ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
52 min

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
53 min

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
2 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
3 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
3 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
3 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
4 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
4 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
4 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
4 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
5 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
5 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
5 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
5 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
01.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:36

La lince si ripresenta in pubblico sopra Quinto

Il felino più grande d’Europa è presente in Media Leventina da inizio anni 90, ma la sua esistenza passa quasi inosservata

la-lince-si-ripresenta-in-pubblico-sopra-quinto
Depositphotos

Una lince in Alta Leventina? Da informazioni da noi raccolte l’animale è stato immortalato in più occasioni dalle fototrappole collocate nei boschi sopra Quinto così come da cacciatori e guardacaccia. Più precisamente da qualche settimana è stata riscontrata la presenza di un branco, verosimilmente una famiglia composta dalla mamma e alcuni cuccioli, nei pressi della montagna sopra il paese, nelle vicinanze di Deggio. Un primo incontro era già avvenuto durante un censimento notturno di cervi effettuato in primavera. E alla fine di marzo il felino più grande d’Europa si era ripresentato in pubblico in Val Bregaglia, in zona Löbbia (sopra Soglio). Il suo pelo maculato sembrerebbe quindi ora aver fatto di nuovo breccia nei boschi ticinesi. L’esemplare in questione, di cui ultimamente si erano perse le tracce, pare essere sceso fino a 1’400 metri di quota, nelle vicinanze di alcune stalle e altre abitazioni. Dopo le accese discussioni sulla tutela o meno del lupo, la notizia non sembra tuttavia preoccupare più di quel tanto la cittadinanza: la lince è un animale considerato ‘pacifico’ e meno problematico rispetto all’imprevedibilità del canide.

‘Felino presente già da decenni in Media Leventina’

Il capo dell’Ufficio della caccia e della pesca Tiziano Putelli rassicura comunque la popolazione: «Il predatore ormai da decenni è presente in Media Leventina: le prime segnalazioni sono risalenti agli anni 90, poco dopo la sua reintroduzione su suolo nazionale». La lince è infatti scomparsa a inizio Novecento a causa del deterioramento delle condizioni necessarie alla sua sopravvivenza (disboscamento e riduzione delle prede naturali). Il recupero dei boschi così come il ritorno di caprioli, cervi e camosci hanno però creato le premesse ideali affinché facesse di nuovo capolino sulle Alpi. Le prime coppie, provenienti dai Carpazi slovacchi, furono quindi rilasciate negli anni 70 nel Canton Obvaldo, nell’ambito di un progetto di reinserimento promosso dalla Confederazione. Dal ritrovamento di una carcassa di capriolo a inizio secolo, la conferma invece della sua espansione geografica anche in Ticino. Nel 2003 la discussione sulla presenza o meno dell’animale a livello cantonale si acuì fra la popolazione successivamente all’uccisione di un agnellino in Bassa Leventina. Un fatto più unico che raro: il felino di medie dimensioni conduce una vita solitaria e notturna, uscendo allo scoperto all’imbrunire e cacciando prevalentemente piccoli ungulati (mediamente uno alla settimana).

‘Nessun pericolo per l’uomo’

Dal pelo maculato ocra-grigio scuro, i caratteristici ciuffi ‘a pennello’ alle estremità delle orecchie e la coda quasi inesistente, la lince è una specie rigorosamente protetta dalla legge federale sulla caccia, visto che si tratta di un animale a rischio estinzione. «Non c’è da preoccuparsi», ribadisce Putelli. «È considerato un grande predatore, ma non è assolutamente pericoloso per l’uomo». L’uccisione di capi di bestiame da reddito è inoltre pressoché nulla, come documenta la Fondazione Kora. A differenza del lupo balzato agli onori della cronaca negli scorsi mesi – da ricordare in particolare la decisione del Consiglio di Stato che ha autorizzato l’abbattimento di un esemplare a seguito delle numerose predazioni avvenute a Cerentino –, «la lince crea problemi marginali: la popolazione in Svizzera conta più di duecento esemplari, ma la sua presenza passa quasi inosservata». E questo anche a causa del «mantello che ricopre una rilevante funzione mimetica, rendendo l’animale difficile da rintracciare in zone a forte copertura boschiva. Mantello che però, grazie alle riprese fotografiche, permette di identificare l’individuo in base alla maculatura». L’Ufficio della caccia e della pesca invita in ogni caso i cittadini a segnalare eventuali osservazioni.

Risarcimenti in caso di predazioni

Confederazione e Cantoni sono chiamati a indennizzare gli allevatori interessati dalla predazione di animali da reddito da parte della lince. Nel caso in cui il felino effettui tutta una serie di attacchi in un perimetro di cinque chilometri possono essere attuate ulteriori misure di protezione: l’uccisione di più di quattordici pecore o capre nell’arco di dodici mesi può comportare il rilascio di un’autorizzazione di abbattimento da parte delle autorità cantonali, previa (sempre) concessione dell’Ufficio federale dell’ambiente. Se invece il numero di caprioli e camosci in circolazione diminuisse in maniera tale da impedirne la caccia, si procede innanzitutto alla cattura e alla dislocazione dell’animale. L’intenzione è infatti di ridurre la densità localmente elevata e regolarne la popolazione nel caso in cui predi eccessivamente la fauna selvatica, favorendo comunque l’espansione della specie.

Leggi anche:

Lupo a Cerentino: autorizzato l’abbattimento

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved