ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
25 min

Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani

La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Mendrisiotto
1 ora

Giovani e sportivi a Chiasso, la gran parte è ticinese

Passate in rassegna le società attive sul territorio comunale, è emerso che gli atleti provenienti dall’estero sono la minoranza
Luganese
2 ore

Cantiere in vista in via Maraini a Lugano

Da lunedì 6 febbraio e per quattro giorni il traffico sarà regolato da agenti di sicurezza
Bellinzonese
2 ore

Le Terre del Ceneri incontrano la Città dei mestieri

Mercoledì 15 marzo porte aperte nelle aziende formatrici del territorio di Cadenazzo, Gambarogno e Monteceneri
Locarnese
3 ore

Chiacchiere al camino in compagnia di Zeno Ramelli

L’incontro con lo storico e giornalista, inserito nelle attività di ‘Natal in Vall’, si terrà giovedì nel Castello Marcacci di Brione Verzasca
Ticino
3 ore

Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie

Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
4 ore

Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche

A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
4 ore

Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno

Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
4 ore

Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’

La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
6 ore

Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta

Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
6 ore

Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’

Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
21.12.2020 - 21:36

Mogno, per quest'anno si rinuncia allo sci alpino

La piccola stazione della Lavizzara, complice l'emergenza sanitaria, cancella i corsi di Natale e Capodanno per i bambini. La pista di fondo rimarrà aperta.

mogno-per-quest-anno-si-rinuncia-allo-sci-alpino

Mai decisione fu più sofferta, a Mogno. Dinnanzi ai numeri crescenti e preoccupanti della pandemia e per evitare rischi, a malincuore, i responsabili della piccola stazione sciistica della Lavizzara hanno deciso: almeno per quest'anno, niente sci. Pony lift e skilift fermi, dunque, corsi annullati, bambini e genitori non certo felici.

«Tutti abbiamo sperato fino all'ultimo che la situazione Covid potesse migliorare e l’allarme rientrare– spiega Ilaria Poletti, segretaria e cassiera dello Sci club Lavizzara – invece il peggioramento dell’ultimo periodo e la decisione del Consiglio federale di attuare un lockdown dei ristoranti ci ha costretti a riflettere e a prendere ulteriori decisioni». L'idea era quella d'iniziare col corso di sci natalizio e proseguire con quello di Capodanno. Anche perché «nelle ultime settimane abbiamo elaborato e messo in atto i piani di protezione richiesti, studiati appositamente per la sicurezza della nostra struttura. Eravamo pronti a ogni sforzo (e con molti più volontari a disposizione che negli anni passati) e a svolgere le attività rispettando le regole e facendole rispettare, proteggendo così i nostri piccoli e grandi ospiti».

Le condizioni erano ottimali: neve, molti iscritti ai corsi, più volontari a disposizione

Un'illusione durata fino a quando, da Berna, venerdì scorso, il Consiglio federale ha deciso di chiudere le strutture di ristoro. «Abbiamo recepito quello che ci è sembrato un “grido di aiuto e allarme” dalla Confederazione e, dopo un’analisi attenta, ci siamo convinti che la decisione ancora più giusta, responsabile e di aiuto per contenere i contagi era quella di chiudere gli impianti e, di conseguenza, annullare i corsi sci, disdire i pernottamenti in colonia (struttura e ristorante) e far cadere le varie manifestazioni che sicuramente avrebbero portato molto movimento turistico. Questa rinuncia è ancor più dolorosa perché arriva in un anno di buon innevamento, con molti iscritti ai corsi, con ottime previsioni di frequenza di ospiti e qualche progetto ancora da sviluppare per dare maggiori servizi agli appassionati della neve: davvero non ci voleva!» – commenta Ilaria Poletti. A onor del vero, una piccola parte dell'offerta di sport invernali, a Mogno, sarà comunque garantita: «assicuriamo l'apertura della pista di sci nordico (fondo) e appronteremo degli spazi per piccole discese sulla neve dove le famiglie potranno liberamente passare delle ore divertendosi».

‘Aprire nell'incertezza e senza la ristorazione? Impossibile!‘

Per il presidente Maurizio Dazio, al secolo “Meury”, dopo gli sforzi (anche finanziari) compiuti negli scorsi mesi per preparare al meglio la stazione sportiva, il rammarico è forte: «Tutti gli anni ci ritroviamo in gruppo a Mogno per le nostre vacanze e il tempo libero lo trascorriamo facendo ciò che ci piace: lavoriamo per preparare la stagione fredda e ci divertiamo al tempo stesso. Aprire nell'incertezza e con questa situazione di pandemia non sarebbe la stessa cosa; dovremmo vigilare come dei gendarmi per far rispettare le regole “anti-covid”. Gestire la piccola stazione sciistica è una passione che abbiamo nel cuore, ma abbiamo a cuore anche la salute dei nostri ospiti. Tenere in funzione solo l’impianto di sci senza la presenza degli altri servizi richiederebbe, al Comitato, sforzi davvero insostenibili dal momento che risediamo fuori zona. In tempi normali, la gestione delle strutture è ben pianificata vista la possibilità di essere presenti 24/24 h sul terreno e di occuparci dei vari compiti durante le ore d'inattività della giornata, la sera o il mattino presto. Ho anch'io due figli piccoli e la notizia non ha fatto loro piacere ma la nostra scelta è da intendere per la salute di tutti» – conclude l'inossidabile presidente del sodalizio.

Lo Sci club ringrazia tutti i sostenitori e sponsor dell'aiuto e si impegna a riaprire la piccola stazione non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved