ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 min

Bellinzona, ‘L’usignolo’ per la prima di MaxiTeatro

Venerdì 30 settembre scatta la rassegna per adolescenti con lo spettacolo che trae spunto dalla fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen
Mendrisiotto
4 min

Sagra del Borgo, ‘rifiuti separati in modo corretto?’

In un’interrogazione al Municipio di Mendrisio, Claudia Crivelli Barella (L’AlternativA) evidenzia l’uso di bicchieri usa e getta
Locarnese
4 min

‘Evviva il fotovoltaico e le comunità di autoconsumo’

Le considerazioni “energetiche” del municipale Zanchi prima del voto favorevole ai 330mila franchi per l’impianto alla Scuola dell’infanzia ai Saleggi
Luganese
9 min

Val Mara, in arrivo castagnata e mercatino dell’usato

L’appuntamento è per domenica 23 ottobre in piazza Fontana a Rovio dalle 14 alle 17. Per il mercatino, necessario iscriversi.
Locarnese
18 min

Locarno, torna la Festa dei Popoli

Un ricco programma in Piazza Grande per imparare a conoscersi e a rispettarsi
Ticino
20 min

Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’

Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Mendrisiotto
22 min

A Balerna una serata di approfondimento sulle Arp

Appuntamento all’11 ottobre all’aula magna delle scuole medie. Interverranno Franco Lardelli, Alessia Dolci e Mario Ferrarini.
Mendrisiotto
33 min

Kiwanis Mendrisiotto, 40 anni di amicizia e solidarietà

Nel corso della sua attività, il Club momò ha raccolto e devoluto poco meno di due milioni di franchi
Mendrisiotto
33 min

Ha piovuto, ma il Basso Mendrisiotto risparmia ancora acqua

L’Age, l’azienda acqua gas ed elettricità della regione, invita la popolazione a mantenere bassi i livelli di consumo
Bellinzonese
40 min

Bellinzona, un’opera che ‘aumenta la qualità di vita’

Inaugurata ufficialmente la passerella ciclopedonale della Torretta che collega il centro storico turrito a Carasso e che valorizza la mobilità lenta
Bellinzonese
51 min

Lumino, sì al piano forestale contro incendi e pericoli naturali

Il Cc approva l’idea di aumentare l’utilità del bosco. Luce verde anche al piano climatico e alla mozione per una soluzione al traffico nel nucleo
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, il concorso ‘Ven scià... Cünta sü’ registra un en plein

Nella quarta edizione la poesia di Elena Sanna Bullo di Claro conquista il premio di categoria, il premio della critica e la menzione dell’autore
Locarnese
2 ore

Arcegno, la prima vendemmia al ‘Vigneto di Luca’

Vissuta come una festa da giovani e adulti la raccolta dell’uva. Dal 2024 le bottiglie saranno vendute a scopo benefico
Locarnese
2 ore

Attività Atte sezione Locarno e Valli

Ai soci verrà presentato giovedì il programma stagionale del Teatro di Locarno
Locarnese
2 ore

Locarno, nuova presidente per il Soroptimist

Guglielmina Montano guiderà il club fino al 2024; subentra a Ruth Wunderlin-Messmer
10.12.2020 - 11:47
Aggiornamento: 17:17

Museo di storia naturale a Locarno, progettazione al via

Costerà globalmente 45 milioni di franchi (36 per la realizzazione) e sarà pronto nel 2028

museo-di-storia-naturale-a-locarno-progettazione-al-via
Il comparto Santa Caterina (Ti-Press)

Per la progettazione 9,5 milioni di franchi e altri 36 milioni per la realizzazione, con inaugurazione nel 2028. Sono alcune delle cifre del futuro Museo cantonale di storia naturale che sorgerà nel comparto Santa Caterina nel nucleo storico di Locarno. Il consigliere di Stato e direttore del dipartimento del territorio Claudio Zali e il capo della sezione logistica Giovanni Realini hanno incontrato i rappresentanti dei media per annunciare l'avvio della progettazione, con un messaggio al Gran Consiglio che verrà affrontato nel corso del 2021.

Il Consiglio di Stato ha approvato il rapporto finale del Collegio d’esperti – che conclude la procedura dei Mandati di studio in parallelo del 4 settembre 2020 e che propone l’ipotesi progettuale sviluppata dallo Studio d'architettura Guscetti di Minusio – e la richiesta del credito necessario per la progettazione della nuova sede del Museo.
“Il comparto di Santa Caterina a Locarno offre un’ottima soluzione in vista della realizzazione di una nuova struttura museale d’interesse scientifico, culturale e turistico, in grado di produrre vantaggiosi impulsi anche di natura urbanistica – ha spiegato Realini –. Creando uno stretto connubio tra storia, cultura, scienza e natura, questa operazione di riqualifica permetterà di rendere fruibile al pubblico uno spazio verde in un contesto urbano, inserendosi nella strategia di valorizzazione delle
proprietà dello Stato”.
Alla fine del 2017 il governo aveva deciso di trasferire il Museo dalla sua attuale ubicazione presso il Palazzetto delle scienze
di Lugano al comparto Santa Caterina in Via delle Monache in centro a Locarno, ha ricordato Zali. Tale scelta, in linea con le passate decisioni governative che già avevano individuato nel Locarnese la destinazione della struttura museale, era avvenuta tenendo conto di una pluralità di aspetti, tra cui la conservazione e la riqualifica di un importante comparto di
proprietà del Cantone Ticino (il cui risanamento era già previsto), la posizione centrale di cui gode, l’ottima accessibilità con i trasporti pubblici, a piedi e in bicicletta (anche nell’ottica del futuro nodo intermodale della stazione Ffs ubicato nelle vicinanze) e la possibilità di messa in rete con istituzioni scientifiche e socio-culturali analoghe quali, ad esempio, il Parco botanico delle Isole di Brissago, il Parco del Piano di Magadino, il Museo archeologico di Locarno, la Fondazione Bolle di Magadino, l’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio, Agroscope, il Dipartimento formazione e apprendimento della Supsi, la Biblioteca cantonale, Meteosvizzera e il progetto della Casa delle Valli.
Con l’approfondimento, nel 2018, dello studio di fattibilità erano emerse le peculiarità e il valore storico-culturale del complesso di Santa Caterina e la necessità di coinvolgere sin da subito gli esperti del settore, gli attuali fruitori del complesso e la Città di Locarno, anche per anticipare le tematiche pianificatorie e contenere i costi.
In seguito, nel 2019 si era deciso di avviare una procedura dei mandati di studio in parallelo al fine di garantire un inserimento armonioso della nuova realtà museale nel contesto pregiato e protetto e, quindi, di valorizzare l'intero comparto, coinvolgendo fin da subito tutti i portatori d’interesse. Tale procedura aveva anche permesso di verificare i costi di investimento e i tempi di realizzazione, come pure di identificare soluzioni urbanistiche e pianificatorie consone e qualificanti per l’inserimento del Museo nel comparto di Santa Caterina.
“Le proposte scaturite dai Msp (Mandati di studio in parallelo) affrontano con originalità e competenza il tema, confermando la possibilità d’inserimento della nuova struttura museale all’interno del Comparto, proponendo quattro diverse ipotesi di ubicazione con riflessioni e soluzioni alternative tra loro – hanno aggiunto i relatori –. L’ipotesi progettuale raccomandata fornisce un concetto urbanistico organico e gli elementi necessari per concretare la modifica del Piano particolareggiato del fondo. Contemporaneamente identifica le basi indispensabili per la preparazione e l’allestimento del concorso di progettazione.

I contenuti

In sintesi, l'impianto medievale del convento (impianto poi rivisto nel corso dei secoli, ma tuttora leggibile) resterà e sarà restaurato in modo conservativo e ospiterà uffici, biblioteca, laboratori e depositi. Nella fascia sud verrà costruito un nuovo edificio su più piani per l'esposizione museale (circa 5mila metri quadri), la caffetteria, l'ingresso e un bookshop. Ci sarà pure spazio per l'attuale istituto scolastico Santa Caterina, che quindi resterà all'interno del comparto. Una delle peculiarità, sarà il parco verde, aperto al pubblico, su una superficie di oltre 8mila metri quadri, che – con un investimento di 1,7 milioni di franchi – sarà abbellito e reso attrattivo. Uno spazio di svago e un polmone nel cuore della città.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved