avete-lo-spirito-per-riuscire-in-una-missione-spaziale
Keystone
L'ex astronauta svizzero Claude Nicollier
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
7 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
8 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
8 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
8 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
8 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
8 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
9 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
9 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
06.05.2021 - 17:09

‘Avete lo spirito per riuscire in una missione spaziale’

Parola dell'ex astronauta Claude Nicollier che si è complimentato con gli studenti della Scuola d'arti e mestieri che partecipano a un progetto spaziale

«Ho terminato i miei studi alla Scuola d’arti e mestieri di Bellinzona nel ‘73 e ora, a vedere ciò che questi studenti stanno realizzando, mi verrebbe voglia di tornare!», ha affermato Bruno Storni, ingegnere ed ex studente della Sam riguardo al progetto aerospaziale CanSat, organizzato dall’Agenzia spaziale europea, a cui stanno partecipando sei studenti della Scuola d’arti e mestieri (Sam) del Centro professionale tecnico (Cpt) di Bellinzona. Parole cariche di entusiasmo pronunciate ieri da Storni nell’ambito della conferenza pubblica trasmessa dai laboratori della Sam a cui era collegato online. Anche l’ex astronauta svizzero Claude Nicollier, pure in collegamento online, si è complimentato con i ragazzi. «Sono molto impressionato dal lavoro svolto da questi studenti, hanno molto talento, volontà e coraggio. Hanno lo spirito che ci vuole per riuscire in una missione spaziale, bravi»!. Nicollier ha poi evidenziato come nelle missioni spaziali sia importante lo spirito di squadra «perché nello spazio non si può lavorare da soli». Manolo Zanella direttore del Centro professionale tecnico (Cpt) ha dal canto suo evidenziato come il progetto abbia generato molto entusiasmo tra i partecipanti, docenti e studenti, che lo hanno portato avanti con determinazione.

La conferenza trasmessa ieri mattina è stata però soprattutto un’occasione per presentare il lavoro dei ragazzi partecipanti alla competizione internazionale CanSat. Ognuno di loro ha spiegato brevemente di cosa si è occupato nel progetto. Filippo Sala (19 anni, progettista meccanico) ha lavorato alla progettazione degli involucri del mini satellite; Ismael Ferracin (18 anni, elettronico) si è occupato della parte hardware del satellite; Tobia Rossi (18 anni, elettronico) ha invece parlato delle batterie contenute nel dispositivo. Mattia Bassi (18 anni, elettronico) ha spiegato di essersi occupato dello sviluppo del ‘cervello elettronico’ del satellite; Anteo Lafranchi (19 anni, operatore in automazione) del paracadute del dispositivo e Sara Allegri (18 anni, elettronica) della comunicazione, poiché gli studenti, oltre all’aspetto scientifico verranno valutati anche per l’aspetto divulgativo della missione.

I giovani sono accompagnati in questo progetto dal docente Rinaldo Geiler, che ieri mattina ha spiegato alcuni aspetti relativi alla gara. «Alla competizione partecipano 24 squadre, una per nazione, tra cui la Svizzera rappresentata dal team della Scuola d’arti e mestieri di Bellinzona». Il minisatellite realizzato dagli studenti, durante la fase di discesa dovrà svolgere due missioni. La prima è valida per tutti i team che partecipano e prevede la misurazione della pressione e la temperatura dell’aria con una frequenza di al minimo un hertz, quindi una volta al secondo. Ogni squadra sceglie una seconda missione: gli studenti di Bellinzona hanno deciso di caratterizzare ulteriormente il profilo verticale dell’atmosfera misurando anche l’umidità, la direzione e l’intensità del vento e raccogliendo dei campioni d'aria a diverse altitudini per analizzarne la composizione chimica. La finale della competizione si terrà a fine settembre. Tutti dovranno presentare il proprio progetto e a tutte le squadre verrà chiesto di eseguire una modifica specifica del proprio satellite. Ogni team avrà tempo una settimana per apportarla e fare una nuova presentazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona claude nicollier missione spaziale scuola arti mestieri
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved