sorta dalla volontà di creare un orto a scuola per avvicinare gli studenti a questo tipo di spazio e alle tematiche che porta con sé. Al contempo si è pensato di andare in una direzione che permettesse di tessere maggiori legami col territorio e i cittadini. Il progetto prevedeva fin dall’inizio la coesistenza di spazi gestiti da abitanti della zona e altri dagli allievi, dove ognuno avesse il suo pezzo di terra integrato a un aspetto collaborativo. Nel momento della presentazione e grazie alla collaborazione del quartiere Rusca Saleggi, diverse persone si sono dette entusiaste e così abbiamo iniziato». L’abbinamento scuola-quartiere si è rivelato una sinergia ideale. «Talvolta le scuole rinunciano a fare l’orto perché non c’è nessuno che si mette a disposizione per gestirlo tutto l’anno, soprattutto d’estate – spiega Scascighini –. Contemporaneamente spesso le persone cha abitano in città vorrebbero farlo ma non trovano lo spazio. Si è così riusciti a venire incontro a due necessità».

Un laboratorio all’aperto

All’interno della vita scolastica l’orto viene frequentato come una sorta di laboratorio a cielo aperto. «È diventato una presenza importante per i ragazzi. Io vi porto i miei studenti di italiano e da lì traiamo spunto per diverse lezioni. Prendiamo quello che l’orto ci offre come riflessione e lo portiamo in aula. E lo stesso fa ogni insegnante che ha deciso di aderire, secondo le proprie inclinazioni. Attualmente c’è una classe di idraulici-sanitari che sta costruendo un impianto di recupero dell’acqua piovana. C’è una docente degli Operatori di edifici che coltiverà uno spazio. Una classe di Scuola speciale ha allestito il capanno in comune e fatto molto altro. Il Semestre di motivazione ha creato un posto per i lamponi. È nato anche un frutteto – in cui per ora ci sono un melo, un pero, un caco – dove i ragazzi fanno attività relative agli alberi e alla biodiversità».

Differenze che convivono

Il progetto ha coinvolto anche molta gente esterna. «Alcuni sono arrivati dopo aver letto un articolo sul giornale, altri grazie al passaparola o perché il figlio frequenta la scuola. Oppure perché si sono fermati a chiedere». Si tratta di persone che abitano nei dintorni, molte delle quali sono originarie di altre nazioni. «C’è ad esempio una signora brasiliana che nel suo Paese aveva l’orto e sentendone la mancanza ha colto questa occasione. Altre persone provengono dall’Italia, soprattutto dal Sud, come una signora calabrese che ogni tanto si sente parlare al telefono col padre a cui chiede consigli. Abbiamo anche una famiglia croata, una macedone, una signora rumena, una tedesca, un giovane eritreo con un viaggio incredibile alle spalle. E ci sono gli svizzeri, quelli che coltivano per tradizione familiare, o ad esempio io che non ero per nulla pratico e ho iniziato a 47 anni per una questione ‘filosofica’, in sintonia con l’esigenza di promuovere un altro tipo di società».

Si è così creato un luogo di incontro fra culture e generazioni, in cui si scambiano competenze e si viene a contatto con un’abbondanza di storie. A unire le persone sono la passione per l’orto e l’interesse per i temi che lo riguardano. «Ci si ferma spesso a chiacchierare di ortaggi, ricette, ma anche di tutt’altro. Una signora di una certa età mi ha detto che è il suo modo per tirarsi fuori di casa e vedere altra gente».

A costellare la porzione di suolo sono molti prodotti classici, da zucchine a pomodori, da ravanelli a patate. «Ma si trovano anche peperoncini e alimenti particolari, ad esempio due anni fa un signore originario del Congo ha piantato le spagnolette». Anche sul terreno, dunque, convivono le diversità in tutta la loro ricchezza.

Una visione del mondo

A livello di gestione, accanto alle zone private, ci sono degli spazi in comune dove si trovano le erbe aromatiche; tavoli, sedie e libri; gli attrezzi a disposizione di tutti – «ciò che va contro la logica del possesso» –; la cassetta delle eccedenze. «Dal canto nostro ogni tanto proponiamo dei momenti di ritrovo aperti a chi vuole incontrarsi rispettando le misure di protezione. Organizziamo anche degli scambi di piantine, cerchiamo di fare il recupero dei semi, diamo una mano a chi si assenta».

I nomi venuti in mente a Scascighini per questo progetto sono molti, ‘Orto integrativo’, ‘Orto senza frontiere’, e il più surrealista ‘Questo non è un orto’: «Sì, perché è molto di più. Nel senso che rappresenta una visione del mondo che promuove la cooperazione, il rispetto dei ritmi della natura, lo sviluppo di altri tipi di rapporti di scambio. Il progetto parte dall’idea che anche la scuola possa giocare un ruolo e collaborare con associazioni come ad esempio Pro Specie Rara, l’Oggettoteca, il Tavolino Magico di cui apprezziamo l’operato». E pure con la Città: «Siamo in contatto col Comune che sta pensando di creare degli orti condivisi per rispondere all’interesse crescente delle persone verso queste realtà». Una scuola, insomma, che oltre a gettare i semi per il futuro sta provando a coltivare un presente migliore per l’intera società.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
centro professionale tecnico locarno lorenzo scascighini orto quartiere scuola
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved