navigazione-elettrificare-per-dare-due-scosse
La motonave Ceresio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

'La Pm Ecorecycling non può essere obbligata a chiudere'

Stando al Cantone non ci sono i presupposti. Sospesa per ora l'inchiesta penale sul primo incendio del 2016, si indaga sul rogo di dicembre
Ticino
8 ore

Lettori più digitali? Non sempre, c'è chi cerca la carta

Le biblioteche ticinesi hanno registrato un aumento delle consultazioni di giornali e riviste online. Nelle librerie spopola il ‘click&collect’
Ticino
8 ore

Dadò all'attacco su costi della salute e soldi pubblici

Il presidente del Ppd al comitato cantonale parla delle iniziative cantonali sui premi di cassa malati e affonda sull'indipendenza di parlamento e giustizia
Locarnese
9 ore

‘Elephantonius’, vita d'artista (e di Verzasca) a Storie

Domenica sulla Rsi l'intenso ritratto documentaristico di Paolo Vandoni a Gianmario Togni, scultore alla ricerca delle origini
Ticino
9 ore

Donne detenute, audizione il 9 marzo

La commissione incontrerà i vertici del Dipartimento istituzioni.Schnellmann: attendiamo indicazioni chiare sui tempi di realizzazione di un carcere femminile
Gallery
Luganese
10 ore

A Massagno fioriscono le biciclette

Azione dimostrativa per sensibilizzare sulla climatica: il gruppo Ps, Verdi e Indipendenti propone tre installazioni
Luganese
10 ore

Bironico, disputa Fc Rapid-Parrocchia: trovato un accordo

La squadra di calcio potrà utilizzare il campo (almeno) fino alla fine del 2024, tempo durante il quale potrà trovare un'alternativa
Luganese
10 ore

Lugano, la registrazione delle sedute come patrimonio storico

Al via il progetto che renderà sull'arco di quattro anni fruibili al pubblico gli interventi dei politici tra il 1962 e il 2003
Luganese
11 ore

Lugano, il casinò vince il Covid-19

Nel 2020 registrato un utile netto di 900'000 franchi malgrado chiusure e restrizioni delle aperture. Intervista all'Ad Gianmaria Frapolli
Luganese
11 ore

Cittadini per il territorio del Luganese: no al polo sportivo

Criticato il contratto stabilito dalla Città con gli operatori immobiliari per realizzare il progetto
Bellinzonese
11 ore

Tre anni e mezzo per l'artefice dei botti di Bellinzona

Questa la pena inflitta al 22enne, il quale dovrà sottoporsi a un trattamento stazionario per far fronte a un disturbo della personalità di tipo narcisistico
Bellinzonese
11 ore

Biasca, servizio per la prestazione ponte Covid dal 1 marzo

L'ufficio si trova al pianterreno della Casa comunale e sarà operativo il lunedì, il martedì e il giovedì
Luganese
11 ore

Paradiso, 'moratoria immediata alla posa di nuove antenne 5G'

In 369 firmano la richiesta di porre un freno a ulteriori installazioni sul territorio comunale, che ne conta già più di dieci di diversa generazione
Locarnese
11 ore

Arcegno, la Strada dei Polacchi è chiusa al traffico

In corso lavori selvicolturali lungo il collegamento che conduce a Golino. Il cantiere dovrebbe concludersi attorno al 20 marzo
Locarnese
11 ore

Avvocato di Muralto a processo in Appello

Il 24 marzo nuovamente in aula il legale già condannato a 15 mesi sospesi per ripetuta appropriazione indebita qualificata
Locarnese
12 ore

Niente carnevali ma il tema della violenza è attuale

Gordola, la Fondazione Tamagni ha indetto la 13esima edizione del concorso rivolto agli alunni delle scuole medie. Voto online entro il 28 febbraio
Mendrisiotto
12 ore

La Mendrisiense, l'assemblea sarà scritta

Succede per la prima volta da 110 anni. I soci hanno tempo fino al 5 marzo per esprimere il loro voto
Bellinzonese
12 ore

Ramon Pini nominato viceprimario di Chirurgia all'Orbv

Negli ultimi anni l'attività clinica del dottore si è maggiormente concentrata nella chirurgia viscerale mini-invasiva robotica
Luganese
12 ore

Assembramenti a Ponte Capriasca, chiuso il parco giochi

Interpellanza in Consiglio comunale. Il Municipio valuterà nella seduta di lunedì se riaprire, dopo gli allentamenti decisi da Berna
Ticino
13 ore

Utilizzo illecito di stemmi e loghi comunali e cantonali

Raoul Ghisletta (Ps) ha inoltrato un'interpellanza al Consiglio di Stato
Mendrisiotto
13 ore

Chiasso conferma le misure di protezione a scuola

Sollecitato da un'interrogazione, il Municipio annuncia di non voler introdurre test di depistaggio
Bellinzonese
13 ore

Processo per stupro, l'ex compagna si mette in discussione

In appello, la ex del 39enne condannato a tre anni in primo grado esprime i suoi dubbi in una lettera alla Corte: "Avrei potuto dire 'no' con più chiarezza"
Ticino
14 ore

Covid: La pressione sugli ospedali è ‘sensibilmente ridotta’

Il Consiglio di Stato ha incontrato la Cellula sanitaria. La campagna di sensibilizzazione cambia colore ma bisogna ‘rimanere vigili’
Bellinzonese
14 ore

Pesciüm sorride, ok al lavoro ridotto per il settore Gastro

Airolo: la decisione valida per 27 dipendenti della ristorazione è stata comunicata ieri da Bellinzona. Soddisfatto il direttore Mauro Pini
Locarnese
14 ore

Terre di Pedemonte, veicoli comunali a impatto zero

Il Gruppo LiSA presenta una mozione nella quale chiede una modifica del ROC, con l'aggiunta
Bellinzonese
14 ore

Le Officine di Bellinzona non vogliono mollare i treni merci

La Commissione del personale allargato, appoggiata dal Consiglio di Stato, chiede nuovamente alle Ffs di presentare il piano industriale per Castione
Ticino
14 ore

Aperte le iscrizioni a Lingue e Sport

Le attività sono rivolte agli allievi della scuola dell'infanzia, delle elementari e delle medie. I corsi sono offerti in 15 località ticinesi
Bellinzonese
14 ore

‘Esplosioni che hanno messo in pericolo la vita di terzi’

Chiesti 4 anni e mezzo per il 22enne ritenuto il responsabile delle esplosioni avvenute tra il 2019 e il 2020. La difesa chiede al massimo 24 mesi sospesi
Locarnese
15 ore

Binomio PLR-Verdi Liberali nelle Terre di Pedemonte

La lista ha tutte le carte in regola per ben figurare e per ambire al raddoppio del seggio in Municipio. Si pensa a una nuova visione post-aggregazione
Locarnese
16 ore

Locarnese, nasce la Regione-Energia Verbano

A comporla i Comuni di Ascona, Locarno, Minusio e Muralto. Lo scopo è perseguire in modo coordinato obiettivi di politica energetica e climatica
Locarnese
22.01.2021 - 05:500

Navigazione: elettrificare... per dare due scosse

Il presidente di Snl in esclusiva sui problemi del bacino svizzero, il mancato accordo consortile e la visione (elettrica) per Verbano e Ceresio

Gestione del personale ex Navigazione Lago Maggiore; sviluppo infrastrutturale e di servizio sul bacino svizzero; sostegno politico per il concetto di mobilità integrata, anche a livello di comunità tariffale; elettrificazione dei natanti sul Ceresio e sul bacino svizzero del Verbano; e, naturalmente, accordo per il rinnovo del Consorzio direzionale.

Ci sono i due laghi, le preoccupazioni, le speranze, una nuova tecnologia e un progetto ticinese, nel pensiero di Agostino Ferrazzini. Il presidente della Società di navigazione del Lago di Lugano (Snl) l'ha espresso, in esclusiva, alla “Regione”.

Presidente, lei per mezzo Ticino è il cattivo che dei 34 marinai locarnesi di partenza ha ritenuto solo le briciole. L'ultimo episodio risale a fine 2020, con il licenziamento di 8 persone. Ora, fino a fine febbraio, rimane attiva sul Verbano la sola linea di trasporto pubblico Locarno-Magadino e il futuro è tutto da scrivere, a livello operativo e occupazionale. Uno scenario poco edificante.

Snl non ha licenziato alcun collaboratore a fine dicembre. Ha invece cercato di tutelare il proprio personale offrendo soluzioni alternative. Ma la situazione è più complessa e serve una premessa: l'anno scorso, anche per noi, come per quasi tutti, è stato veramente complicato. Abbiamo avuto difficoltà dovute sia al Covid, sia al mancato rinnovo degli accordi con il nostro partner italiano. Quanto alla questione occupazionale, nel 2017 dei 34 collaboratori iniziali cui Snl garantiva il posto di lavoro, soltanto 16 avevano risposto alla proposta d'impiego. Non senza difficoltà avevamo poi rinforzato la squadra di Locarno, portandola a 25-26 persone. Con l'arrivo dell'emergenza sanitaria 3 stagionali non erano stati richiamati, così nella stagione 2020 l'operatività era stata garantita con 22 persone e, inizialmente, 5 natanti.

Barche che poi sono scese a tre.

Con l'evoluzione della pandemia e la proibizione federale di effettuare navigazione turistica in tutta la Svizzera, il servizio è stato sospeso e abbiamo così dovuto limitarci alle linee pubbliche. Fra esse, la Locarno-Tenero-Magadino. Pasqua, che di solito è il periodo in assoluto più attivo nel corso dell'anno, ha fatto segnare praticamente uno zero, così come tutto il periodo da marzo al 15 giugno. Quella situazione ci ha costretti a rivedere drasticamente i conti, riducendo al massimo i costi. C'erano due possibilità: licenziare, oppure cedere alcuni dei battelli affittati dalla Gestione governativa per ridurre l'esborso dei canoni di locazione. Abbiamo scelto la seconda, restituendo 2 natanti per continuare, con 3, a gestire la tratta di servizio pubblico e proporre corse turistiche. Quindi, abbiamo tutelato il personale. A luglio, quando si è visto un accenno di ripresa, abbiamo ampliato l'offerta per le Isole, estendendo poi, per la prima volta nella storia del Lago Maggiore, in collaborazione con il Dipartimento del territorio, la stagione. Se dobbiamo assumerci delle responsabilità, ce le assumiamo in toto. Ma qui è indiscutibile che abbiamo garantito il posto di lavoro a 22 persone, preservato le corse pubbliche e offerto un servizio turistico nonostante le difficoltà dell'emergenza sanitaria. E non è stato facile. Il merito per esserci riusciti va condiviso con collaboratori, Cantone, Comuni di Ascona, Gambarogno e Locarno.

A settembre 2020, dopo due proroghe, gli esiti delle trattative per il rinnovo del Consorzio non erano ancora definitivi e non era per nulla scontato che Snl avrebbe potuto continuare ad operare sul Lago Maggiore anche dopo il 31 dicembre. Considerata la grande incertezza, abbiamo dunque cautelativamente disdetto i contratti, proponendo ai collaboratori un nuovo contratto, la cui efficacia era subordinata al rinnovo degli accordi. A dicembre, considerando che le trattative attraversavano una fase di stallo, con l’intento di tutelare il maggior numero di posti di lavoro e preservare il know-how necessario per il futuro, Snl aveva offerto a tutti i “locarnesi” la possibilità di mantenere un impiego nel Gruppo Snl per il 2021. Ci eravamo impegnati a riconoscere una diaria di trasferta, assumendoci l’onere dell’acquisto di un abbonamento generale (valore: 3'860 franchi) per non far gravare le trasferte sulle loro finanze. Si è parlato di contratti capestro ma mi chiedo su quali basi lo si possa dire. Allora ancora non sapevamo di ottenere poi una proroga fino al 28 di febbraio: l'accordo è stato firmato il 28 dicembre e l'autorizzazione formale è arrivata il giorno successivo. 

Le risposte della manodopera?

In realtà un numero importante di collaboratori ci ha risposto positivamente. Solo in 8 hanno deciso diversamente: i cosiddetti “licenziati”. Tre hanno nel frattempo allungato il periodo di disdetta per malattia e dei 5 rimanenti uno ha detto che non se la sentiva di venire a Lugano e probabilmente avrebbe cambiato lavoro; 4 persone andranno a beneficio della disoccupazione. Tutti gli altri sono stati contrattualizzati. A 2 abbiamo dato un contratto di formazione. Se con alcuni non si è trovato un accordo, è stato a causa di richieste oggettivamente inaccettabili.

Capitolo servizio sul bacino svizzero. Il 2020 è andato agli archivi non benissimo. Le prospettive per il 2021 se si tornerà gradualmente alla normalità?

L'anno scorso, quando si è tornati a navigare, non abbiamo fornito un ottimo servizio, specialmente sul Lago Maggiore. Ce ne rendiamo perfettamente conto. Ma ci dicevano: “Hai i battelli vuoti e lasci la gente a terra. È un disservizio". Dimenticavano che per un certo periodo, fino a circa metà luglio, avevamo il diritto di portare soltanto il 50% dei passeggeri. Oggi sul Lago Maggiore abbiamo 11 collaboratori pienamente attivi: non è un numero che ci permetterebbe di essere tranquilli per tutta una stagione normale, ma confidiamo di poter ripristinare le risorse necessarie al momento del rinnovo degli accordi, ritornando allo stato contrattuale precedente.  A livello operativo, ritrovando una sorta di normalità avremmo la possibilità di rilanciare così come previsto il servizio sul Lago Maggiore. Mi riferisco alla Locarno-Magadino, al potenziamento dei collegamenti con le Isole di Brissago introducendo la “circolare” (Ascona-Porto Ronco-Locarno), le corse dirette con Ascona e migliorando i collegamenti con il Gambarogno. 

Continua al momento ad aleggiare la grande domanda: chi ve l'ha fatto fare ad impelagarvi sul Lago Maggiore?

Il fatto di avere una visione di un rilancio della navigazione sui laghi ticinesi. Sul Lago di Lugano abbiamo completato il risanamento societario e avviato un progetto di rilancio che ha visto crescere i collaboratori del Gruppo da poco più di 30 a oltre 100. Oggi non gestiamo un solo lago, ma due, e siamo passati da 230mila passeggeri a oltre 650mila (dati 2019) sui due bacini, con l'obiettivo di arrivare a trasportare un milione di passeggeri. C'è poi il processo di ammodernamento della flotta, chiamato progetto “20-35”, che prenderà avvio con l'elettrificazione della Mononave Ceresio sul Lago di Lugano. Sul Lago Maggiore vogliamo introdurre due natanti elettrici, ma affinché ciò possa avvenire occorre che tutti gli enti coinvolti condividano e sostengano la nostra visione. Questo significa essere tutti protagonisti dello sviluppo del lago, attivando una rete che coinvolga, oltre a Snl, anche Cantone, i Comuni, ed altri attori. Serve insomma un gioco di squadra, ad esempio promuovendo l’estensione della comunità tariffale su entrambi i laghi e supportando la realizzazione di una navigazione ecologicamente sostenibile. Ciò apporterà nuove tecnologie e nuove professionalità a beneficio del territorio, dell’occupazione e dello sviluppo turistico. Noi siamo pronti, ma non possiamo essere lasciati da soli. 

A monte, c'è l'accordo in sospeso per il rinnovo del Consorzio. Quali sono le sue prospettive attuali?

Dovremo trovare un punto d'incontro con il nostro partner italiano sulla possibilità di rilanciare il bacino svizzero, sviluppandolo così come indicava il piano industriale originale, che prevedeva uno sviluppo del bacino svizzero non solo tramite un utilizzo di natanti noleggiati da Gestione governativa, ma anche, appunto, con la creazione di natanti svizzeri completamente elettrici. Il futuro rilancio che Snl ha in serbo passa evidentemente dall’accordo con il partner italiano che, non dobbiamo dimenticare, è titolare della concessione per il Lago Maggiore. Il nostro progetto si allaccia naturalmente all'elettrificazione di Lugano, con la differenza che sul Ceresio si elettrificano battelli storici, mentre per il Verbano se ne vogliono realizzare di nuovi. Sto parlando di un progresso tecnologico che sarebbe un fiore all'occhiello da vendere oltre Gottardo e all'estero. Per il processo infrastrutturale sul bacino svizzero del Lago Maggiore vedo dei Comuni pronti a sostenerci. È necessario che con i partner italiani ci sia un accordo di lungo respiro, e non di mero affitto, ma di sviluppo. Ora più che mai è necessario il sostegno di tutti: Cantone, territorio locale, autorità federali, associazioni di categoria. Qui non è in gioco il ruolo di Snl, ma lo sviluppo sostenibile della navigazione, i posti di lavoro di domani, le risposte alle nuove richieste turistiche, lo sviluppo turistico del Locarnese. Snl è disponibile con tutte le proprie forze a essere promotore di questo importante progetto.

In particolare?

Abbiamo previsto l'acquisto di 2 nuovi natanti elettrici (da 120-130 posti), scaglionati nel tempo. Avevamo i contratti sul tavolo. Firmandoli entro metà ottobre saremmo stati pronti per maggio-giugno, almeno con uno, per impegnarci sulla Locarno-Magadino o sulla Ascona-Isole. Purtroppo non abbiamo raggiunto un accordo in tempo utile nelle trattative ministeriali, così i contratti non sono stati perfezionati. Ma il tema rimane e su questo si sta discutendo, così come dell'allargamento della comunità tariffale. Un altro aspetto in discussione è la possibilità di effettuare, come Snl, corse turistiche anche sul bacino italiano. Sarebbe un bell'esempio di cooperazione transfrontaliera, che permetterebbe uno sviluppo integrato di tutto il lago, favorendo l'interscambio di turisti a beneficio dell'intero territorio.

Lo stato attuale delle cose?

Berna ci ha sempre sostenuto, così come il territorio. Ora bisogno che il Cantone supporti lo sviluppo di una navigazione innovativa ed ecologicamente sostenibile. Questo ci permetterebbe ad esempio di promuovere molto meglio le Isole di Brissago. Il concetto è semplice e circolare: utilizzare il trasporto pubblico per andare ad aumentare quello turistico, che a sua volta incrementerà il trasporto pubblico. In vista del 2026, un mancato rinnovo della convenzione italo-svizzera sarebbe il far west dei laghi. Tutti abbiamo l'interesse che rimanga valida. Dobbiamo fare in modo che il progetto originario, promosso da Leuthard e Delrio, possa finalmente vedere la luce.

Ti-Press
Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved