ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
25 min

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
1 ora

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
1 ora

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
1 ora

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
1 ora

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
1 ora

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
1 ora

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
10.02.2021 - 13:13
Aggiornamento: 13:29

Maggia, verso la gestione di Stato delle acque

Il governo cantonale invita il legislativo a respingere la domanda di rinnovo della concessione per l’uso delle acque del fiume presentata dall'Ofima

maggia-verso-la-gestione-di-stato-delle-acque
Diga di Robiei (Foto Ti-Press)

Il Consiglio di Stato, su proposta del Dipartimento delle finanze e dell’economia (Dfe), ha licenziato il messaggio con cui chiede al Gran Consiglio di respingere la domanda preliminare di rinnovo della concessione per l’utilizzo delle acque della Maggia e dei suoi affluenti, rispettivamente delle acque della Valle Bedretto, presentata lo scorso 1° ottobre dalle Officine Idroelettriche della Maggia Sa (Ofima).

Il governo cantonale parla di “un passo significativo nella direzione del principio di utilizzo in proprio, da parte dello Stato, delle acque pubbliche di superficie”. Come previsto dall’articolo 2 della Legge sull’autorizzazione delle acque (Lua), lo sfruttamento avviene tramite l’Azienda elettrica ticinese (Aet).

Con il messaggio licenziato, il Consiglio di Stato fa valere il diritto di riversione che lo Stato può esercitare per gli impianti le cui concessioni giungeranno a scadenza nei prossimi decenni. “L’esercizio di questo diritto è un elemento centrale della politica energetico-climatica cantonale, che consentirà di applicare i principi già decisi dal legislatore, riappropriandosi delle acque ticinesi e affidando ad Aet la loro gestione”. Il messaggio mira inoltre a “creare le condizioni quadro per l’ottimizzazione degli impianti esistenti prima della scadenza delle concessioni, ritenuto che ciò rappresenta un’importante opportunità per valorizzare la produzione indigena in ottica futura, mantenendo le competenze e il valore aggiunto in Ticino e nelle zone periferiche”.

In questo contesto, il governo chiede al parlamento di autorizzarlo ad avviare, in collaborazione con l’Aet, le trattative e le attività necessarie per definire le condizioni per la riversione degli impianti della Maggia e dei suoi affluenti.

Si tratta, per la precisione, della riversione allo scadere della concessione, il 31 dicembre 2035 degli impianti di Maggia I (tronco Sambuco-Verbano) e il 31 dicembre 2048 degli impianti di Maggia II (tronco Naret - Cavagnoli - Robiei - Bavona - Cavergno, compresa l’adduzione delle acque della valle Bedretto).

In particolare, il Consiglio di Stato chiede di determinare da subito con l’Aet gli interventi di miglioria alle installazioni tecniche, “così da assicurare un’ottimale e razionale funzionalità delle stesse, anticipando se del caso eventuali ampliamenti (vedi ad esempio innalzamento dighe) o ammodernamenti prima della scadenza della concessione. Il tutto nell’ottica di garantire la sicurezza di approvvigionamento tramite una maggiore produzione indigena (anche invernale) e, di conseguenza, una minore dipendenza dall’estero”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved