la-ca-rossa-di-grono-e-tornata-a-vivere
Inaugurata il 4 maggio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
11 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
16 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
18 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
19 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
19 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
05.05.2022 - 15:43
Aggiornamento: 15:59

La Ca’ Rossa di Grono ‘è tornata a vivere’

È stato inaugurato lo storico edificio ristrutturato. Il sindaco Samuele Censi è soddisfatto anche perché gli spazi sono già tutti occupati

La Ca’ Rossa di Grono «è finalmente tornata a vivere». È decisamente soddisfatto il sindaco di Grono Samuele Censi, dopo l’inaugurazione ufficiale dell’edificio ristrutturato – risalente al 1721 e considerato un monumento storico d’importanza nazionale – avvenuta lo scorso 4 maggio alla presenza di un centinaio di persone, dei bambini delle scuole elementari che hanno proposto un intrattenimento musicale e di diverse autorità regionali e comunali (compreso il Municipio in corpore). Infatti gli spazi a disposizione sono già «tutti occupati»: durante l’estate scorsa si erano già insediati la Fondazione servizio ortopedagogico dei Grigioni e il Servizio di psichiatria infantile e giovanile cantonale. Ha poi trovato spazio anche l’Ufficio regionale curatori professionali e dal 1° giugno diventerà la seda della Pro Grigioni italiano (Pgi) sezione Moesano. Pgi che aveva già occupato la Ca’ Rossa in passato assieme ad esempio all’Organizzazione regionale del Moesano, alla scuola dell’infanzia e a quella di musica. È inoltre stata mantenuta la cosiddetta sala degli stucchi, dove si possono celebrare matrimoni civili. «È sempre stata un punto di riferimento a livello regionale e un simbolo del comune. E ora torna a esserlo», sottolinea Censi.

Investimento di 790mila franchi

Ricordiamo che la Ca’ Rossa – di proprietà del Comune di Grono – ha però anche passato momenti più bui. Tra il 2012 e il 2018 è infatti stata sede di diverse società cosiddette bucalettere: l’auspicio era quello di generare un polo tecnico-informatico, ma l’iniziativa ha dato alla luce solo una situazione fortemente ambigua. Nel 2018 è così intervenuto il Municipio che ha dato il via a una collaborazione con la Supsi nell’ambito di uno studio d’architettura d’interni. Da questa esperienza sono così emerse nuove idee relative al futuro dell’edificio. Idee che hanno portato il Municipio a optare per una ristrutturazione degli interni, mantenendo inalterato l’aspetto esterno. Il 31 marzo del 2021 il Consiglio comunale ha dunque approvato il credito di 790mila franchi per la riqualifica della Ca’ Rossa, come proposto dall’esecutivo. In particolare è stato effettuato un risanamento termico dell’edificio: è stato installato un nuovo sistema di riscaldamento (caldaia a pellet) per un investimento di 320mila franchi e sono stati sostituiti i serramenti (135mila franchi). Sono inoltre stati sostituiti i servizi e l’edificio è stato completamente tinteggiato mantenendo il colore attuale delle facciate.

Leggi anche:

Una nuova vita per la Ca' Rossa di Grono

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cà rossa grono inaugurazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved