laRegione
locarnese-la-perseguitava-condannato-per-stalking
(Foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
4 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
5 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
5 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
7 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
7 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
7 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
8 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
8 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
8 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Luganese
8 ore

Massagno approva i Conti 2020 e accoglie 3 nuovi consiglieri

Luce verde dal Consiglio comunale al Preventivo e relativo moltiplicatore al 77%. Entrano in carica Maria D'Amelio, Karen Mangili ed Emilio Corti
Locarnese
8 ore

Locarno, spettacoli annullati al Teatro Paravento

La speranza è di poterli riproporre nel corso dell'anno
Ticino
8 ore

'Strade sicure subito', passi avanti a Berna

La Commissione trasporti del Nazionale dà il via libera all'iniziativa cantonale ticinese di Storni (Ps). Approderà in aula nella sessione di giugno
Mendrisiotto
8 ore

Morbio Inferiore apre gli sportelli su appuntamento

La misura è stata presa a tutela della salute di cittadini e dipendenti comunali. Il Comune sarà raggiungibile via telefono e posta
Locarnese
9 ore

L'annuario del Papio di Ascona si rifà il look

Pronta la più recente edizione del ‘Virtutis Palaestra’, con foto a colori e il racconto di un anno intero al collegio
Bellinzonese
9 ore

Comunali, ratifica delle liste online per il Plr Riviera

Il 29 gennaio la sezione si riunirà in assemblea sulla piattaforma Zoom. All'ordine del giorno la ratifica dei candidati per Municipio e Consiglio comunale
Locarnese
13.01.2021 - 19:290

Locarnese: la perseguitava, condannato per stalking

Venti mesi di carcere da scontare, poi il trentenne spagnolo sarà espulso dalla Svizzera per 7 anni. La vittima: 'Non voglio più vivere nella paura'

Non accettava la sua decisione di lasciarlo, dunque ha iniziato una vera e propria persecuzione nei confronti della sua ex compagna. «Volevo farle provare il male che lei stava facendo a me, vendicarmi», ha ammesso l’uomo di 30 anni a processo alle Assise correzionali di Locarno in Lugano. «Ha agito in maniera spregevole conscio dell’impatto psicologico che aveva sulla vittima», ha commentato la presidente della giuria Francesca Verda Chiocchetti nell'emettere la condanna contro il cittadino spagnolo. Venti i mesi di carcere da scontare, deducendo il periodo preventivo già espiato, ed espulsione dalla Svizzera per 7 anni. 

Il lungo atto d’accusa, i cui contenuti sono stati totalmente ammessi dall’imputato, eccetto un danneggiamento di lieve entità, riporta centinaia di tentativi da parte dell’uomo di entrare in contatto con la ex compagna – presente in aula – tramite telefono, mail, messaggi scritti e vocali, passando dal manifestarle il proprio sentimento a vere e proprie ingiurie e minacce di morte. Oltre a ciò la controllava in modo ossessivo, sorvegliandola sui social media e appostandosi sotto casa.

I fatti si sono perpetrati per oltre un anno tra il 2019 e il 2020. In tale periodo l’uomo è stato messo per due volte in carcerazione preventiva e successivamente liberato in favore di misure sostitutive all’arresto. Fuori dalla prigione ha però ripetutamente disobbedito alle decisioni dell’autorità che gli vietavano di avvicinarsi e di contattare la donna, motivo per cui dallo scorso aprile è stato incarcerato per la terza volta.

‘Voleva tenerla sotto controllo’

Stando al procuratore pubblico Zaccaria Akbas, l’imputato durante l’inchiesta ha sempre dimostrando il proprio assillo per la donna. Citando la perizia, ha sottolineato la sua incapacità di provare sensi di colpa e la tendenza ad addossarla agli altri, come nella dichiarazione da lui rilasciata poco prima in fase di requisitoria – «Se non fosse per la mia ex compagna non sarei qui a processo ora» –, che il pp ha reputato in contraddizione con il pentimento espresso. «È chiaramente uno stalker», ha detto Akbas, che ha definito i suoi atti ossessivamente persecutori e molesti. Hanno generato nella vittima stati d’ansia e paura compromettendo la sua libertà.

Ha inoltre messo in luce che il trentenne ha rifiutato qualsiasi aiuto di tipo psicologico e che ogni volta che è uscito ha ripreso a molestarla. «Non c’è elemento che permetta di prevedere che non lo faccia anche in futuro. La perizia parla di un rischio di recidiva alto, con fatti più gravi di quelli commessi».

La sua richiesta di pena è stata di 20 mesi da espiare per coazione, 60 aliquote da 30 franchi per ingiuria, oltre all'espulsione dalla Svizzera per 10 anni. La richiesta dell'avvocato di parte civile Carlo Borradori è invece stata di 3'000 franchi per torto morale.

Le parole della vittima affidate a una lettera

Borradori ha poi spiegato il motivo della presenza in aula della vittima: «La sua ex compagna – ha detto rivolgendosi all'imputato – non è qui per provocarla, non ne avrebbe la forza, ha vinto lei. È qui per pronunciare il suo ultimo grido di aiuto alle autorità penali e supplicarla di dimenticarsene». Ha dunque letto uno scritto dalla donna: “Da questo 13 gennaio non voglio più avere paura. Scrivo queste righe perché vorrei che anche le mie parole abbiano un peso, che la mia tristezza abbia voce. (...) La violenza psicologica che ho subito è invisibile agli occhi ma frastorna i sentimenti e le emozioni, è difficile da guarire. Cambia il tuo sorriso, cambia il tuo appetito, cambia la tua anima. Senza alcun motivo ti senti sbagliata. (...) Ho dedicato tante energie a quello che mi è successo, mi sento tutt’ora rinchiusa in una prigione di parole e atti che mi hanno distrutta. Tutta questa energia avrei voluto usarla per le mie bambine. Non voglio più vivere nella paura».

'Punirlo sì, ma permettergli di ripartire'

Nel pronunciare la propria arringa, contestualizzando i reati all’interno di un quadro di disagio sociale, l’avvocata della difesa Flavia Marone, che si è battuta per una riduzione della pena detentiva chiesta dal pp e contro l'espulsione, ha definito la vicenda «triste, perché si parla di sentimenti, violenza, e carcere. Hanno perso entrambi, non ci sono vincitori». Ha poi sostenuto come l’imputato abbia capito che il suo sentimento è stato espresso con modi non legittimi.  «Che paghi sì, come è disposto a fare, ma che gli sia anche data la possibilità di ripartire in Svizzera, dove ha quel poco che gli è rimasto: il padre e i due fratelli».

'Ha ancora voluto avere un ruolo nella sua vita'

Nel condannarlo, la giudice, che si è detta non convinta del suo pentimento, ha confermato le richieste dell'accusa, con l'eccezione del numero di anni di espulsione tenendo in considerazione la collaborazione e il trascorso non facile del trentenne. Il reato di coazione è stato definito medio-grave a causa della particolare intensità con cui ha perseguitato la vittima, coinvolgendo in certe occasioni pure le sue figlie. Anche durante il processo, dando un consiglio alla donna su come accudire le bambine, «ha voluto ancora avere un ruolo nella sua vita». Gli altri capi d’imputazione confermati sono vie di fatto, danneggiamento, minaccia, ingiuria, ripetuta disobbedienza a decisioni dell’autorità e contravvenzioni alla Legge federale sugli stupefacenti.

© Regiopress, All rights reserved