ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
4 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
6 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
6 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
7 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
7 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
7 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
8 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
8 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
9 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
9 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
9 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
9 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
Bellinzonese
9 ore

Code uguali ma tempi d’attesa diversi: ‘Più veloci verso Sud’

Gottardo, ribadite dalla consigliera federale Sommaruga le ipotesi di Ustra: chi va in ferie guiderebbe più speditamente
Ticino
10 ore

Mobilità aziendale, in vigore il nuovo credito di 2 milioni

Il Consiglio di Stato informa sulle novità e sulle attività oggetto di questo secondo finanziamento. Aumenta il cofinanziamento per posteggi di bici
Ticino
10 ore

Pensioni del Cantone, ‘in piazza per opporci a un altro taglio’

Il gruppo per la difesa delle rendite (ErreDiPi) chiama a raccolta gli affiliati all’Ipct. Il portavoce: ‘Si rischia di impoverire la società ticinese’.
24.03.2022 - 16:41
Aggiornamento: 16:57

Caduto Sassi Grossi, Giornico e Bodio decideranno entro l’estate

I due Municipi hanno commissionato un’analisi finanziaria per sondare la fattibilità di un’aggregazione più piccola senza Personico e Pollegio

caduto-sassi-grossi-giornico-e-bodio-decideranno-entro-l-estate
Ti-Press
Veduta aerea di Bodio

Caduto il progetto Sassi Grossi, bisognerà attendere ancora qualche mese per sapere se in Bassa Leventina partirà l’istanza all’indirizzo del Consiglio di Stato per un’aggregazione più piccola tra Bodio e Giornico, i cui cittadini si sono espressi nettamente a sostegno della fusione lo scorso 13 febbraio. Alla luce dell’ampio sostegno popolare, i due Municipi hanno ora affidato un mandato esterno per approfondire la fattibilità di un’unione a due, in particolare dal punto di vista finanziario. I Comuni si aspettano un rapporto che indichi la forza del futuro ente locale di circa 1’900 abitanti, stilato anche in base all’analisi degli ultimi consuntivi comunali. Entro l’inizio dell’estate, indicano da noi contattati i sindaci di Bodio Stefano Imelli e di Giornico Rosolino Bellotti, si avranno sul tavolo tutte le informazioni necessarie per decidere se dare avvio al processo aggregativo che prevederebbe un nuovo iter. E quindi istanza al governo, commissione di studio, rapporto commissionale (con possibilità di prendere spunto da quello stilato per Sassi Grossi), preavviso di esecutivi e legislativi e nuova votazione consultiva popolare.

Il Cantone sostiene l’unione a due

L’analisi finanziaria commissionata da Bodio e Giornico è un passo che segue l’appoggio a una fusione più piccola manifestato dalla Sezione degli enti locali in occasione della riunione successiva al voto del 13 febbraio, quando a differenza di Bodio e Giornico (81% e 84% di sì) i cittadini di Personico e Pollegio (65% e 82% di no) hanno affossato il progetto aggregativo per unire i quattro Comuni della Bassa Leventina. «Per quanto riguarda Bodio la finalità aggregativa rimane, senza la quale è difficile andare avanti – dichiara il sindaco Imelli –. Bisogna però chiarire se un nuovo Comune a due, anziché a quattro, ha la forza sufficiente per andare avanti. Quello che non vogliamo è un ente locale finanziariamente debole». Anche il contributo di 5,4 milioni di franchi di aiuti cantonali previsti per Sassi Grossi dovrà essere rivisto. «Attendiamo il rapporto dell’analisi e poi decideremo», taglia corto il sindaco di Giornico Bellotti.

Della Santa: ‘La celerità dei due Comuni fa la differenza’

Le tempistiche indicate per decidere se dare avvio al processo aggregativo a due imporrebbero grande celerità per arrivare a eleggere gli organi comunali del nuovo ente locale nell’aprile 2024, come nel resto del Ticino. «Più passa il tempo, più sarà difficile – afferma il capo della Sel Marzio Della Santa –. C’è la concreta possibilità che si vada a votare per la proroga degli attuali organi comunali per qualche mese, fino alla costituzione del nuovo ente locale».

Il nodo della zona industriale

La velocità con cui si muoveranno i due Comuni farà la differenza anche per quanto riguarda il contributo finanziario cantonale previsto per le aggregazioni. La soluzione che la Sel avrebbe preferito era l’inoltro dell’istanza in tempi più brevi. «A partire dal momento in cui saranno presentati i nuovi consuntivi dei due Comuni, saranno questi a far da riferimento e non più i dati su cui si è basato lo studio e quindi anche i contributi per Sassi Grossi. Se la situazione finanziaria dei Comuni migliora, allora i contributi cantonali diminuiranno; se le situazione peggiora, aumenteranno». Sebbene dimezzato rispetto a quello che includeva anche Personico e Pollegio, per il Cantone il progetto Bodio-Giornico è comunque da ritenere valido. «Da una parte c’è un margine di miglioramento per quanto riguarda il funzionamento del nuovo Comune – afferma Della Santa –. Ma quello che agli occhi della Sel risulta particolarmente interessante è la capacita di gestione della zona industriale. Un progetto relativamente complesso, che necessita di un allineamento politico inequivocabile e che sarebbe dunque facilitato da unica entità comunale. Si vorrebbe evitare che eventuali nuove aziende attirate dall’auspicato piano di rilancio del comparto sottostiano a regole e a piani regolatori diversi che potrebbero indurle ad andare altrove».

Come detto il Consiglio di Stato ha licenziato oggi il messaggio con cui chiede al Gran Consiglio di chiudere definitivamente il capitolo Sassi Grossi, non essendo date le condizioni per aggregare in via coatta uno o entrambi i Comuni contrari.

Alta Leventina

Quinto e Prato incontrano la Sel

Spostandoci in Alta Leventina, la risoluzione dello scorso dicembre del Consiglio comunale di Prato Leventina – che a larghissima maggioranza ha di fatto incaricato il Municipio di rilanciare il discorso dell’aggregazione con Quinto, Airolo, Bedretto e Dalpe – potrebbe portare presto all’inoltro di un’istanza al Consiglio di Stato. «Nelle scorse settimane, al fine di precisare e condividere il percorso da seguire, abbiamo avuto un incontro con i sindaci di Quinto e Prato Leventina, i quali si sono detti interessati a portare avanti il discorso – spiega Della Santa –. Prima di avviare l’istanza, hanno convenuto di interpellare gli altri tre Municipi per verificare un loro eventuale interesse a essere coinvolti in un uno studio aggregativo. La Sel è dunque in attesa di un riscontro. La differenza con la Bassa Leventina è che si parte da zero e quindi c’è meno pressione, le tempistiche per il 2024 non sono semplicemente realizzabili». Da noi contattati a inizio gennaio, i sindaci di Airolo, Bedretto e Dalpe si erano detti scettici al riguardo di una fusione dell’alta valle.

Leggi anche:

Aggregazione Bassa Leventina, ok del Governo all’abbandono

L’aggregazione della Bassa Leventina incassa due sì e due no

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved