locarno-sul-paloc-4-la-sinistra-e-alquanto-critica
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
4 ore

San Vittore: audit esterno e querele archiviate dalla Procura

Coira ha firmato due Decreti d’abbandono per la sindaca e un membro della Gestione denunciatisi a vicenda. Istituto analizzerà l’Amministrazione comunale
Mendrisiotto
5 ore

Eventi a Mendrisio, la Lista civica vuole la distinta

Il gruppo interroga la Città in nome della trasparenza. Alla lente società e contributi a fronte dell’ipotesi di tagliare mezzo milione
Ticino
5 ore

Il Conservatorio: ‘Formazione musicale, la politica ora agisca’

Nel Rapporto 2021 il direttore Brenner a 10 anni dal voto popolare ‘bacchetta’ per i ritardi. Medici: ‘Offriamo un’educazione di alta valenza formativa’
Mendrisiotto
6 ore

Uno scippo e poche rapine, ma più sfratti e atti giudiziari

La sicurezza tiene nella Regione I di Polizia nel Sud del Mendrisiotto. A mettere a dura prova i cittadini sono le difficoltà effetto della pandemia
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, 45 consiglieri comunali bastano

Il gruppo Lega-Udc rilancia, per la terza volta, la mozione che chiede di abbattere il numero di membri del legislativo e delle commissioni
Ticino
6 ore

Capanne pronte ad accogliere gli escursionisti

L’offerta della Federazione alpinistica ticinese si è arricchita di altri ottanta posti letto
Ticino
6 ore

Il turismo rallenta, ma l’estate sarà ottima

Difficilmente si replicherà la stagione dello scorso anno, ma le prospettive restano positive per gli operatori del settore
Gallery
Bellinzonese
7 ore

Serravalle, in scena ‘Visioni di una battaglia in corso’

Il 26, 27 e 28 di maggio il Teatro Tan di Biasca ritornerà ad animare la fortezza bleniese con la pièce di Remo Binosi
Mendrisiotto
8 ore

Ospitava uno spacciatore e si faceva pagare in coca: condannato

Un 50enne del Mendrisiotto condannato per complicità all’infrazione aggravata alla Legge sugli stupefacenti. Come ‘affitto’ riceveva la sostanza.
21.12.2020 - 17:28
Aggiornamento : 21:32

Locarno, sul PALoc 4 la Sinistra è alquanto critica

Il Programma d'agglomerato presenterebbe diverse lacune e non sarebbe in grado di fornire risposte esaustive in vari ambiti. Sui posteggi serve una strategia

Programma d’agglomerato di quarta generazione (PALoc 4) all'esame dei vari gruppi politici. A far sentire, per primo, la propria voce è il Partito socialista, la cui sezione di Locarno (spalleggiata dal suo Gruppo di lavoro territorio e ambiente), ha inoltrato le proprie osservazioni relative al dossier, nell’ambito della fase di consultazione del corposo incarto. Nella dettagliata analisi, la Sinistra ritiene che il PALoc4 non “poggi ancora su una sufficiente metodologia di lavoro. Manca di una procedura standard per l’elaborazione generale, così come delle singole misure. In pratica ci si sarebbe limitati a una semplice ‘lista della spesa’ con le singole schede, senza esaminare le altre esigenze pianificatorie dei Comuni o senza dar loro un indirizzo in tal senso”. Tra le criticità sulle quali il Ps focalizza la propria attenzione citiamo la densificazione incontrollata (vedasi sviluppo dei tre assi cittadini di via Franzoni, via Varesi e via Varenna, il cui sviluppo “non racchiude una logica unitaria o, ancora, la valorizzazione urbanistica del quartiere Campagna priva di un’analisi preventiva”).

‘Crescita demografica? Attenti la popolazione calerà!‘

Si assiste quindi a una “densificazione a volte caotica e fuori controllo” di queste componenti urbane. Non è di aiuto, sempre sondo a Sezione del Ps, l'evoluzione della curva demografica. Il PALoc 4 si baserebbe su previsioni vecchie (del 2005), ormai superate. La diminuzione demografica a partire dal 2030 porterà a un calo della domanda di alloggi. Mentre quelli vuoti, in città sono oltre mille. In questo contesto, il timore degli interessati è le zone ben servite dal traffico e densamente edificate “vengano destinate nei prossimi anni a residenze secondarie generando un fenomeno difficilmente reversibile”.

La disamina prosegue con altri temi, come quello dei posteggi pubblici (“il loro proliferare senza un preventivo conteggio e a volte senza neppure essere pianificati rischia, infatti, di vanificare il lavoro del PALoc; manca, insomma, una strategia di agglomerato per lasciare i posteggi in periferia”) e la mobilità lenta. Al riguardo di quest'ultima, “se da un lato l’estensione della rete ciclabile e l’implementazione del bike sharing sono sforzi certamente apprezzabili, dall’altro le misure per la trasformazione da uso ricreativo a uso utilitaristico del sistema sono insufficienti.

‘Il quarto ponte sulla Maggia, non risolve i problemi’

Rileviamo in particolare una carenza di attenzione alla possibilità d’interscambio tra traffico ciclabile e trasporto pubblico, alla quale si potrebbe ovviare prevedendo ad esempio posteggi per biciclette coperti in prossimità delle fermate degli autobus oppure la possibilità di caricare le stesse direttamente sui mezzi pubblici». Un'ultima riflessione interessa da vicino il quarto ponte sulla Maggia, il cui progetto risulta alquanto indigesto alla formazione politica. La seconda passerella ciclopedonale, posizionata più verso il lago rispetto a quella inaugurata a giugno tra Locarno e Ascona, per la quale si prevede un investimento di 5,5 milioni, non risolverebbe i problemi per i quali è stata pensata e non offrirebbe un'alternativa competitiva alla nuova passerella. Tradotto, un doppione inutile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved