WAS Capitals
SJ Sharks
01:00
 
COB Jackets
0
CAL Flames
1
1. tempo
(0-1)
TOR Leafs
0
ANA Ducks
1
1. tempo
(0-1)
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
siano-i-comuni-a-stabilire-l-importo-della-tassa-sul-sacco
Ti-Press
Chi inquina paga
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
54 min

Sì al congedo ai dipendenti pubblici per famigliari malati

Il Gran Consiglio approva le 14 settimane pagate per chi ha un figlio o un partner con gravi problemi di salute. Sì anche all’appello per India
Ticino
1 ora

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
2 ore

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
2 ore

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
2 ore

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
3 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
4 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
4 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
4 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
6 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
Luganese
7 ore

Cerimonia per la maggiore età a Vernate e Neggio

Presenti oltre i neo diciottenni anche le autorità dei due comuni malcantonesi
Locarnese
7 ore

Società bocciofila Brissago in assemblea

Soci convocati venerdì prossimo, dalle 20, al bocciodromo comunale
20.10.2021 - 16:240

Siano i Comuni a stabilire l’importo della tassa sul sacco

Lo chiede un’iniziativa generica, trasversale all’arco parlamentare, con prima firmataria Maddalena Ermotti-Lepori del Ppd

“Lasciare l’autonomia ai Comuni nella determinazione, sia della tassa sul sacco, sia della tassa base”. È quanto proposto da un’iniziativa parlamentare generica, firmata da una quindicina di granconsiglieri di quasi tutto l’arco parlamentare, presentata da Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd). Secondo gli iniziativisti, che hanno colto uno spunto in tal senso dell’associazione Okkio, le norme cantonali di applicazione della Legge federale sulla protezione dell’ambiente hanno sì recepito il principio di causalità ovvero ‘chi inquina paga’, ma l’importo della tassa sul sacco è fissato dal Consiglio di Stato e non dai Comuni. Questo crea disparità di trattamento tra Comuni virtuosi e quelli meno.

“In Svizzera vengono prodotti ogni anno circa sei milioni di tonnellate di rifiuti urbani. In conformità ai principi della Legge federale sulla protezione dell’ambiente (LPAmb) e dell’ordinanza sulla prevenzione e lo smaltimento dei rifiuti (ordinanza sui rifiuti; OPSR), occorre prevenire la produzione di rifiuti, riciclarli e smaltirli in modo rispettoso dell’ambiente”, si legge nell’iniziativa. “Al tempo stesso, l’articolo 32a LPAmb stabilisce che i costi dello smaltimento dei rifiuti urbani devono essere imputati a chi li causa, in forma di emolumenti o altre tasse, sancendo pertanto un finanziamento dello smaltimento dei rifiuti urbani basato sul principio di causalità”, si precisa.

La legge di applicazione cantonale della LPAmb è stata modificata qualche anno fa; le modifiche della LALPAmb in vigore dall’1.7.2017 e i relativi adeguamenti nei regolamenti comunali stanno però creando parecchio malcontento, in particolare per le conseguenze sulla tassa base che risulta così essere, in certi casi, sproporzionata. Il tema, come detto, è stato sollevato in primavera dall’associazione Okkio, con un testo trasmesso ai granconsiglieri e ai Comuni in data 19 maggio 2021 (reperibile sul sito www.okkio.ch).

“Il problema principale è dato dal fatto che la tassa sul sacco è fissata, non dai Comuni, ma dal Consiglio di Stato, e copre unicamente i costi di smaltimento, di produzione del sacco e dell’Iva (vedi LALPAmb all’articolo 18, che riguarda il finanziamento della raccolta).

Il Foglio Ufficiale N. 173 del 27.9.2021 riporta gli importi minimi e massimi della tassa sul quantitativo per i rifiuti solidi urbani (Rsu) per il periodo dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022, decisi appunto dal Consiglio di Stato: da 0,90 franchi a 1,20 franchi (sacco da 35 litri) per quanto riguarda la tassa sul volume; un minimo di 0,18 franchi fino a 0,24 franchi al kg per quanto riguarda il peso.

In questo modo, fanno notare, gli iniziativisti, “i Comuni, che per legge devono coprire integralmente i costi tramite il ricavo della tassa sul sacco e la tassa base, si vedono costretti a riversare tutti i costi rimanenti su quest’ultima. Non si tiene conto, in tal modo, delle diversità comunali”. “Per alcuni Comuni, ad esempio quelli che devono servire un ampio territorio con pochi abitanti, i costi della raccolta dei rifiuti sono maggiori, ed è maggiore il costo per la raccolta di trasporto dei rifiuti fino all’inceneritore di Giubiasco e di gestione della raccolta differenziata”, si precisa. La conseguenza è che molti Comuni, che avevano già la tassa sul sacco prima dell’1.7.2017 hanno dovuto, o dovranno prossimamente, aumentare sproporzionatamente la tassa base.

“Una tassa sul sacco così bassa è inoltre un palese disincentivo alla raccolta separata, contro lo spirito della legge”, fanno notare gli iniziativisti che chiedono quindi di “lasciare l’autonomia ai Comuni nella determinazione, sia della tassa sul sacco (nuovo), sia della tassa base (come finora).

In concreto si chiede che la tassa sul quantitativo (tassa sul sacco) possa comprendere anche altri elementi di costo variabili oltre ai semplici costi di smaltimento (ad esempio anche i costi di trasporto e/o quelli per le raccolte separate). Inoltre “che la tassa base possa venire differenziata per alcune categorie oggettive di utenti, anche tenendo conto della recente giurisprudenza, purché sia attuata in un modo non penalizzante per le famiglie e non eccessivamente complesso da gestire dal profilo amministrativo per gli enti pubblici locali”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved