fioccano-le-firme-contro-le-antenne-5g-a-locarno
Un'antenna Swisscom affacciata sulla direttissima Ascona-Locarno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
16 min

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l‘uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ’Controlli delle paritetiche senza senso e vessatori’
Ticino
1 ora

Finiscono le vacanze, ricominciano le colonne al Gottardo

Il rientro dal ponte dell’Ascensione sta causando colonne fino a 11km fra Faido e Airolo con tempi di attesa intorno alle 2 ore
Locarnese
1 ora

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
2 ore

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
2 ore

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
19 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
20 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
1 gior

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
21.10.2020 - 15:49

Fioccano le firme contro le antenne 5G a Locarno

Terza petizione in poco tempo. Il nuovo impianto nel quartiere Rusca e Saleggi, a due passi dalla Scuola dell'infanzia. Genitori preoccupati

Un’altra raccolta di firme contro la posa di antenne per la tecnologia 5G. Ed è la terza nel giro di poche settimane. Succede a Locarno, questa volta nel quartiere Rusca e Saleggi. Le due precedenti – ognuna capace di coinvolgere circa 700 persone – esprimevano preoccupazione per altrettanti impianti di telefonia mobile nel quartiere Campagna.

A fare riferimento alla terza petizione, di cui tra l’altro è il primo firmatario, è Marko Antunovic, consigliere comunale dei Verdi, che unitamente al collega Matteo Buzzi ha appena presentato al Municipio di Locarno un’interpellanza (e non è la prima nemmeno questa) sulla tematica e la confusione che continua a gravare su di essa.

‘E le linee guida cantonali?’

L’interpellanza dà notizia di una nuova antenna per cui Swisscom ha pubblicato una domanda di costruzione all’albo comunale. Il problema è che sorgerebbe a 50 metri dalla Scuola dell’infanzia dei Saleggi e a poco più di 100 dal Liceo cantonale. Inoltre, “a pochi metri si trovano anche la Scuola elementare e le Scuole medie di Locarno”. Se fossero applicate le linee guida cantonali del 2016 con il relativo esempio del sistema a cascata, notano i firmatari dell’interpellanza, “l’antenne sarebbe in pieno contrasto” con le normative. “Il principio del modello a cascata prevede inoltre che prima di raggiungere la zona di minima priorità si dovrebbero esaurire le altre, ciò che non sembra il caso”. Viene rilevato che “la scuola dell’infanzia non è neppure menzionata nei Laus nella scheda. Perché? Luoghi sensibili come questi rientrano nella minima nel modello a cascata. Inoltre, se si consulta la Legge federale sulla protezione dell’ambiente, si legge il seguente principio: ‘Le limitazioni delle emissioni sono inasprite se è certo o probabile che gli effetti, tenuto conto del carico inquinante esistente, divengano dannosi o molesti’”.

Viene inoltre contestato l’interesse pubblico dell’antenna, “che oltre ad essere in un luogo molto delicato per i gruppi di persone toccati, sarebbe la settima antenna 5G a Locarno (se non si considera quella provvisoria sulla Posta). Il numero di antenne di quinta generazione nel Comune, soprattutto considerando i loro raggi di copertura, non può e non deve essere infinito”.

'Attendere le procedure di ricorso’

Poi nell’interpellanza viene criticata la politica di Swisscom, che “anziché limitarsi ad un servizio pubblico su mandato della Confederazione, erigendo un numero potenzialmente enorme di antenne lavora per fini di profitto. Così facendo lede gravemente il principio di precauzione, poiché l’intervento non rispetta il principio della proporzionalità”. Swisscom, ancora, “dovrebbe essere tenuta ad attendere l’esito finale di tutte le procedure di ricorso riguardanti le domande di costruzione o potenziamento relative alle antenne di telefonia mobile a Locarno prima di introdurre altre domande di costruzione, soprattutto in luoghi vicinissimi a scuole, addirittura scuole dell’infanzia”.

Infine al Municipio vengono poste domande sul trend di costruzione di antenne 5G in città; sull’interessamento pubblico merito e sulle intenzioni operative “per tutelare i bambini da un potenziale danno alla salute”; su un’eventuale valutazione “della possibilità di definire un numero massimo di antenne nella città”, pianificandone l'introduzione; e sul perché “ancora oggi a Locarno non vengano applicate le linee guida cantonali a cascata”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved