ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
41 min

Asta di beneficenza per i bambini del Kenya

Martedì 7 febbraio, dalle 14.30 alle 16.30, all’interno del centro diurno ‘Alcentrodì’ di Ascona, a favore dell’associazione ‘The Dreamers Association’
Locarnese
57 min

Semine e novellame, così il Dipartimento ne orienta la rotta

All’Assemblea della Società di pesca Onsernone-Melezza Christophe Molina ha illustrato gli indirizzi del Dipartimento in materia di gestione ittica
Luganese
1 ora

‘Il Centro’ di Agno accoglie una nuova presidenza

Thierry Cerclé avrà al suo fianco la vice Graziella Lamprecht, in rappresentanza anche della sezione ‘Giovani del Centro’
Locarnese
1 ora

Aperitivo a Locarno con i candidati Udc

Appuntamento rivolto ad amici e simpatizzanti e organizzato dalla sezione regionale
Bellinzonese
1 ora

La Città di Bellinzona cerca apprendisti

In scadenza nei prossimi giorni i concorsi d’assunzione in otto professioni
Locarnese
1 ora

Carnevale muraltese, annullato lo spettacolo del Duo Rossi

Cancellato l’evento di venerdì 10 febbraio che avrebbe anticipato i festeggiamenti del sabato, che prevedono dalle 12 l’arrivo dei regnanti e la risottata
Bellinzonese
1 ora

Personico, Giornico e Bodio si ‘aggregano’ nei 18enni

Una cerimonia unica per i tre Comuni della bassa Leventina
Bellinzonese
1 ora

Premiate le migliori vetrine natalizie di Bellinzona

Quasi 1’900 persone hanno espresso la loro preferenza online
Luganese
2 ore

Comano ecco i numeri estratti della lotteria

Alla festa patronale di domenica sono usciti: 16586; 16821; 16705; 16290; 13693 e 16237. Se avete questi numeri fatevi avanti allo 091 941 48 58
Bellinzonese
2 ore

Cappuccetto Rosso sul palco di Minimusica a Bellinzona

Lo spettacolo del Teatro Azzurro rivolto ai bambini di Asilo ed Elementari
Mendrisiotto
4 ore

Lite fra due persone in corso San Gottardo: c’è un arresto

L’alterco è scoppiato alle prime ore del giorno. In manette è finito un 21enne del Mendrisiotto
Luganese
4 ore

Reati finanziari ‘atipici’, chiesti 12 mesi per Davide Enderlin

Il 51enne imprenditore ed ex consigliere comunale del Plr di Lugano deve rispondere di amministrazione infedele e falsità in documenti
Ticino
4 ore

Nuova condanna per Scimonelli, il mafioso nato a Locarno

L’uomo ‘bancomat’ di Matteo Messina Denaro, in carcere dal 2015, è stato riconosciuto colpevole anche di numerosi attentati incendiari
Ticino
4 ore

Il primo secolo delle Colonie dei sindacati e un 2023 di eventi

L’associazione festeggia i 100 anni dalla prima ‘vacanza’ estiva. Nava: ‘Tempo fa aiutavamo i giovani per salute e cibo, oggi insegnandogli la comunità’
laR
 
08.10.2022 - 05:20
Aggiornamento: 17.10.2022 - 18:29

Cultura in tutte le sue forme sotto il tetto dell’ex Cima Norma

Presentata la domanda di costruzione per un vasto progetto di ristrutturazione dell’ex fabbrica. L’idea è un Centro polifunzionale con alloggio

cultura-in-tutte-le-sue-forme-sotto-il-tetto-dell-ex-cima-norma
Rendering del progetto

Con la domanda di costruzione inoltrata a fine agosto alla cancelleria comunale di Blenio, fa un primo passo significativo il progetto per la riqualifica e il riuso dell’ex fabbrica di cioccolato Cima Norma situata a Dangio. L’intenzione – di cui ha dato notizia ‘La Voce di Blenio’ sulla sua ultima edizione – è quella di ristrutturare l’ex complesso industriale al fine di renderlo un Centro polifunzionale con alloggio, dove potranno trovare spazio contenuti legati alla cultura in tutte le sue espressioni, dall’arte alle attività di artigianato, dalla gastronomia alla storia e alle tradizioni della regione. La strada è ancora lunga, mettono in chiaro i promotori. «Speriamo che possa essere capita e sostenuta dall’opinione pubblica: è un’idea innovativa e variegata, e ritengo che sia proprio questo l’aspetto interessante», rileva Giovanni Casella Piazza, presidente della Fondazione La fabbrica di cioccolato (attualmente già presente nel grande stabile di Dangio dove da anni propone attività artistiche e culturali) e tra i promotori del progetto riuniti nella neocostituita società Vb-Heritage Sa. «Come lo è stato in passato, l’obiettivo è che questo stabile torni a essere un polo d’attrazione e di servizio per tutta la comunità». L’operazione è di natura privata e richiederà un investimento importante (l’ipotesi di cifra non viene per ora svelata). Ottenuta la licenza edilizia, i passi successivi di un iter che indica settembre 2025 quale possibile data della fine della costruzione vera e propria riguarderanno gli accordi con investitori e finanziatori, e con le realtà interessate a utilizzare gli spazi.

60 posti letto, laboratori per artigiani e ampi spazi per seminari ed esposizioni

Iniziando dalla parte ricettiva, è prevista la realizzazione di 10-15 camere ‘Bed and Breakfast’ ad alto standard e di un’altra dozzina di camere pensate principalmente per ospitare seminari di gruppi di studenti. In totale circa 60 posti letto, esclusa la decina di appartamenti attualmente già presenti ai quali se ne aggiungeranno altri quattro. Si prevedono poi spazi di lavoro per artigiani e laboratori di varia natura a disposizione di creativi di vario genere, dallo scultore al musicista passando per lo specialista agroalimentare. I committenti hanno chiesto ai progettisti di prevedere una sala conferenze per 100-150 persone. Pensando al turismo e alle visite scolastiche, ci si immagina uno spazio museale interattivo che possa fungere da luogo di informazione sul patrimonio storico-paesaggistico della regione, con particolare riferimento alla tradizione culinaria e cioccolatiera. Troveranno posto anche la musica e il teatro con una sala prove e una piazza pianeggiante per ospitare eventi all’aperto. Previsto pure un ristorante che oltre al luogo di aggregazione del centro sia anche la sede di corsi post-formazione. Tanto spazio rimarrà per le attività culturali e artistiche, comprese quella della Fondazione, così come per esposizioni, fiere e convegni. I progettati spazi modulabili si riveleranno particolarmente idonei per ospitare attività di formazione. Casella fa notare che già oggi scuole, università, accademie sono regolari frequentatrici dell’ex fabbrica, e da loro sono arrivate conferme circa l’interesse per quanto si vuole realizzare a Dangio. «L’inoltro della domanda di costruzione è il frutto di un attento lavoro di qualche anno, nei quali abbiamo raccolto esperienza e conosciuto bene la realtà della Valle e di questa fabbrica», afferma Giovanni Casella Piazza, ricordando che il progetto di valorizzazione dello stabile in ambito culturale trova valenza nel masterplan Valle di Blenio. E a tal proposito nel 2016 erano stati consegnati due studi di approfondimento promossi dall’Ente regionale per lo sviluppo. «L’idea è di avere dei contenuti differenziati in modo da poter accogliere un pubblico eterogeneo – spiega Davide Macullo, architetto di uno tre studi ai quali è stata affidata la progettazione –. Si vorrebbe influenzare il destino economico di una regione attraverso l’apporto di un contenuto legato alla cultura. Se in Valle di Blenio è difficile inserire un certo tipo di industria, grazie alla qualità di vita si ha però il potenziale per attrarre piccole attività legate sia all’artigianato che all’arte». Per i promotori è importante che in futuro si possa lavorare in rete «con le infrastrutture già presenti o che nasceranno», pensando ad esempio alla riqualifica del Polisport di Olivone e alla realizzazione del Centro turistico alberghiero ad Acquarossa.

Nel progetto inclusa anche l’idea di realizzare un’ottantina di parcheggi, la volontà di attuare una soluzione energetica ecosostenibile, secondo gli standard e le normative più recenti. I promotori, i quali hanno in programma di organizzare una serata pubblica per spiegare il progetto alla popolazione, spiegano infine che le scelte architettoniche saranno ponderate al fine di mantenere il più possibile il carattere ‘industriale’ del complesso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved