ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
57 min

Dai Tilo ai bus tra Taverne-Torricella e Lamone-Cadempino

Le misure sono dovute a lavori infrastrutturali per l’adattamento dei marciapiedi nella stazione. Sono da prevedere tempi di percorrenza più lunghi.
Luganese
1 ora

Cantori della Stella in missione a Berna

Tra i gruppi svizzeri, che saranno a Palazzo federale per incontrare i membri del Parlamento, anche uno proveniente da Tesserete
Locarnese
1 ora

Valmaggia, il Giro del Mondo di Emilio Balli

In occasione dell’Assemblea di venerdì il Museo illustrerà il programma d’attività futuro. Si ripartirà con una mostra inedita e prestigiosa
Luganese
1 ora

Dfa, consegnati i premi del Lions club Ceresio

I riconoscimenti per le migliori tesi di Bachelor sono stati attribuiti a Martina Poggi (Scuola elementare) e a Sofia Pisottu (Scuola dell’infanzia)
Grigioni
2 ore

Frana in Val Calanca: sgombero a pieno regime

Le previsioni meteo potrebbero compromettere la riapertura della strada attesa per la fine di settimana
Luganese
15 ore

Campione d’Italia in versione Natale 2022 fra musica e doni

Doppio appuntamento, giovedì 8 e domenica 18 dicembre, nell’enclave con la ‘Casa di Babbo Natale’ e tanto altro
Luganese
17 ore

I pompieri di Melide celebrano Santa Barbara

Patrona di minatori e vigili del fuoco; la cerimonia si è svolta presso la sede intervento Ffs
Locarnese
18 ore

Moghegno, 14esima edizione della Via dei presepi

Da domenica al 6 gennaio saranno esposte al pubblico, nelle pittoresche vie del nucleo, 25 natività realizzate con tecniche e materiali tra i più svariati
Bellinzonese
18 ore

Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre

Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
18 ore

Mappo-Morettina, si rifà la segnaletica orizzontale

Per consentire i lavori la galleria stradale verrà chiusa al traffico la notte da domenica 11 dicembre a venerdì 16. Il traffico passerà dalla cantonale
Mendrisiotto
18 ore

Balerna, l’Acp cessa l’attività con una festa

L’Associazione cultura popolare chiuderà definitivamente a fine dicembre dopo 46 anni. Il 16 dicembre un evento pieno di sorprese
Locarnese
18 ore

Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale

Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
19.09.2022 - 16:31

‘Lardi fa di tutto per screditare chi potrebbe ricandidarsi’

Sentendosi attaccato a livello personale, l’ex sindaco di Roveredo Guido Schenini replica alle dichiarazioni del commissario governativo

lardi-fa-di-tutto-per-screditare-chi-potrebbe-ricandidarsi
Ti-Press
Guido Schenini

"Non riesco a capacitarmi della facilità e superficialità con cui si esprime nel dipingere il mio operato e quello dell’amministrazione prima del suo arrivo a Roveredo". Non sono andate giù all’ex sindaco Guido Schenini le dichiarazioni del commissario governativo Claudio Lardi. Sentendosi attaccato a livello personale, Schenini replica all’ex consigliere di Stato, il quale da gennaio 2021, su incarico del governo retico, ricopre la funzione di sindaco ad interim con il compito di gestire la crisi istituzionale in seno al Municipio del capoluogo mesolcinese. Lardi terminerà il suo mandato a fine anno, e recentemente, intervistato da ‘laRegione’ per un bilancio in vista delle elezioni comunali del prossimo 23 ottobre, non ha nascosto che le dimissioni di Schenini dall’esecutivo, rassegnate nel luglio del 2021, hanno agevolato il suo compito: "Le sue dimissioni erano inevitabili – rispondeva a precisa domanda nell’articolo pubblicato giovedì 1° settembre –. In politica non funziona ‘voglio, posso e comando’, e non sempre un bravo imprenditore può essere un politico. Guido Schenini non è nato per far politica e l’ho spesso ripetuto amichevolmente anche a lui. E quindi sì, le sue dimissioni hanno favorito il mio lavoro".

‘Il suo incarico doveva essere super partes’

"Lardi – ribatte l’ex sindaco con una lettera inviata alla nostra redazione – dichiara di essere ottimista per quanto riguarda l’elezione del sindaco e del Municipio, ma fa di tutto per screditare chi potrebbe ricandidarsi e misurarsi in modo paritetico con gli avversari politici", scrive Schenini, il quale indica l’intenzione di presentarsi all’appuntamento elettorale di ottobre. "Dovrebbe in primo luogo ricordarsi dell’incarico datogli per gestire una pseudo crisi, fare da paciere ove e se necessario, al fine di garantire un presunto futuro al nostro Comune. Il suo incarico doveva essere ‘super partes’ e totalmente neutrale. Lardi crede veramente di aver fatto il suo dovere?".

‘Nei miei confronti ostruzionismo dilagante’

Sollecitato in merito all’obiettivo del suo mandato (nel comunicato con cui annunciava la nomina il governo grigionese esprimeva l’auspicio di ritrovare consapevolezza circa la responsabilità istituzionale), l’ex consigliere di Stato dichiarava che "dopo un po’ di rodaggio e tre dimissioni di municipali gli attuali membri dell’esecutivo lavorano concretamente e con senso di responsabilità". "Cosa intende Lardi con tale dichiarazione, forse che prima nulla funzionasse? – replica ora Schenini –. Durante il mio mandato ho dovuto difendermi continuamente da cattiverie personali e politiche, dall’ostruzionismo dilagante a riguardo di ogni nostra attività, senza contare che siamo rimasti ‘orfani’ della segretaria comunale e questo non sicuramente per colpa mia. Nel frattempo, è arrivata la pandemia e ho dovuto gestire tutto ciò praticamente da solo. Questo sembra poco e privo di senso di responsabilità?".

‘La gestione amministrativa è peggiorata’

Il sindaco ad interim si era espresso anche sull’amministrazione comunale, sostenendo che la situazione ereditata "era in effetti molto problematica, con diversi impiegati a tempo determinato, persone con compiti non adatti al proprio profilo. Purtroppo sono stati necessari alcuni licenziamenti. Ma ora la situazione è migliorata". "Lardi – riprende Schenini – sostiene e giustifica i licenziamenti adducendo in modo sbrigativo che tutte le persone non fossero all’altezza del proprio compito. In tutta sincerità a mio modesto parere non mi sembra che a oggi le cose stiano funzionando meglio, anzi, la gestione è sicuramente peggiorata. Ribadisco che Claudio Lardi è stato nominato dal governo per portare pace, serenità e soprattutto per difendere gli impiegati comunali, ciò che non ha assolutamente fatto". E ancora: "Secondo Lardi il futuro finanziario del Comune sarà roseo, ma non riesco a intravedere la stessa prospettiva. Per questo mi dovrebbe spiegare perché il consuntivo 2021 sia in passivo per la prima volta dopo anni, visto che negli ultimi due anni non è stata eseguita nessuna opera pubblica che possa giustificarne il motivo".

Leggi anche:

‘Ora l’esecutivo di Roveredo lavora con senso di responsabilità’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved