mogno-per-quest-anno-si-rinuncia-allo-sci-alpino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
17 min

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
40 min

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
1 ora

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
Luganese
2 ore

Atti sessuali con fanciulli, ‘ora devo dirlo a mio marito’

Un 55enne è stato condannato per aver avuto rapporti con un 14enne, parente acquisito. ‘Doveva essere una figura di fiducia, ma si è rivelato l’opposto’
Locarnese
2 ore

Gambarogno, le autorità ricevono i neo 18enni (nel fortino)

Una ventina i giovani che hanno partecipato al tradizionale incontro
Luganese
2 ore

A Lugano va in scena il festival delle due ruote

Bike Emotions raddoppia con gare e attività varie sull’arco di quattro giorni a fine mese. Tra le novità, una pedalata in e-bike.
Luganese
2 ore

Vezia, il Municipio incontra i 18enni

Cerimonia con i neo-maggiorenni del paese ai quali il sindaco ha presentato il progetto “Laboratorio di Villaggio”
Locarnese
3 ore

Verzasca, incontro con Flavio Zappa a Castello Marcacci

Domani i luoghi dimenticati della valle al centro della conferenza dello storico, che parlerà anche del senso della memoria
Bellinzonese
3 ore

All’asta in Riviera mezzo quintale di canapa, ma è light

Proviene dall’attività di una società di Iragna fallita nel 2020. Il capo Sezione fallimenti: oggetti talvolta particolari, purché siano legali
Locarnese
3 ore

Ascona, promosso il progetto della copertura della Siberia

In Consiglio comunale l’idea di un tetto per la pista di ghiaccio ha raccolto unanime consenso
Locarnese
3 ore

Al Paravento Yari Bernasconi e la musica classica indiana

Venerdì la poesia e il sabato note folk di qualità per gli ultimi due appuntamenti della stagione inverno-primavera
21.12.2020 - 21:36

Mogno, per quest'anno si rinuncia allo sci alpino

La piccola stazione della Lavizzara, complice l'emergenza sanitaria, cancella i corsi di Natale e Capodanno per i bambini. La pista di fondo rimarrà aperta.

Mai decisione fu più sofferta, a Mogno. Dinnanzi ai numeri crescenti e preoccupanti della pandemia e per evitare rischi, a malincuore, i responsabili della piccola stazione sciistica della Lavizzara hanno deciso: almeno per quest'anno, niente sci. Pony lift e skilift fermi, dunque, corsi annullati, bambini e genitori non certo felici.

«Tutti abbiamo sperato fino all'ultimo che la situazione Covid potesse migliorare e l’allarme rientrare– spiega Ilaria Poletti, segretaria e cassiera dello Sci club Lavizzara – invece il peggioramento dell’ultimo periodo e la decisione del Consiglio federale di attuare un lockdown dei ristoranti ci ha costretti a riflettere e a prendere ulteriori decisioni». L'idea era quella d'iniziare col corso di sci natalizio e proseguire con quello di Capodanno. Anche perché «nelle ultime settimane abbiamo elaborato e messo in atto i piani di protezione richiesti, studiati appositamente per la sicurezza della nostra struttura. Eravamo pronti a ogni sforzo (e con molti più volontari a disposizione che negli anni passati) e a svolgere le attività rispettando le regole e facendole rispettare, proteggendo così i nostri piccoli e grandi ospiti».

Le condizioni erano ottimali: neve, molti iscritti ai corsi, più volontari a disposizione

Un'illusione durata fino a quando, da Berna, venerdì scorso, il Consiglio federale ha deciso di chiudere le strutture di ristoro. «Abbiamo recepito quello che ci è sembrato un “grido di aiuto e allarme” dalla Confederazione e, dopo un’analisi attenta, ci siamo convinti che la decisione ancora più giusta, responsabile e di aiuto per contenere i contagi era quella di chiudere gli impianti e, di conseguenza, annullare i corsi sci, disdire i pernottamenti in colonia (struttura e ristorante) e far cadere le varie manifestazioni che sicuramente avrebbero portato molto movimento turistico. Questa rinuncia è ancor più dolorosa perché arriva in un anno di buon innevamento, con molti iscritti ai corsi, con ottime previsioni di frequenza di ospiti e qualche progetto ancora da sviluppare per dare maggiori servizi agli appassionati della neve: davvero non ci voleva!» – commenta Ilaria Poletti. A onor del vero, una piccola parte dell'offerta di sport invernali, a Mogno, sarà comunque garantita: «assicuriamo l'apertura della pista di sci nordico (fondo) e appronteremo degli spazi per piccole discese sulla neve dove le famiglie potranno liberamente passare delle ore divertendosi».

‘Aprire nell'incertezza e senza la ristorazione? Impossibile!‘

Per il presidente Maurizio Dazio, al secolo “Meury”, dopo gli sforzi (anche finanziari) compiuti negli scorsi mesi per preparare al meglio la stazione sportiva, il rammarico è forte: «Tutti gli anni ci ritroviamo in gruppo a Mogno per le nostre vacanze e il tempo libero lo trascorriamo facendo ciò che ci piace: lavoriamo per preparare la stagione fredda e ci divertiamo al tempo stesso. Aprire nell'incertezza e con questa situazione di pandemia non sarebbe la stessa cosa; dovremmo vigilare come dei gendarmi per far rispettare le regole “anti-covid”. Gestire la piccola stazione sciistica è una passione che abbiamo nel cuore, ma abbiamo a cuore anche la salute dei nostri ospiti. Tenere in funzione solo l’impianto di sci senza la presenza degli altri servizi richiederebbe, al Comitato, sforzi davvero insostenibili dal momento che risediamo fuori zona. In tempi normali, la gestione delle strutture è ben pianificata vista la possibilità di essere presenti 24/24 h sul terreno e di occuparci dei vari compiti durante le ore d'inattività della giornata, la sera o il mattino presto. Ho anch'io due figli piccoli e la notizia non ha fatto loro piacere ma la nostra scelta è da intendere per la salute di tutti» – conclude l'inossidabile presidente del sodalizio.

Lo Sci club ringrazia tutti i sostenitori e sponsor dell'aiuto e si impegna a riaprire la piccola stazione non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiusura fondo lavizzara mogno piccola stazione pista ristorazione sci
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved