servizi-culturali-il-problema-e-la-sudditanza-per-chiappini
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
1 ora

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
2 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
2 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
3 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
3 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
3 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
4 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
5 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
5 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
6 ore

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
6 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
6 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
6 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
11.03.2021 - 18:35
Aggiornamento : 19:17

Servizi culturali, ‘il problema è la sudditanza per Chiappini’

Locarno, il municipale Ronnie Moretti risponde al collega Cotti: “Dimostra di non percepire il fondo del problema. Che parte dall'esperto Verzasconi”

Confronto senza esclusione di colpi a Locarno nel merito del concorso per il direttore (o la direttrice) dei Servizi culturali, che sostituirà il discusso Rudy Chiappini, finito sotto processo per la mostra di Modigliani a Genova nel 2017. Alle bordate del capodicastero Cultura Giuseppe Cotti risponde il collega socialista Ronnie Moretti,  il cui ricorso al Consiglio di Stato ha di fatto costretto il Municipio a bloccare la procedura stessa, facendo saltare le tre audizioni decisive quando le aspiranti direttrici erano già in pratica sotto Palazzo Marcacci.

«La durissima reazione al mio ricorso su un concorso mal gestito e dubbio ha suscitato le ire del mio collega di municipio Giuseppe Cotti. La cosa, di per se stessa, mi lascia sereno come un gatto sul divano – dice Moretti –. Cotti può agitarsi e stizzirsi finché vuole, ma i fatti sono lì, nudi e crudi. Mi permetto di ribadirli, poi saranno i cittadini a giudicare per quale motivo ho agito. È importante comunque premettere che la commissione che avrebbe dovuto scegliere il nuovo responsabile culturale, oggi composta dal sindaco, da Cotti stesso, dal segretario comunale e da Marco Massimo Verzasconi (che ha ricordato la “Regione” è molto vicino al precedente responsabile Rudy Chiappini, attualmente sotto processo) doveva essere coadiuvata da altri due elementi: la capa dell'Ufficio dei beni culturali del Cantone, Simonetta Biaggio Simona, e il direttore del Locarno Festival, Giona Nazzaro. Entrambi, per un motivo o per l’altro, hanno declinato, lasciando al quartetto la decisione».

Per Moretti «Il problema della sudditanza della città verso Chiappini genera perplessità non solo a Locarno, come ha ben evidenziato il servizio di Falò che parlava dei falsi modigliani per cui Chiappini è accusato per truffa e ricettazione di quadri falsi». Giuseppe Cotti e il resto del Municipio, prosegue il municipale socialista, «sembra non si rendano ancora conto che con il concorso per il nuovo direttore, per il bene della cultura, si deve per forza voltar pagina. Quando Cotti omette di informare il Municipio sui legami tra l’ahimé unico esperto rimasto, Marco Massimo Verzasconi, e l’ex direttore Chiappini (riducendoli a una sola mostra a Casa Rusca), dimostra di non percepire il fondo del problema. Saranno, come dice, slegate da Chiappini le candidate; ma certamente non l’esperto».

Un altro elemento messo in evidenza da Ronnie Moretti è quello secondo cui «l’unico esperto rimasto non è stato messo nella condizione di visionare gli incarti dei candidati nel loro insieme. E così non si può andare distanti. Questa non è del resto l'unica sbavatura, nella procedura di concorso. Ce ne sono tante altre, che ho da tempo debitamente segnalato al Municipio (perfino la proposta di reperire al più presto almeno un altro esperto). Tutti i temi insieme non garantiscono l’imparzialiatà del giudizio, nemmeno per le tre candidate selezionate ancora in gara».

In risposta poi all'affermazione di Cotti secondo cui “con questo ricorso non si tocca tanto il sottoscritto (che sarà anche una persona che sbaglia), ma si pregiudicano gli interessi della cultura a Locarno in un momento oltretutto particolarmente difficile per gli attori culturali”, «fa piacere che sia lo stesso Giuseppe Cotti ad ammettere che sbaglia; sbagli a cui dovremmo evidentemente soprassedere per l’”interesse” della cultura. Parliamo di una posizione di prestigio all’interno del Comune, una posizione delicata e di responsabilità proprio per una Città come Locarno, da sempre attenta alla cultura. Una posizione peraltro con un congruo stipendio».

C'era poi il dubbio di Cotti circa “i veri motivi” che avrebbero spinto Moretti a bloccare la procedura: il fatto che un “suo” candidato sarebbe stato eliminato prima dell'audizione finale. «A me – risponde Moretti – interessa solo che il concorso lo si faccia seguendo delle procedure lineari, procedure che devono essere uguali per tutti. In caso contrario i dubbi sulle simpatie per certi candidati possono valere per chiunque e non fanno bene a nessuno».

Giuseppe Cotti evocava poi il tema della parità di genere (tre candidate donne in finale, la prospettiva che una ovviamente vinca e vada come prima donna alla direzione dei Servizi). Secondo Ronnie Moretti «è triste evocare il grande tema della parità di genere soltanto per eludere il problema di un concorso non gestito ad arte».

Leggi anche:

Locarno, tutti i nodi della successione Chiappini

‘Moretti ha voluto difendere un altro candidato’

Servizi culturali, audizioni bloccate per ricorso di Moretti

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiappini concorso cotti locarno moretti servizi culturali
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved