laR
 
04.02.2021 - 15:54
Aggiornamento: 17:59

Lista Ppd, a Locarno escluso Franscella

C'erano 8 candidati per 7 posti. Gli aderenti hanno votato per posta e scelto Cotti, Akai, Chikhi, Giacometti, Jegen, Pellanda e Scaffetta

lista-ppd-a-locarno-escluso-franscella

Clamoroso in casa Ppd a Locarno. E contemporaneamente brutte notizie per Claudio Franscella, uno degli aspiranti candidati forti al Municipio di Locarno. Dallo spoglio delle schede inviate per posta da soci e simpatizzanti, Franscella risulta infatti essere il “sacrificato” fra gli 8 candidati. I posti erano 7 e si trattava, democrazia alla mano, di escluderne uno. Lo ha comunicato pochi minuti fa la sezione popolare democratica, sottolineando che lo spoglio è avvenuto alla presenza di un notaio.

Alla consultazione hanno partecipato oltre 400 aderenti, “a dimostrazione dell’interesse che questa modalità di scelta ha suscitato nei simpatizzanti della sezione di Locarno”. La scelta dei 400 e più è dunque caduta sugli altri sette aspiranti, che sono Giuseppe Cotti (unico municipale in carica), Alberto Akai (presidente sezionale), Slimane Chikhi, Martina Giacometti, Luca Jegen, Ivo L. Pellanda e Mattia Scaffetta. 

«La premessa – dice Akai, raggiunto dalla “Regione” – è che nell'anno pandemico si è creato al nostro interno un gruppo unito, di amici, con cui abbiamo condiviso le difficoltà guardando prima alle votazioni comunali del 2020 e poi a quelle 2021. Questo cammino ha certamente cementato i legami. Ricordo che una lista completa, con 7 candidati, c'era già un anno fa. E che tutti, salvo Barbara Angelini-Piva, che ha poi rinunciato per motivi professionali, si sono rimessi a disposizione. Il rimescolamento delle carte con la proposta di Claudio Franscella ci ha costretti a mettere in atto una procedura che avremmo volentieri evitato. Ma è stato necessario, e ci siamo messi tutti quanti in gioco. Quella che è emersa è la voce degli aderenti». Una voce che smentisce le prospettive, e in primis quelle di Franscella, che contava di avere un ampio supporto popolare.  

«Il risultato che lo penalizza può sorprendere ma va rispettato – aggiunge Akai – e lo sarebbe stato, ovviamente, chiunque fosse rimasto fuori. Una possibile spiegazione è che tutti gli altri candidati fanno parte della sezione di Locarno da tempo; il più nuovo da almeno un anno. Il motivo dell'esclusione di Franscella è probabilmente dovuto a quello: conosciuto, ma considerato “esterno” rispetto al contesto cittadino. Vorrei che rimanesse in sezione per farsi ulteriormente conoscere nel contesto cittadino, così da rientrare in gioco fra 3 anni con buone possibilità di elezione».

In lista per il Consiglio comunale figurano 40 candidati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved