ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
52 min

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
1 ora

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
1 ora

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
3 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
5 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
5 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
13 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
13 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
14 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
14 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
14 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
14 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
05.05.2022 - 14:32
Aggiornamento: 17:10

Rifiuti a Bellinzona: tassa più salata non solo per le famiglie

Nel 2022 pagheranno di più, ma un po’ meno del previsto, le economie domestiche. E molto di più ditte, settore esercentesco, scuole e case di cura

rifiuti-a-bellinzona-tassa-piu-salata-non-solo-per-le-famiglie

Dopo le lamentele e le critiche levatesi lo scorso autunno, è destinata a fare un po’ meno male nel 2022 la stangata che in materia di tassa base rifiuti rischiava di colpire prevalentemente le economie domestiche di Bellinzona indipendentemente dal numero di persone di cui sono costituite. Il Municipio nel messaggio firmato ieri e sottoposto al Consiglio comunale – messaggio col quale propone di modificare il Regolamento sui rifiuti – ha infatti inserito una diversificazione in tre fasce anziché una sola: in soldoni, in base a una simulazione che dovrebbe poi costituire la base della specifica Ordinanza di applicazione del Regolamento, le economie domestiche formate da una persona non pagherebbero più i 150 franchi annui decisi a dicembre nell’ambito del Preventivo 2022 ma 125; quelle con due e più membri non 150 ma 140; idem le residenze secondarie. Un balzello dunque lievemente attenuato rispetto a quello che portava tutte le economie domestiche da 80 a 150 franchi indipendentemente dal numero di membri.

Costo sestuplicato per i take away

Un ampio esercizio di diversificazione – che ha preso in considerazione varie realtà comunali e cittadine del Ticino – ha poi riguardato le attività economiche con un calcolo che considera dimensione e tipologia. Ergo: solo le attività con al massimo quattro posti di lavoro a tempo pieno (addetti) rimarranno nei precedenti 200 franchi annui, mentre tutte le altre dovranno pagare di più: per esempio 400 franchi da 5 a 9 addetti, 900 franchi da 10 a 19 addetti, a salire fino ai 2’500 franchi oltre i cento addetti. Per case anziani e ospedali il calcolo si basa sul numero di letti, ovvero 18 franchi ciascuno anziché gli attuali 200 complessivi. Le scuole (con alcune eccezioni, ad esempio per i pre-asili e scuole che offrono corsi saltuari) passano anch’esse dai precedenti 200 franchi a 300 per 1-19 allievi fino ai 4’000 franchi oltre i 500 allievi. Chiamato maggiormente alla cassa anche il settore della ristorazione: i take away passano da 200 a 1’200 franchi, i ristoranti-alberghi partiranno da una base di 200 franchi cui se ne aggiungeranno altri 6/9 per ciascun posto a sedere interno/esterno e 9 franchi per ogni posto letto, fino a un tetto massimo di 2’500. I campeggi dal canto loro salgono da 200 a 1’500 franchi.

‘Paga di più chi genera più rifiuti’

Così facendo, annota il Municipio, s’intende "offrire un trattamento più equo a dipendenza del numero di persone che compongono il nucleo familiare oppure della dimensione e tipologia dell’attività commerciale". La tariffa base diversificata mira a "tenere conto del potenziale di produzione dei rifiuti". Secondo il principio che chi più genera rifiuti, più paga, "la tariffa base seguirà un principio maggiormente causale e risulterà ridotta rispetto a ora in particolare per le economie domestiche". Le quali tuttavia, ricordiamo, fino al 2021 pagavano ognuna 80 franchi annui.

Il sacco ufficiale resta invariato

Stando alla previsione d’incasso, la modifica del Regolamento comunale applicata retroattivamente dal 1° gennaio 2022 permetterebbe di coprire integralmente i costi preventivati per lo smaltimento dei rifiuti (pari a 4,23 milioni) per l’anno in corso. Secondo la normativa vigente (la Legge federale sulla protezione dell’ambiente e relativa Legge cantonale di applicazione) gli importanti costi che vengono generati ogni anno da raccolta e smaltimento dei rifiuti ingombranti e riciclabili, da raccolta dei rifiuti solidi urbani, spese amministrative, di servizio, d’infrastruttura e di manutenzione, possono essere coperti unicamente attraverso la riscossione della tassa base e non dalla tassa sul sacco. Nessuna modifica invece – rispetto alla decisione dello scorso autunno – è prevista per il costo del sacco e per le tariffe di smaltimento scarti vegetali. Rispettivamente: 58 centesimi per il sacco di 17 litri, 1,20 franchi per quello da 35, 2,07 franchi per quello da 60 e 3,80 franchi per quello da 110 litri. Etichetta annuale scarti vegetali 100 franchi, tessera annuale consegna scarti vegetali 30 franchi, e fascina 3 franchi.

Modalità di lavoro

Per giungere a questa proposta – che affina il regolamento entrato in vigore il 1° gennaio 2019 uniformando la situazione in tutta la Città di Bellinzona dopo l’aggregazione – il Municipio ha coinvolto la Commissione consultiva dei rifiuti, "che ha fornito spunti e suggerimenti e ha sostanzialmente condiviso la visione dell’Esecutivo. Per il lavoro di revisione ci si è pure basati sui dati di altri Comuni e Città ticinesi".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved