Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
2
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Genoa
Milan
20:45
 
Sassuolo
Napoli
20:45
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
BUBLIK A. (KAZ)
0
1 set
(2-1)
Langenthal
1
Visp
0
1. tempo
(1-0)
servizi-culturali-il-problema-e-la-sudditanza-per-chiappini
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 min

Muralto, s’illumina il Grand Hotel della rinascita

Spettacolare scenario natalizio sulla facciata est dell’albergo da anni in disuso. Domani il via ufficiale al nuovo corso di Artioli
Ticino
33 min

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
47 min

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
1 ora

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
1 ora

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
2 ore

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Luganese
2 ore

Mps, no all’aumento delle tariffe dell’acqua potabile

Lanciata a Lugano una petizione dopo la decisione annunciata dal Municipio cittadino di un rincaro del 20%
Mendrisiotto
2 ore

‘Natale a Chiasso’ sarà il Natale del territorio

Presentato il calendario di manifestazioni che, disposizioni sanitarie permettendo, animerà la cittadina dall’8 al 24 dicembre
Grigioni
2 ore

Domenica 5 dicembre San Nicolao a San Bernardino

Nel pomeriggio distribuzione di doni ai bambini, con pista di ghiaccio aperta al pubblico
Locarnese
2 ore

Ppd di Locarno, lanciata la volata di Marco Pellegrini

Dopo le dimissioni improvvise del presidente sezionale Alberto Akai, l’ex municipale dà la sua disponibilità a succedergli
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio: in attesa di Campione, il casinò ‘affila le armi’

Due novità – Poker Room e Jackpot – all’Admiral, che si prepara per affrontare il ritorno della concorrenza della sala da gioco dell’enclave
Locarnese
3 ore

Locarno, porte aperte al centro del movimento VitaAttiva

All’interno del nuovo Polo Isolino in via Galli, la giornata inaugurale è in calendario sabato 4 dicembre
Locarnese
3 ore

Locarno e Ascona, Concerto dell’Avvento con il Coro Calliope

Due date (sabato 4 e mercoledì 8 dicembre) e due siti diversi in cui le voci della corale si esibiranno con l’Orchestra da camera locarnese
Mendrisiotto
3 ore

Mercatino di Natale a Riva San Vitale

Domenica 5 dicembre dalle 11 alle 17 nel piazzale a lago. In caso di brutto tempo sarà annullato
Locarnese
11.03.2021 - 18:350
Aggiornamento : 19:17

Servizi culturali, ‘il problema è la sudditanza per Chiappini’

Locarno, il municipale Ronnie Moretti risponde al collega Cotti: “Dimostra di non percepire il fondo del problema. Che parte dall'esperto Verzasconi”

Confronto senza esclusione di colpi a Locarno nel merito del concorso per il direttore (o la direttrice) dei Servizi culturali, che sostituirà il discusso Rudy Chiappini, finito sotto processo per la mostra di Modigliani a Genova nel 2017. Alle bordate del capodicastero Cultura Giuseppe Cotti risponde il collega socialista Ronnie Moretti,  il cui ricorso al Consiglio di Stato ha di fatto costretto il Municipio a bloccare la procedura stessa, facendo saltare le tre audizioni decisive quando le aspiranti direttrici erano già in pratica sotto Palazzo Marcacci.

«La durissima reazione al mio ricorso su un concorso mal gestito e dubbio ha suscitato le ire del mio collega di municipio Giuseppe Cotti. La cosa, di per se stessa, mi lascia sereno come un gatto sul divano – dice Moretti –. Cotti può agitarsi e stizzirsi finché vuole, ma i fatti sono lì, nudi e crudi. Mi permetto di ribadirli, poi saranno i cittadini a giudicare per quale motivo ho agito. È importante comunque premettere che la commissione che avrebbe dovuto scegliere il nuovo responsabile culturale, oggi composta dal sindaco, da Cotti stesso, dal segretario comunale e da Marco Massimo Verzasconi (che ha ricordato la “Regione” è molto vicino al precedente responsabile Rudy Chiappini, attualmente sotto processo) doveva essere coadiuvata da altri due elementi: la capa dell'Ufficio dei beni culturali del Cantone, Simonetta Biaggio Simona, e il direttore del Locarno Festival, Giona Nazzaro. Entrambi, per un motivo o per l’altro, hanno declinato, lasciando al quartetto la decisione».

Per Moretti «Il problema della sudditanza della città verso Chiappini genera perplessità non solo a Locarno, come ha ben evidenziato il servizio di Falò che parlava dei falsi modigliani per cui Chiappini è accusato per truffa e ricettazione di quadri falsi». Giuseppe Cotti e il resto del Municipio, prosegue il municipale socialista, «sembra non si rendano ancora conto che con il concorso per il nuovo direttore, per il bene della cultura, si deve per forza voltar pagina. Quando Cotti omette di informare il Municipio sui legami tra l’ahimé unico esperto rimasto, Marco Massimo Verzasconi, e l’ex direttore Chiappini (riducendoli a una sola mostra a Casa Rusca), dimostra di non percepire il fondo del problema. Saranno, come dice, slegate da Chiappini le candidate; ma certamente non l’esperto».

Un altro elemento messo in evidenza da Ronnie Moretti è quello secondo cui «l’unico esperto rimasto non è stato messo nella condizione di visionare gli incarti dei candidati nel loro insieme. E così non si può andare distanti. Questa non è del resto l'unica sbavatura, nella procedura di concorso. Ce ne sono tante altre, che ho da tempo debitamente segnalato al Municipio (perfino la proposta di reperire al più presto almeno un altro esperto). Tutti i temi insieme non garantiscono l’imparzialiatà del giudizio, nemmeno per le tre candidate selezionate ancora in gara».

In risposta poi all'affermazione di Cotti secondo cui “con questo ricorso non si tocca tanto il sottoscritto (che sarà anche una persona che sbaglia), ma si pregiudicano gli interessi della cultura a Locarno in un momento oltretutto particolarmente difficile per gli attori culturali”, «fa piacere che sia lo stesso Giuseppe Cotti ad ammettere che sbaglia; sbagli a cui dovremmo evidentemente soprassedere per l’”interesse” della cultura. Parliamo di una posizione di prestigio all’interno del Comune, una posizione delicata e di responsabilità proprio per una Città come Locarno, da sempre attenta alla cultura. Una posizione peraltro con un congruo stipendio».

C'era poi il dubbio di Cotti circa “i veri motivi” che avrebbero spinto Moretti a bloccare la procedura: il fatto che un “suo” candidato sarebbe stato eliminato prima dell'audizione finale. «A me – risponde Moretti – interessa solo che il concorso lo si faccia seguendo delle procedure lineari, procedure che devono essere uguali per tutti. In caso contrario i dubbi sulle simpatie per certi candidati possono valere per chiunque e non fanno bene a nessuno».

Giuseppe Cotti evocava poi il tema della parità di genere (tre candidate donne in finale, la prospettiva che una ovviamente vinca e vada come prima donna alla direzione dei Servizi). Secondo Ronnie Moretti «è triste evocare il grande tema della parità di genere soltanto per eludere il problema di un concorso non gestito ad arte».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved