ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 min

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
2 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
2 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
8 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
11 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
11 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
11 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
12 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
12 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
12 ore

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
12 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
12 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
13 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
Luganese
13 ore

Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale

Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
13 ore

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Mendrisiotto
13 ore

Stabio, nuovi contenitori interrati per i sacchi in arrivo

I giorni di raccolta rifiuti porta a porta diminuiranno da due a uno. Chi vorrà potrà smaltirli al campo sportivo Montalbano, in via Giulia e in via Boff.
Bellinzonese
13 ore

Corso sull’alimentazione per persone con mobilità ridotta

Lo propone il Gruppo paraplegici Ticino venerdì 30 settembre all’Hotel Unione. A seguire cena salutare
Luganese
13 ore

A Lugano il primo Innovation Highway con 6 startup ticinesi

L’evento il 13 ottobre al Campus Est dell’Università di Lugano. Si parlerà di idee e progetti
Bellinzonese
13 ore

Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone

È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Luganese
13 ore

Capriasca guarda già al mercatino natalizio, iscrizioni al via

Ecco le istruzioni per gli interessati ad assicurarsi una bancarella per l’evento in agenda il 4 dicembre
Luganese
14 ore

Lugano, l’associazione Il Centro organizza doposcuola

L’attività è rivolta ai ragazzi di scuola media e avrà luogo, dal 3 ottobre, nella sede di via Brentani 5
08.06.2022 - 05:25
Aggiornamento: 18:25

Tassa sui rifiuti a Bellinzona, ignorata la proposta di Okkio

Dalla Commissione della legislazione arrivano intanto diversi emendamenti che chiedono di modificare il messaggio municipale

tassa-sui-rifiuti-a-bellinzona-ignorata-la-proposta-di-okkio

Il Consiglio comunale di Bellinzona potrebbe modificare in più punti il messaggio municipale che aggiorna il Regolamento sui rifiuti, in particolare la parte dedicata al ricalcolo della tassa base annua che gli esercenti hanno già dichiarato di voler impugnare con un ricorso. Tassa destinata ad aumentare in tutte le categorie di utenti rispetto alla situazione attuale – anacronistica rispetto agli altri principali centri ticinesi – che assicura una copertura dei costi soltanto del 69% anziché del 100% come richiesto dalla Legge cantonale di applicazione della Legge federale sulla protezione dell’ambiente. A proporre una serie di emendamenti è la Commissione della legislazione che, terminate nei giorni scorsi le proprie valutazioni, produrrà tre distinti rapporti all’indirizzo del plenum: uno di maggioranza (relatore Emilio Scossa-Baggi del Ppd) che invitando a votare il messaggio chiederà però anche di restringere puntualmente le ‘forchette’ minimo-massimo entro le quali il Municipio è chiamato a fissare di anno in anno la tassa base categoria per categoria; uno di minoranza di Lega/Udc (relatore Manuel Donati) e un secondo rapporto di minoranza targato Verdi/Mps/Fa (relatore Ronald David).

Le proposte Lega/Udc per le economie domestiche

Nel dettaglio, confidando in una riduzione della spesa generata dal servizio così da facilitare il raggiungimento della copertura integrale dei costi, la minoranza Lega/Udc sollecita un abbassamento generale delle forchette: ad esempio, per le economie domestiche propone che per il primo membro ne sia fissata una da 80 a 115 franchi (anziché i 125 indicati nel messaggio) e che per ogni membro in più si aumenti di 20 franchi anziché passare a 140 fissi dai due membri in su come indicato dall’Esecutivo. Inoltre in materia di residenze secondarie, la minoranza Lega/Udc con un secondo emendamento chiede di non chiamare alla cassa i domiciliati proprietari di rustici e affini situati nel comprensorio della Bellinzona aggregata. Infine valutazioni sono in corso con l’intenzione d’inserire una parte sociale per le famiglie meno abbienti e di abbassare il prelievo previsto a carico dei take-away, che il Municipio sestuplica facendolo lievitare dagli attuali 200 a 1’500 franchi.

Le proposte Verdi/Mps/Fa per redditi bassi e supermercati

Due gli emendamenti sottoposti al plenum dalla minoranza Verdi/Mps/Fa, che separatamente nel proprio rapporto proporrà di respingere il messaggio invitando la Città a ritornare ai livelli precedenti fintanto che il Cantone non accetterà di aumentare la tassa sul sacco, la cui forchetta è oggi di competenza governativa mentre in Gran Consiglio è pendente l’iniziativa parlamentare di Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd) che chiede di lasciare questa facoltà ai Comuni. Nel primo emendamento il gruppo chiede che i beneficiari di prestazioni sociali Laps armonizzate e di prestazioni complementari Avs/Ai siano esentate d’ufficio dalla tassa base: "Attualmente – si legge nel testo – il Municipio attraverso un’ordinanza può esentare dal pagamento della tassa base rifiuti determinate categorie con fragilità economiche. Fino al 2018 prevedeva l’esenzione dei beneficiari di prestazioni sociali, cancellando successivamente questa esenzione e creando qualche grattacapo alle persone in difficoltà finanziarie. Con l’importante aumento della tassa base avvenuto nel 2021 e previsto per i gli anni successivi (quasi un raddoppio) queste persone saranno certamente in grosse difficoltà di far fronte a una spesa che può raggiungere il 10-15% delle intere prestazioni versate per il mese di emissione della fattura. Inoltre queste spese non sono prese a carico da nessuna prestazione sociale. Trattandosi di una spesa ricorrente le stesse non rientrano, con ogni probabilità, nel perimetro di un tutt’oggi inesistente Regolamento sociale comunale".

Col secondo emendamento viene proposto di aggiungere la categoria supermercati e grandi magazzini con un importo minimo di 10’000 franchi e un massimo di 20’000 per punto vendita. Motivo: "Una forte responsabilità per l’esistenza dei rifiuti è da attribuire alla grande distribuzione che non si attiva sufficientemente per ridurre drasticamente la mole di imballaggi. Il Municipio sembra conscio di questa situazione, andando a colpire ad esempio i Take Away, ma si dimentica dei supermercati e grandi magazzini che andrebbero chiamati maggiormente alla cassa. La tassa potrebbe essere modulata anche sulla base degli sforzi per ridurre la produzione dei rifiuti del settore, consci tuttavia della difficoltà d’introdurre criteri oggettivi e di controllo".

La quinta via

Il modello Losone non ha fatto breccia

Una quinta via che nei mesi passati è stata valutata ma poi accantonata dal Municipio dopo gli approfondimenti fatti dallo speciale gruppo di lavoro e successivamente elaborando il messaggio, è la proposta sottopostagli dall’Osservatorio per una gestione ecosostenibile dei rifiuti (Okkio). Si tratta del cosiddetto ‘modello Losone’ che il Comune locarnese ha adottato alcuni anni fa e che Okkio ritiene essere il miglior regolamento attualmente in vigore in Ticino: presto sarà adottato anche da Cugnasco-Gerra, mentre nel Sottoceneri si contano Monteggio e parzialmente Brusino Arsizio. Il modello Losone, che pure raggiunge la copertura integrale dei costi, si distingue da quello municipale per una maggiore gradualità, risultando più bassa nelle categorie inferiori e più alta in quelle superiori. Il sistema interseca l’importo totale da coprire tramite la tassa (quasi 6 milioni di franchi a Bellinzona) con i dati delle Unità abitative (case primarie, secondarie, attività economiche, ristoranti, bar, alberghi e campeggi) e degli Abitanti equivalenti (numero abitanti, numero posti di lavoro, letti in residenze secondarie, posti a sedere in ristoranti e bar, letti in alberghi, posti tenda nei campeggi). Ne deriva che – in base ai dati 2020 forniti a Okkio dal Municipio stesso – per ciascuna Unità abitativa bisognerebbe prelevare 91 franchi e 22 centesimi e per ciascun Abitante equivalente bisognerebbe aggiungere 11 franchi e 92 centesimi. Perciò le economie domestiche primarie e secondarie (vedi tabella) raggiungerebbero solo a partire dalle quattro persone il livello proposto dal Municipio; gli esercizi pubblici dai 20 posti; gli alberghi e affini dai 40 posti letto; mentre le attività economiche rimarrebbero sempre al di sotto della cifra municipale.

Adottare e applicare questo sistema richiede una raccolta dati molto precisa, ciò che può disincentivare le autorità locali, magari poco propense a incaricare le rispettive amministrazioni comunali addossando loro un ulteriore compito. «Ma quanto fatto già da tempo a Losone – commenta il co-coordinatore di Okkio, Daniele Polli – dimostra che l’esercizio è concretamente possibile: produce l’effetto voluto, ossia la copertura integrale dei costi, e, visto l’elevato grado di precisione, consente di definire una tassa che sia il più vicino possibile al reale costo generato fascia di utenza per fascia di utenza. Quanto alla raccolta dati, una volta fatta rimane per sempre; e successivamente bisogna solo aggiornare le piccole variazioni».

Leggi anche:

Rifiuti a Bellinzona: tassa più salata non solo per le famiglie

Tassa rifiuti Bellinzona, esercenti ‘pronti a ricorrere’

Siano i Comuni a stabilire l’importo della tassa sul sacco

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved