bassa-mesolcina-la-dove-una-volta-c-era-il-treno-si-pedalera
+4
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
9 min

Auto in fiamme a Camorino, nessun ferito ma disagi al traffico

È accaduto intorno alle 14 su via Tirada. Il conducente e la passeggera, vedendo del fumo uscire dal vano motore, hanno abbandonato il veicolo in tempo
Mendrisiotto
19 min

Morbio Inferiore festeggia un nuovo centenario

Nino Albisetti, assieme ai due figli, ha accolto nella sua casa la sindaca Claudia Casanova per un brindisi e alcune curiosità sul paese
Ticino
19 min

Aperte le iscrizioni alla scuola per cure infermieristiche

Il termine per inoltrare la richiesta di ammissione è fissato per il 28 febbraio. Organizzati alcuni incontri informativi
Locarnese
31 min

Orari Fart, anche l’Astuti chiede il ritorno alla carta

Locarnese, stando all’associazione utenti dei trasporti pubblici sarebbe stata opportuna una transizione a tappe
Luganese
46 min

Caslano, ristrutturato l’ufficio postale

Creati nuovi spazi funzionali a riunire le prestazioni fisiche e quelle digitali rivolte alla consulenza e all’accompagnamento della clientela
Gallery
Bellinzonese
2 ore

Faido, riuscita la festa sportiva sul ghiaccio

Un successo la prima edizione del quadrangolare di hockey amatoriale voluto per animare un cartellone invernale orfano di carnevali e (per ora) di neve
Ticino
4 ore

Telefonate dai falsi poliziotti: una vittima nel Mendrisiotto

La Polizia cantonale riporta numerose segnalazioni di tentate truffe telefoniche volte a estorcere o sottrarre con l’inganno grosse somme alle vittime
Locarnese
4 ore

L’ambasciatrice di Polonia in visita a Losone

Le autorità comunali hanno accolto Iwona Kozłowska, per discutere delle celebrazioni degli 80 anni dalla costruzione della Strada dei polacchi
Locarnese
4 ore

Il semaforo del CO2: col rosso ‘scatta’ la ventilazione

In tutte le aule delle scuole comunali di Locarno posati i sensori che registrano il tenore dell’anidride carbonica
Locarnese
5 ore

Premio Dalcol 2021 all’associazione ‘Nella Casa del Padre mio’

L’associazione opera a favore della gioventù bisognosa in Ghana. A ritirare il riconoscimento è stato il medico dentista Luca Cheda con la moglie Adelia
Ticino
5 ore

In Ticino +14 pazienti Covid e nessun decesso. Contagi in calo

Continua per il quinto giorno di fila la diminuzione dei casi giornalieri. Due persone in meno in cure intense. 25 i positivi in casa anziani in 72 ore
Mendrisiotto
5 ore

Ente turistico e Football club Chiasso assieme per la regione

Collaborazione tra Ort Mendrisiotto e Basso Ceresio e la squadra di calcio per incrementare la promozione del territorio
Locarnese
10 ore

Verzasca, fiume e foce limacciosi: si aspetta la pioggia

Sono visibili le prime e inevitabili conseguenze ambientali dello svuotamento della diga lungo il greto del fiume, fino alla foce.
Mendrisiotto
10 ore

A Stabio i giovani aiutano a trovare casa al loro Spazio

Il Municipio ha convocato una Commissione. Da 19 anni il Centro condivide con i ragazzi attività ed esperienze
Ticino
10 ore

‘Specialisti utili alla ricerca e all’economia elvetiche’

Il Consiglio di Stato: sì all’ammissione agevolata sul mercato del lavoro degli stranieri di Stati terzi con master o dottorato conseguito in Svizzera
Ticino
17 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
20 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
24.11.2020 - 17:520
Aggiornamento : 19:57

Bassa Mesolcina: là dove una volta c'era il treno si pedalerà

Presentato il progetto di pista ciclabile sull'ex tracciato della Ferrovia Retica. A giorni verranno pubblicati i piani. Costo totale 4,6 milioni

Finalmente un percorso ciclabile via dalla strada cantonale e in sicurezza che collegherà la Bassa Mesolcina al Bellinzonese. È atteso da anni e ora sta per concretizzarsi, come hanno sottolineato i sindaci della regione in occasione della conferenza stampa indetta per annunciare l'esposizione pubblica dei piani prevista a inizio dicembre. «Maestro, quando sarà pronta la pista ciclabile?». Il sindaco di Grono Samuele Censi (docente alle scuole secondarie) ha espresso l'entusiasmo e l'attesa per la realizzazione di quest'opera attraverso le parole degli allievi che spesso gli sottopongono la domanda. Saranno anche loro i destinatari della pista ciclabile pensata per coprire il percorso casa-scuola, così come quello casa-lavoro, ma pure per praticare sport nel tempo libero e a fini turistici. Il percorso della lunghezza di 6,6 km sarà asfaltato, largo 3 metri, e si snoderà perlopiù sul tracciato dell'ex Ferrovia Retica, ormai dismesso dal 1972. E grazie alla collaborazione con i Comuni ticinesi vicini e con la Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese (Crtb) il progetto, oltre a essere intercomunale, sarà anche intercantonale con il proseguimento verso Lumino e Arbedo-Castione, dove si trova il nodo intermodale con il terminale dei Tilo.

Conclusione prevista nel 2022

«La concretizzazione di questo progetto rappresenta un cambiamento di paradigma verso una mobilità più sicura e responsabile», ha sottolineato Censi ricordando i passi salienti che dal 2014 a oggi hanno portato a compiere la progettazione in collaborazione con i Comuni di Roveredo e San Vittore. Permetterà infatti di muoversi in sicurezza all'interno dei centri abitati, ha aggiunto il sindaco appassionato di bicicletta, sottolineando la valenza sia quotidiana che turistica della nuova pista. I prossimi passi sono ora come detto la pubblicazione del progetto, poi a inizio 2021 il voto dei messaggi municipali da parte degli organi legislativi dei tre Comuni e nel corso della primavera la votazione popolare. I lavori prenderanno il via già l'anno prossimo per concludersi nel 2022.

L'unione che fa la forza

Si tratta dello stesso obiettivo temporale che Lumino e Arbedo-Castione assieme alla Crtb si sono posti per riuscire a inaugurare contemporaneamente anche la parte ticinese del percorso ciclabile. Il presidente della Crtb Simone Gianini ha definito questo progetto un'opportunità irrinunciabile di collegare Bassa Mesolcina e Bellinzonese attraverso un percorso lineare e pianeggiante. Per questo tratto il messaggio licenziato dal governo ticinese prevede lo stanziamento di 4,8 milioni di franchi (1,6 a carico della Confederazione, 2,1 del Cantone e 1,1 dei Comuni che fanno parte della Crtb). A tal proposito Gianini ha spiegato che il voto in Gran Consiglio è atteso entro fine anno, mentre in seguito è prevista la pubblicazione dei piani secondo la legge cantonale. In alcuni tratti ticinesi sono peraltro previsti alcuni espropri poiché il percorso passa su alcuni sedimi privati.

Il Canton Grigioni copre tre quarti del costo

Per quanto riguarda i costi, in considerazione dei vari interventi e della lunghezza del tratto, per Grono si stimano 1,4 milioni, per Roveredo 970mila e per San Vittore 2,2 milioni per un totale di 4,6 milioni che verranno coperti dal Cantone nella misura del 75%. Solitamente per questo genere di investimenti i sussidi da Coira non superano il 50%, ma visto il grande interesse dell'opera in questo caso è stato possibile aumentarli arrivando a circa 2,2 milioni. La valenza cantonale della nuova pista ciclabile viene riconosciuta da Peter Oberholzer, capoprogetto del traffico non motorizzato per l'Ufficio tecnico dei Grigioni. D'altro canto grazie agli interventi sarà possibile disporre di un percorso per la mobilità lenta lungo 14 km da Grono a Bellinzona, il più lungo di tutto il Cantone, ha aggiunto. Una volta inaugurata la nuova opera, l'attuale percorso ciclabile nazionale numero 6, da Bellinzona a Coira, verrà spostato proprio su questo tratto.

L'unione delle forze e la proficua collaborazione è uno dei tasselli che sono stati maggiormente evidenziati durante la presentazione ai media. La sindaca di San Vittore Nicoletta Noi-Togni ha sottolineato il valore materiale ma anche immateriale dell'opera che darà nuova vita a dove passava il trenino «che per 65 anni ha servito fedelmente la nostra gente». Noi-Togni ha anche ricordato i lavori effettuati nel corso della legislatura per restaurare la vecchia stazione di San Vittore, che si trova proprio sul tracciato della ciclabile e che verrà consegnata alla popolazione entro fine anno. 

La soluzione individuata per la rotonda del Sassello

Proprio a San Vittore si trova uno dei punti definiti sensibili, ovvero la rotonda del Sassello, ma come spiegato da Sven Fehler (sostituto capo circondario della sede di Mesocco dell'Ufficio tecnico dei Grigioni) è stata individuata una soluzione ritenuta idonea. Qui i ciclisti dovranno attraversare due volte la strada cantonale, ma lo faranno nei pressi della rotonda dove la velocità degli automobilisti sarà ridotta. Per quanto riguarda il pericolo di caduta massi dall'alto in questo tratto, Fehler ha spiegato che lo si supererà grazie al posizionamento di apposite reti.

Anche da parte del sindaco di Roveredo c'è emozione per la conclusione della progettazione a cui ha partecipato anche l'ingegnere comunale. Guido Schenini ha spiegato che a seguito dello smantellamento dell'A13 e in attesa della prevista ricucitura del centro paese, per il momento a Rorè il percorso sarà provvisorio.

Fino a Grono, e poi?

Dopo Grono la pista ciclabile continua fino a Leggia ma senza essere asfaltata (percorribile da pedoni e con la mountain bike) a causa della vicinanza con il corso d'acqua che impedisce questo genere di interventi. Grazie alla possibilità di spostarsi al di là della Moesa è comunque possibile da questo punto della valle in su pedalare su strade di campagna a traffico ridotto. Per quanto riguarda invece l'ex tracciato tra Cama e Mesocco, il fatto che nel frattempo una parte dei terreni sia già stata utilizzata per altre opere impedisce di dare ulteriore continuità al percorso.

Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved