una-nuova-vita-per-la-ca-rossa-di-grono
Monumento storico di importanza nazionale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
31 min

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
56 min

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
1 ora

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
1 ora

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
1 ora

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
1 ora

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
2 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
Locarnese
2 ore

Gordola, oltre 750 firme contro il ‘mastodonte’ alle Campagne

Abitanti preoccupati per l’inserimento del progetto immobiliare da circa 30 milioni. “Urge soluzione confacente, il Municipio faccia da mediatore”
Luganese
2 ore

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021
Bellinzonese
3 ore

Danni del nubifragio, ‘nessuna responsabilità del Municipio’

L’esecutivo di Lumino risponde all’interrogazione Plr rispedendo al mittente ‘insinuazioni e speculazioni’ sull’alluvione del 7 agosto
Mendrisiotto
3 ore

Il Gran consiglio è con India e lancia ‘un messaggio forte’

Deputati compatti, tranne sui banchi della Lega (che si astiene). Critiche alla legge e all’attitudine del Cantone. Ma Gobbi non ci sta
Ticino
6 ore

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
 
23.03.2021 - 05:300
Aggiornamento : 17:26

Una nuova vita per la Ca' Rossa di Grono

Il Muncipio chiede 790mila franchi per il risanamento dell'edificio storico. In estate si insedieranno già due Uffici del Canton Grigioni.

Quasi 800mila franchi per la riqualifica della Ca' Rossa di Grono. «Un passo importante per un edificio storico del nostro Comune», afferma a 'laRegione' il sindaco Samuele Censi, sottolineando che, parallelamente, già a partire da questa estate la struttura diventerà sede di due Uffici del Canton Grigioni. E questo «andrà a beneficio della sostenibilità del progetto a livello finanziario», essendo la struttura di proprietà del Comune. Un segnale che dovrebbe pure facilitare la decisione del Consiglio comunale che si esprimerà sul credito per il risanamento mercoledì 31 marzo. In caso di approvazione, «i lavori inizieranno il prima possibile per poi terminare verosimilmente entro l'autunno», precisa Censi.

La Ca' Rossa di Grono – risalente al 1721 e inserita nella lista degli edifici protetti, perché ritenuta un monumento storico di importanza nazionale – ha fatto più volte più volte parlare di sè in passato. Da un lato perché è gia stata sede ad esempio dell'Organizzazione regionale del Moesano, della Pro Grigioni italiano, dell'Ufficio di collocamento, della scuola dell'infanzia e di quella di musica. Dall'altro perché tra il 2012 e il 2018 – dopo che il Consiglio comunale aveva deciso di non vendere la proprietà, nonostante le difficoltà finanziarie – è stata sede di diverse società bucalettere: l'auspicio era quello di generare un polo tecnico-informatico, ma l'iniziativa ha dato alla luce solo una situazione fortemente ambigua. Nel 2018 «abbiamo quindi voluta dare un segnale forte per cercare di arginare questo fenomeno», spiega Censi, ricordando tuttavia che sul territorio del Comune vi sono anche molte altre società «che si comportano egregiamente». Tre anni fa il Municipio ha così dato il via a una collaborazione con la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (Supsi) nell'ambito di uno studio d'architettura d'interni. «È stata un'esperienza molto positiva dalla quale sono emerse anche nuove idee che hanno funto da spunto per il concetto di risanamento proposto dal Municipio».

Un nuovo sistema di riscaldamento

Il progetto prevede degli interventi interni, mantenendo inalterato l'aspetto esterno dell'edificio. Concretamente, l'investimento più importante (320mila franchi) è previsto per un nuovo sistema di riscaldamento. In questo caso si presterà “particolare attenzione ai locali in cui sono presenti affreschi e/o rivestimenti pregati”, si legge nel messaggio del Municipio inerente alla richiesta di credito pari a 790mila franchi. In queste sale “saranno previste delle specifiche soluzioni impiantistiche (impianti ad aria ricircolata). Sempre nell'ottica di un risanamento termico è poi prevista la sostituzione dei serramenti (135mila franchi). Finestre, porte e portoni in legno “saranno verniciati riprendendo le caratteristiche di quelli esistenti”. Saranno poi sostituiti i servizi, dei quali “saranno rifatti sia i pavimenti sia i rivestimenti”. Infine l'edificio sarà tinteggiato completamente, mantenendo il colore attuale delle facciate, e “si prevede pure di controllare e sistemare gli affreschi ed i rivestimenti in legno danneggiati”. Anche i piazzali esterni saranno sistemati. 

Due Uffici cantonali ed eventi culturali

«Parallelamente al progetto di riqualifica, abbiamo ricevuto la conferma che due Uffici cantonali si insedieranno nella Ca' Rossa», rileva Censi. L'intero secondo piano e parte del primo, dal 1 luglio diventeranno dunque sede della Fondazione servizio ortopedagocico dei Grigioni e dei Servizi psichiatrici dei Grigioni, con i quali sono stati sottoscritti dei contratti della durata minima di tre anni. E negli spazi rimanenti (pian terreno) cosa è previsto? «L'ideale sarebbe riuscire in futuro ad affittare tutti gli spazi a disposizione. Tuttavia, al momento prevediamo di utilizzare il pian terreno per eventi in ambito culturale». Già negli anni scorsi, «anche se la Ca' Rossa era parzialmente chiusa, abbiamo sempre cercato di promuovere e organizzare eventi, ad esempio con le scuole, la biblioteca comunale o nell'ambito di qualche mostra. Un edificio come questo bisogna infatti farlo vivere, utilizzandolo». Resterà inoltre intatta anche «la cosiddetta sala degli stucchi, nella quale rimarrà possibile organizzare matrimoni civili». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved