ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
15 min

In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi

I posti letto occupati da pazienti covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
Video
Ticino
46 min

Un lupo ripreso in un video mentre attraversa la strada a Bodio

Dopo l’avvistamento in Bassa Leventina scatta l’interrogazione al Consiglio di Stato di Sara Imelli (Centro). ‘I gridi d’allarme sono caduti nel vuoto’.
Locarnese
47 min

Brissago, avvicinamento al Natale

Per il “calendario dell’Avvento” un ricco programma di animazioni e incontri, dall’accensione dell’albero fino alla storica “Nodada”
Locarnese
52 min

Bottega del Mondo di Locarno, aperitivo di compleanno

Per festeggiare con la clientela i 40 anni dall’apertura il negozio promuove, sabato, un momento conviviale e sconti sugli acquisti
Luganese
1 ora

Lugano, domani l’accensione dell’albero di Natale

La Città ricorda il tradizionale appuntamento che si terrà a partire dalle 17.15 in Piazza della Riforma
Locarnese
1 ora

‘Caso La Palma’, condanna confermata e pena più severa

Per la Corte di appello e revisione penale fu omicidio intenzionale e non solo colposo. L’imputato dovrà scontare 18 anni e mezzo di carcere
Locarnese
3 ore

‘I pirati del Lago Maggiore’ al Centro Triangolo

Marco Bazzi presenterà il suo libro giovedì 1 dicembre alle 17.30, in occasione del finissage della mostra di Maddalena Mora e Luca Albrecht
Locarnese
3 ore

Contro la violenza sulle donne, le scarpe rosse in piazza

Azione di sensibilizzazione in via Ramogna sulla tematica da parte delle socie di Soroptimist Club e Zonta Club Locarno
Locarnese
3 ore

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
5 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
7 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
7 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
15 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
16 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
16 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
16 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
16 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
16 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
14.03.2022 - 21:50
Aggiornamento: 23:11

Il bike sharing di Bellinzona resiste alle bordate

Votato il potenziamento che quadruplica le postazioni e triplica le bici noleggiabili coinvolgendo altri sei quartieri

il-bike-sharing-di-bellinzona-resiste-alle-bordate
Ti-Press
Maggio 2019: prime pedalate a Gudo

Troppo limitata per avere il successo sperato, la rete bellinzonese di bike sharing va potenziata portando da 10 a 38 le postazioni e da 59 a 147 le biciclette messe a disposizione. Ne è convinta la maggioranza del Consiglio comunale che questa sera con 34 sì, 12 no e 3 astenuti ha avallato il credito di 638mila franchi da cui ne saranno dedotti 305mila in sussidi cantonali e 197mila in contributi Fer, con un costo netto a carico del Comune ridotto a 136mila. La maggioranza della Commissione del Piano regolatore invitava il plenum a sostenere l’operazione sottolineando che l’attuale ridotto utilizzo sia in gran parte da attribuire "alla scarsità di postazioni che inficiano il proposito della rete, collegare l’ultimo chilometro". Perciò il rapporto redatto da Davide Pedrioli (Ppd) ha insistito sulla necessità di prevedere postazioni "sì vicino all’arrivo dei mezzi pubblici, ma altresì vicino ai luoghi di maggior frequentazione. Dipendenti dei servizi pubblici, chi si sposta con i mezzi pubblici per lavoro e turisti". L’ampliamento «diventa quindi la condizione per l’esistenza della rete stessa», ha ribadito Pedrioli in aula durante il lungo dibattito. In caso contrario «dovremmo discutere dell’utilità di questo strumento». Di parere opposto il rapporto di minoranza (relatore Fabio Briccola, Plr) che ha esposto cifre poco rallegranti: l’anno scorso vi è stata una media quotidiana di undici noleggi al giorno per mezz’ora al giorno, "e così facendo non vi è una sostanziale diminuzione del traffico motorizzato". Inoltre potenziando l’offerta "le criticità presenti si accentuerebbero ulteriormente", non da ultimo perché sistemi simili "funzionano dove c’è una cospicua densità di popolazione e un’evidente richiesta. E a Bellinzona non è mai stata manifestata l’esigenza di questo servizio, ma semmai la richiesta di avere percorsi più sicuri e completi". Da qui l’invito, non da ultimo considerando il momento di ristrettezze finanziarie, a rinviare il potenziamento in attesa delle conclusioni dello studio sull’offerta di mobilità dolce per redigere il quale il Municipio ha incaricato degli esperti.

Il dibattito

Pedrioli ha esordito rimarcando come la spesa di 136mila franchi sia sostenibile, corrispondendo allo 0,5% dell’investimento netto che il Comune di Bellinzona può sopportare: «Pure importante è che la gestione sia data alla Fondazione Gabbiano con scopo sociale che occupa persone meno fortunate. Inoltre il progetto si collega ancor di più a quello analogo e già ben diffuso sul territorio partito dal Locarnese». Manuel Della Santa (Plr) ha ribadito che «l’attuale rete non funziona perché non sufficientemente estesa. Dobbiamo darle la chance di aumentare l’efficacia». Briccola ha ribadito la necessità di avere semmai corsie e piste ciclabili migliori e complete, più stalli e più postazioni per la ricarica. Dal profilo finanziario, poi, «dobbiamo anche chiederci fino a quando il Cantone sarà disposto a destinare importanti risorse a questo servizio deficitario. E se non sia un lusso per poche persone. Peraltro, la stessa Posta ha ceduto PubliBike, la propria azienda di bike sharing, avendo accumulato un importante disavanzo». Maura Mossi Nembrini (Più donne) ha rimarcato invece il ritardo accumulato rispetto ad altre realtà cittadine. E Ronald David (Verdi) ha ribadito che la chiave per far funzionare il bike sharing è una rete capillare: «È uno dei tanti tasselli della mobilità dolce che va potenziata percorrendo più strade. Proposte e soluzioni, soprattutto nostre, che puntualmente vengono tuttavia bocciate in questa sede». Claudio Buletti (Unità di sinistra) ha evidenziato «l’energia negativa del relatore di minoranza: tanto valeva che presentasse una mozione per abolire il servizio». Claudio Cattori (Ppd) ha motivato il proprio ‘no’ lamentando il totale mancato coinvolgimento di negozi di biciclette locali, essendo tutta la manutenzione affidata alla Fondazione Gabbiano. Anche il gruppo Lega/Udc si è schierato contro, «visto l’esiguo utilizzo», ha detto Sacha Gobbi. Il capogruppo Luca Madonna ha indicato come «decisamente più interessante, semmai, un aiuto ai cittadini per l’acquisto di bici elettriche. E poi è inutile fare paragoni con le città d’Oltralpe, perché lo sanno tutti che più si va a sud e più si diventa lazzaroni e il bike sharing non funziona». Massimiliano Ay (Pc) ha motivato la propria firma positiva con riserva al rapporto commissionale ritenendo che avrebbe preferito una valutazione «più ampia e meno monopolista sul servizio di manutenzione; tuttavia gli altri elementi mi convincono a votare il potenziamento». Taglia corto Tuto Rossi (Udc): «Avremo la rete di bike sharing più estesa della Svizzera ma anche la meno funzionante della Svizzera». Danilo Forini (Sinistra) ha invece ricordato che «anche la Città di Locarno ha iniziato con fatica, ma poi potenziando la rete ha ottenuto cifre migliori. Inoltre saranno così serviti sei nuovi quartieri».

La replica

Il vicesindaco Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità, ammette che il sistema bike sharing «non è pensato per fare utili, ma quale tassello nell’ambito della mobilità dolce e integrata, dove il trasporto pubblico per esempio funziona con un finanziamento assicurato solo per il 30% dagli utenti e per ben il 70% dai contributi pubblici». Sistema che «non è vero che non funziona, ma semmai non ne è sfruttata tutta la potenzialità, che va ricercata nella capillarità». Quanto alla disponibilità di piste ciclabili, Gianini ha ricordato i 20 milioni investiti negli ultimi anni e gli altrettanti previsti sul medio termine. E quanto al fatto che la Città non abbia coinvolto il mercato privato per la manutenzione delle bici, «la motivazione è da ricercare nell’economia di scala con la Città di Locarno e quindi nel costo minore garantito dalla Fondazione Gabbiano».

Leggi anche:

Bellinzona contro la guerra in Ucraina e pronta ad aiutare

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved