maggia-verso-la-gestione-di-stato-delle-acque
Diga di Robiei (Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
1 ora

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
1 ora

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
2 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
2 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
2 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
2 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
10.02.2021 - 13:13
Aggiornamento: 13:29

Maggia, verso la gestione di Stato delle acque

Il governo cantonale invita il legislativo a respingere la domanda di rinnovo della concessione per l’uso delle acque del fiume presentata dall'Ofima

Il Consiglio di Stato, su proposta del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe), ha licenziato il messaggio con cui chiede al Gran Consiglio di respingere la domanda preliminare di rinnovo della concessione per l’utilizzo delle acque della Maggia e dei suoi affluenti, rispettivamente delle acque della Valle Bedretto, presentata lo scorso 1° ottobre dalle Officine Idroelettriche della Maggia Sa (Ofima).

Il governo cantonale parla di “un passo significativo nella direzione del principio di utilizzo in proprio, da parte dello Stato, delle acque pubbliche di superficie”. Come previsto dall’articolo 2 della Legge sull’autorizzazione delle acque (Lua), lo sfruttamento avviene tramite l’Azienda elettrica ticinese (Aet).

Con il messaggio licenziato, il Consiglio di Stato fa valere il diritto di riversione che lo Stato può esercitare per gli impianti le cui concessioni giungeranno a scadenza nei prossimi decenni. “L’esercizio di questo diritto è un elemento centrale della politica energetico-climatica cantonale, che consentirà di applicare i principi già decisi dal legislatore, riappropriandosi delle acque ticinesi e affidando ad Aet la loro gestione”. Il messaggio mira inoltre a “creare le condizioni quadro per l’ottimizzazione degli impianti esistenti prima della scadenza delle concessioni, ritenuto che ciò rappresenta un’importante opportunità per valorizzare la produzione indigena in ottica futura, mantenendo le competenze e il valore aggiunto in Ticino e nelle zone periferiche”.

In questo contesto, il governo chiede al parlamento di autorizzarlo ad avviare, in collaborazione con l’Aet, le trattative e le attività necessarie per definire le condizioni per la riversione degli impianti della Maggia e dei suoi affluenti.

Si tratta, per la precisione, della riversione allo scadere della concessione, il 31 dicembre 2035 degli impianti di Maggia I (tronco Sambuco-Verbano) e il 31 dicembre 2048 degli impianti di Maggia II (tronco Naret - Cavagnoli - Robiei - Bavona - Cavergno, compresa l’adduzione delle acque della valle Bedretto).

In particolare, il Consiglio di Stato chiede di determinare da subito con l’Aet gli interventi di miglioria alle installazioni tecniche, “così da assicurare un’ottimale e razionale funzionalità delle stesse, anticipando se del caso eventuali ampliamenti (vedi ad esempio innalzamento dighe) o ammodernamenti prima della scadenza della concessione. Il tutto nell’ottica di garantire la sicurezza di approvvigionamento tramite una maggiore produzione indigena (anche invernale) e, di conseguenza, una minore dipendenza dall’estero”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
acque aet concessione consiglio di stato maggia ofima
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved