fioccano-le-firme-contro-le-antenne-5g-a-locarno
Un'antenna Swisscom affacciata sulla direttissima Ascona-Locarno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 ore

Losone, sfida al sindacato con i guanti di velluto

Intervista ai candidati Bianda (Ppd) e Catarin (Plr): uno scontro fra due amici e colleghi di Municipio. Ma qualche differenza di veduta emerge
Luganese
10 ore

Cadempino, si volta pagina in condizioni mutate

Faccia a faccia tra i candidati alla carica di sindaco, Tom Cantamessi e Juri Bonizzi
Ticino
11 ore

Scuole medie, professionali e speciali: nomine

Le decisioni del Consiglio di Stato per quanto riguarda direzioni e vicedirezioni degli istituti
Ticino
11 ore

Ancora pochi giorni per partecipare al Premio di giornalismo Atg

La scadenza per inoltrare i propri lavori è il 10 maggio. Le categorie sono cinque: stampa scritta, televisione, radio, fotografia e online
Ticino
12 ore

La Prestazione ponte Covid si rafforza e si allunga

Aumentati gli importi massimi, eliminato il limite dei 65 anni, adeguate le soglie e prorogata fino al 31 dicembre. De Rosa: 'Aiuteremo più persone'
Luganese
12 ore

In Valmara, American flag virtuale

La mostra della Artust coinvolgerà quattro Comuni del Basso Ceresio
gallery
Mendrisiotto
13 ore

Mendrisio, quando la fotografia è anche memoria

Piazzale alla Valle ospita fino al 24 maggio la mostra "Tracce della memoria", esposizione itinerante a cura dell'agenzia fotografica Ti-Press
Gallery
Mendrisiotto
13 ore

Terza corsia A2, i contrari a Palazzo federale con 6'300 firme

Consegnata la petizione che fa muro al progetto dell'Ustra. Ad aderire cittadini di Mendrisiotto, Basso Ceresio e Luganese
Luganese
13 ore

San Salvatore, in vetta per la festa

Annunciate per domenica novità e animazioni per celebrare le mamme alle quali gli ospiti potranno fare gli auguri e liberarli in cielo.
Locarnese
13 ore

Minusio, scatta la polemica sul vicesindacato

Alessandro Mazzoleni (Uniti x Minusio) privato della carica dopo 7 anni: ‘Triste e deluso’. Il Municipio a maggioranza assoluta Plr gli ha preferito Mondada
Locarnese
21.10.2020 - 15:490

Fioccano le firme contro le antenne 5G a Locarno

Terza petizione in poco tempo. Il nuovo impianto nel quartiere Rusca e Saleggi, a due passi dalla Scuola dell'infanzia. Genitori preoccupati

Un’altra raccolta di firme contro la posa di antenne per la tecnologia 5G. Ed è la terza nel giro di poche settimane. Succede a Locarno, questa volta nel quartiere Rusca e Saleggi. Le due precedenti – ognuna capace di coinvolgere circa 700 persone – esprimevano preoccupazione per altrettanti impianti di telefonia mobile nel quartiere Campagna.

A fare riferimento alla terza petizione, di cui tra l’altro è il primo firmatario, è Marko Antunovic, consigliere comunale dei Verdi, che unitamente al collega Matteo Buzzi ha appena presentato al Municipio di Locarno un’interpellanza (e non è la prima nemmeno questa) sulla tematica e la confusione che continua a gravare su di essa.

‘E le linee guida cantonali?’

L’interpellanza dà notizia di una nuova antenna per cui Swisscom ha pubblicato una domanda di costruzione all’albo comunale. Il problema è che sorgerebbe a 50 metri dalla Scuola dell’infanzia dei Saleggi e a poco più di 100 dal Liceo cantonale. Inoltre, “a pochi metri si trovano anche la Scuola elementare e le Scuole medie di Locarno”. Se fossero applicate le linee guida cantonali del 2016 con il relativo esempio del sistema a cascata, notano i firmatari dell’interpellanza, “l’antenne sarebbe in pieno contrasto” con le normative. “Il principio del modello a cascata prevede inoltre che prima di raggiungere la zona di minima priorità si dovrebbero esaurire le altre, ciò che non sembra il caso”. Viene rilevato che “la scuola dell’infanzia non è neppure menzionata nei Laus nella scheda. Perché? Luoghi sensibili come questi rientrano nella minima nel modello a cascata. Inoltre, se si consulta la Legge federale sulla protezione dell’ambiente, si legge il seguente principio: ‘Le limitazioni delle emissioni sono inasprite se è certo o probabile che gli effetti, tenuto conto del carico inquinante esistente, divengano dannosi o molesti’”.

Viene inoltre contestato l’interesse pubblico dell’antenna, “che oltre ad essere in un luogo molto delicato per i gruppi di persone toccati, sarebbe la settima antenna 5G a Locarno (se non si considera quella provvisoria sulla Posta). Il numero di antenne di quinta generazione nel Comune, soprattutto considerando i loro raggi di copertura, non può e non deve essere infinito”.

'Attendere le procedure di ricorso’

Poi nell’interpellanza viene criticata la politica di Swisscom, che “anziché limitarsi ad un servizio pubblico su mandato della Confederazione, erigendo un numero potenzialmente enorme di antenne lavora per fini di profitto. Così facendo lede gravemente il principio di precauzione, poiché l’intervento non rispetta il principio della proporzionalità”. Swisscom, ancora, “dovrebbe essere tenuta ad attendere l’esito finale di tutte le procedure di ricorso riguardanti le domande di costruzione o potenziamento relative alle antenne di telefonia mobile a Locarno prima di introdurre altre domande di costruzione, soprattutto in luoghi vicinissimi a scuole, addirittura scuole dell’infanzia”.

Infine al Municipio vengono poste domande sul trend di costruzione di antenne 5G in città; sull’interessamento pubblico merito e sulle intenzioni operative “per tutelare i bambini da un potenziale danno alla salute”; su un’eventuale valutazione “della possibilità di definire un numero massimo di antenne nella città”, pianificandone l'introduzione; e sul perché “ancora oggi a Locarno non vengano applicate le linee guida cantonali a cascata”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved