ULTIME NOTIZIE Cantone
Centovalli
6 ore

Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare

La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
6 ore

Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera

Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Luganese
6 ore

Una preda nella tana: l’accusa alza la posta in gioco in Appello

Nella seconda giornata di processo parola al procuratore pubblico e all’avvocata della vittima.‘I tre ragazzi hanno creato un clima di terrore’.
Locarnese
7 ore

L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte

Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
8 ore

Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia

Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Morbio Inferiore
8 ore

Festa della Madonna di Lourdes, due appuntamenti al Santuario

Sabato 11 è previsto il Cenacolo del Movimento sacerdotale mariano, mentre domenica 12 il santo rosario meditato e la santa messa del pellegrino
Ticino
8 ore

Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione

Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
8 ore

Al Festival scacchistico prevalgono Berardi e Patuzzo

Il Memorial Barbero si è tenuto domenica 5 febbraio a Sorengo
29.11.2022 - 18:02
Aggiornamento: 30.11.2022 - 14:50

Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto

La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale

squadra-esterna-di-biasca-a-processo-per-vie-di-fatto
Ti-Press
Il Municipio ha avviato un’inchiesta amministrativa che è ancora in corso

Vie di fatto. È questa l’accusa promossa a suo tempo dal Ministero pubblico nei confronti di un collaboratore della squadra esterna di Biasca gestita dall’Ufficio tecnico comunale. Non proprio, quindi, una scazzottata fra due persone – come avevamo riferito a inizio maggio –, ma un atto di violenza subito lo scorso 30 marzo dal caposquadra Ivar Albertoni. Terminata l’inchiesta, la Procura ha firmato il 12 settembre un Decreto d’accusa proponendo che l’operaio manesco venga condannato al pagamento di una multa. Questi, patrocinato dall’avvocato Patrick Gianola, ritenendosi innocente ha nel frattempo inoltrato opposizione, accettando così di sottoporsi a un processo che la Pretura penale dovrà ora agendare. I fatti così come ricostruiti dal procuratore indicano che l’operaio durante una discussione col proprio superiore – seduto alla sua scrivania nei magazzini comunali – lo avrebbe afferrato per le spalle, colpendogli la nuca e graffiandogli il braccio sinistro. E questo perché non era d’accordo con un compito assegnatogli: si è dapprima lamentato verbalmente e in seguito sarebbe passato alle vie di fatto dopo che il caposquadra ha confermato la propria decisione dicendogli che se non era d’accordo avrebbe potuto uscire e andare a casa.

Nessuna prova per il reato di minaccia

Non ha invece trovato fondamento, per mancanza di prove, l’ipotesi di reato di minaccia: stando ad Albertoni, che aveva sporto querela lo stesso giorno nel quale sono avvenuti i fatti, l’operaio gli avrebbe anche detto "ti sbriso il musone" (ovvero "ti spacco la faccia"). Una versione dei fatti che, tuttavia, un testimone intervenuto a separare i due dopo l’alterco, non ha confermato, pur non escludendo che tali parole fossero effettivamente state dette. Secondo l’operaio indagato, invece, non sarebbero mai state proferite minacce e i due non sarebbero mai venuti alle mani.

Comportamenti discriminatori, mobbing ed emarginazione

Ricordiamo che a seguito di questo episodio il Municipio ha ordinato l’avvio di un’inchiesta amministrativa – condotta da una delegazione dell’esecutivo con la collaborazione dell’avvocato Marco Bertoli, già procuratore pubblico e attuale sindaco di Cadenazzo – per approfondire cosa stia succedendo all’interno dell’Ufficio tecnico, squadra esterna inclusa. Stando a nostre informazioni, si parla di comportamenti discriminatori, di mobbing e di emarginazione sistematica. Fatti che l’inchiesta, ormai in corso da diversi mesi, sta ancora accertando. Di conseguenza il clima all’interno del settore resta, evidentemente, molto teso. La speranza è quindi che la situazione si possa risolvere il più presto possibile.

Leggi anche:

Scazzottata fra operai comunali a Biasca: scatta l’inchiesta

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved